I re­si­den­ti: qui de­gra­do sen­za fi­ne

La nor­ma­li­tà? Im­mon­di­zia, let­ti di car­to­ne, pu­sher e si­rin­ghe

Corriere della Sera (Roma) - - CRONACA DI ROMA - Eri­ca Del­la­pa­squa

Di nuovo piaz­za Vit­to­rio. Do­me­ni­ca l’oc­cu­pa­zio­ne sim­bo­li­ca dei re­si­den­ti (an­che «vip», Pao­lo Sor­ren­ti­no con la mo­glie e l’at­tri­ce Carlotta Na­to­li). Lunedì il ri­tor­no alla so­li­ta, de­gra­da­ta nor­ma­li­tà: im­mon­di­zia, spac­cia­to­ri, si­rin­ghe, let­ti di car­to­ne. E ie­ri not­te lo stu­pro di quella sen­za­tet­to: «Sì, ho ca­pi­to chi è, qua li co­no­scia­mo tut­ti, è gra­vis­si­mo, gra­vis­si­mo». Daniela D’An­to­nio, della re­te di re­si­den­ti «Esqui­li­no Vi­vo» che ap­pun­to ogni do­me­ni­ca «oc­cu­pa­no» il ro­se­to per cac­cia­re via i pu­sher, vor­reb­be tro­va­re al­tre pa­ro­le, ma alla fi­ne, pen­san­do­ci, c’è po­co da ag­giun­ge­re: «Tut­to ciò, lo stu­pro, il de­gra­do, la con­di­zio­ne di que­sta piaz­za, è in­tol­le­ra­bi­le, in­de­gno di una Ca­pi­ta­le co­me Ro­ma». Vo­glio­no or­ga­niz­za­re qual­co­sa, an­co­ra non san­no co­sa e quan­do. Tut­ti, pe­rò, han­no chia­ro in te­sta che non si può an­da­re avan­ti co­sì. C’è so­lo il per­ché: «Bi­so­gna far ri­vi­ve­re la piaz­za, riap­pro­priar­ce­ne, strap­par­la all’in­cu­ria, ai fan­ta­smi, all’in­de­cen­za».

Al­lo­ra, co­sa suc­ce­de a piaz­za Vit­to­rio? «Tut­to co­me sempre, pur­trop­po sta­vol­ta ci è an­da­ta di mez­zo quella po­ve­ret­ta». Ha uno sguar­do sfi­du­cia­to Ma­ria Ro­sa­ria det­ta Rosi che pro­prio l’al­tra mat­ti­na se l’è tro­va­ta ad­dos­sa­ta alla ser­ran­da del suo bar, ma co­me po­te­va sa­pe­re co­sa sa­reb­be suc­ces­so? «Non l’ho man­da­ta via, se ne è an­da­ta da so­la, chi po­te­va immaginare…». To­ni sin­ce­ra­men­te di­spia­ciu­ti, sotto i por­ti­ci sempre co­sì spor­chi, ma il fat­to è che i sen­za­tet­to so­no tan­ti.

La si­gno­ra dell’un­ci­net­to, l’al­tra coi ca­pel­li ros­si e lo zuc­cot­to, Gio­van­ni dei ma­gaz­zi­ni Mas, alla fi­ne non so­no in­vi­si­bi­li e non è ve­ro che non ven­go­no no­ta­ti. «Ci so­no persone che vi­vo­no qua da an­ni, cer­to, li co­no­scia­mo tut­ti - rac­con­ta il far­ma­ci­sta che non fa tur­ni se­ra­li e no, se aves­se una fi­glia non la la­sce­reb­be al par­co da so­la -. Ci so­no trop­pi pro­ble­mi: que­sta piaz­za non era co­sì 10 an­ni fa co­me non era co­sì il quar­tie­re Trie­ste. È tut­to peg­gio­ra­to». Lui par­la e in­ter­vie­ne una ra­gaz­za: «Io i giar­di­ni non li at­tra­ver­so da un an­no, per pren­de­re il tram fac­cio tut­to il gi­ro della piaz­za». Il par­co: in­de­gno og­gi co­me ie­ri, ie­ri co­me ogni gior­no.

Tri­stez­za Cit­ta­di­ni della zo­na han­no am­mes­so di co­no­sce­re que­sti sban­da­ti

Cen­tro Piaz­za Vit­to­rio è nel cen­tro della cit­tà, a po­chi pas­si dal­la sta­zio­ne Ter­mi­ni (foto LaP­res­se)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.