Ro­ma, per Flo­ren­zi e Alis­son rin­no­vi mol­to com­pli­ca­ti Pres­sing del Real sul por­tie­re

Corriere della Sera (Roma) - - SPORT - Gian­lu­ca Pia­cen­ti­ni

Nel me­se di fuo­co (con 8 par­ti­te) che per la Ro­ma ini­zie­rà sa­ba­to a Udi­ne, Eu­se­bio Di Fran­ce­sco sa­rà co­stret­to ad at­tin­ge­re a pie­ne ma­ni alla ro­sa, ma con una gros­sa ec­ce­zio­ne. Se, in­fat­ti, dal­la me­tà cam­po in su le al­ter­na­ti­ve so­no mol­te, in di­fe­sa la si­tua­zio­ne non è co­sì po­si­ti­va.

Ko­la­rov da una par­te e Flo­ren­zi dall’al­tra, in­fat­ti, per il mo­men­to non han­no una ve­ra e pro­pria al­ter­na­ti­va. Per il ser­bo c’è pe­rò all’oriz­zon­te la pos­si­bi­li­tà di un po’ di ri­po­so, quan­do sa­rà di­spo­ni­bi­le Jo­na­than Sil­va. Per Flo­ren­zi, vi­sta l’as­sen­za di Kar­sdorp e con Bru­no Pe­res or­mai con­si­de­ra­to un ex, c’è il se­rio ri­schio di do­ver­le gio­ca­re tut­te, e que­sto può es­se­re un pro­ble­ma con­si­de­ran­do che il suo ren­di­men­to nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne è ca­la­to sen­si­bil­men­te.

Le cau­se so­no da ri­cer­ca­re nel doppio in­for­tu­nio di cui è sta­to vit­ti­ma lo scor­so an­no, nel ruo­lo di ter­zi­no che oc­cu­pa più per ne­ces­si­tà che per rea­le con­vin­zio­ne, non sua ma del tec­ni­co, e for­se an­che per­ché è in at­te­sa di una chia­ma­ta dal­la so­cie­tà per rin­no­va­re il con­trat­to, in sca­den­za nel 2019.

Una te­le­fo­na­ta che an­co­ra non è ar­ri­va­ta, e la co­sa sto­na un po’ vi­sto che è il vi­ce ca­pi­ta­no della squadra e che ne­gli ul­ti­mi tem­pi so­no stati rin­no­va­ti con­trat­ti im­por­tan­ti co­me quel­li di Fa­zio, Pe­rot­ti, Stroot­man, Ma­no­las.

Il suo do­vreb­be es­se­re il pros­si­mo, ma l’esi­to della trat­ta­ti­va non è scon­ta­to: per Flo­ren­zi, che tra po­co com­pi­rà 27 an­ni, sa­rà il con­trat­to eco­no­mi­ca­men­te più im­por­tan­te della car­rie­ra, e per que­sto pun­ta a gua­da­gna­re co­me i cal­cia­to­ri con­si­de­ra­ti top nel­la ro­sa, Dze­ko e Naing­go­lan, che han­no uno sti­pen­dio su­pe­rio­re a 4 mi­lio­ni di eu­ro (bo­nus com­pre­si).

La Ro­ma, chiu­sa dai pa­let­ti del Fi­nan­cial Fair Play, sta cer­can­do di ab­bas­sa­re il mon­te in­gag­gi. In que­sta ot­ti­ca non sa­rà una pas­seg­gia­ta nem­me­no il rin­no­vo di Alis­son: la so­cie­tà vor­reb­be in­se­ri­re nel nuovo con­trat­to una clau­so­la re­scis­so­ria mol­to al­ta (90 mi­lio­ni), mentre a Ma­drid c’è la con­vin­zio­ne che il bra­si­lia­no già pri­ma dei Mondiali pos­sa fir­ma­re per il Real, pron­to a sbor­sa­re 75 mi­lio­ni. Of­fer­te, per ora, non ne so­no ar­ri­va­te.

Di Fran­ce­sco, nel frat­tem­po, pre­pa­ra la ga­ra di sa­ba­to con­tro l’Udi­ne­se (ore 15). La dop­pia buo­na no­ti­zia ri­guar­da il pie­no re­cu­pe­ro di Schick e De Ros­si, e la no­ta, pub­bli­ca­ta ie­ri dal­la so­cie­tà friu­la­na, in cui si spe­ci­fi­ca che sa­rà con­sen­ti­to l’ac­ces­so al set­to­re ospi­ti della Da­cia Are­na ai ti­fo­si ro­ma­ni­sti che ave­va­no già ac­qui­sta­to i bi­gliet­ti pri­ma del di­vie­to im­po­sto dal Pre­fet­to di Udi­ne.

Pez­zi pre­gia­ti Alis­son, a si­ni­stra, ab­brac­cia Flo­ren­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.