Il can­tau­to­re fe­steg­gia 50 an­ni di car­rie­ra con il nuo­vo tour «Al Cen­tro», da ve­ner­dì 19 per tre da­te al Pa­la­lot­to­ma­ti­ca Clau­dio Ba­glio­ni

Corriere della Sera (Roma) - - CULTURA & TEMPO LIBERO - Al­bum Clau­dio Ba­glio­ni (67 an­ni) ha ven­du­to ses­san­ta mi­lio­ni di di­schi (fo­to An­ge­lo Tra­ni) San­dra Ce­sa­ra­le

«Suo­na­re “in ca­sa” è un’emo­zio­ne per la qua­le è im­pos­si­bi­le tro­va­re gli ag­get­ti­vi giusti», rac­con­ta Clau­dio Ba­glio­ni a una set­ti­ma­na dal de­but­to ro­ma­no di «Al Cen­tro»: dal 19 al 21 ot­to­bre al Pa­la­lot­to­ma­ti­ca.

Tor­na sul pal­co do­po il tour con Mo­ran­di e il Fe­sti­val di San­re­mo che bis­se­rà nel 2019.

«Gianni era già una star quan­do io ero an­co­ra un ra­gaz­zi­no. Di­vi­de­re il pal­co con lui è sta­to bel­lo, av­vin­cen­te e an­che di­ver­ten­te. Po­chis­si­mi ten­go­no il pal­co co­me lui. E non so­lo in Ita­lia. Ogni se­ra era un cre­scen­do, sia nel­la sin­to­nia tra noi, che nell’en­tu­sia­smo del pub­bli­co. Ma an­che una sfi­da all’ul­ti­mo acu­to e all’ap­plau­so più

scro­scian­te. Riu­sci­re a ru­ba­re la sce­na a Gianni è ve­ra­men­te im­pre­sa da Ca­pi­ta­ni Co­rag­gio­si». E San­re­mo?

«È l’ap­pun­ta­men­to te­le­vi­si­vo più im­por­tan­te del Pae­se. Fa nu­me­ri da fi­na­le dei Mondiali. E an­che di più. Ro­ba da far tre­ma­re i pol­si an­che ai più na­vi­ga­ti e di­sin­can­ta­ti. Al­tro che New York: è San­re­mo la cit­tà che non dor­me mai. Non du­ran­te il Fe­sti­val, al­me­no. E tut­ti — dal più “pic­co­lo dei pic­co­li” al più “gran­de dei gran­di” — mi han­no in­se­gna­to qual­co­sa che non di­men­ti­che­rò. È gra­zie a lo­ro, se sia­mo riu­sci­ti a fa­re quel­lo che ab­bia­mo fat­to. Ed è gra­zie a lo­ro se, que­st’an­no, af­fron­te­rò la “tem­pe­sta per­fet­ta” con ani­mo più con­sa­pe­vo­le e an­co­ra più de­ter­mi­na­to». An­co­ra un pal­co al cen­tro del­la sce­na. Per­ché?

«Per due mo­ti­vi, su tut­ti. Il pri­mo è che le di­stan­ze tra ar­ti­sta e pub­bli­co si ri­du­co­no. Que­sto si­gni­fi­ca che tut­ti ve­do­no mol­to me­glio, e — co­sa an­co­ra più im- por­tan­te — che tut­ti sen­to­no mol­to me­glio. La se­con­da ra­gio­ne ri­guar­da la qua­li­tà del­lo spa­zio sce­ni­co. La sce­na è mol­to più gran­de e, so­prat­tut­to, può es­se­re mo­du­la­re e può as­su­me­re for­me di­ver­se. Il pal­co smet­te di es­se­re una pe­da­na per ospi­ta­re ar­ti­sti, stru­men­ti e at­trez­za­tu­re e di­ven­ta par­te in­te­gran­te del­lo spet­ta­co­lo».

Dal ’68 a og­gi, fe­steg­gia cin­quant’an­ni di car­rie­ra ma la mu­si­ca è cam­bia­ta...

«Di­rei che sia­mo cam­bia­ti in­sie­me. Lei ha cam­bia­to me. Non so­lo all’ini­zio, quan­do cer­ca­vo la mia di­men­sio­ne. Ma an­che lun­go tut­to il mio per­cor­so per­so­na­le e pro­fes­sio­na­le. E io ho cer­ca­to di cam­bia­re un po­chi­no an­che lei — par­lo del­la mu­si­ca po­po­la­re nel­la no­stra lin­gua — pro­van­do, sia nei di­schi che nei li­ve, a fon­de­re lin­guag­gi di­ver­si, per crear­ne uno il più pos­si­bi­le per­so­na­le. Qual­co­sa di si­mi­le a quel­lo che ac­ca­drà sul pal­co di “Al Cen­tro”, vi­sto che lo spet­ta­co­lo na­sce pro­prio dal­la fu­sio­ne di lin­guag­gi e ar­ti di­ver­se che si me­sco­le­ran­no al­la lin­gua prin­ci­pa­le, la mu­si­ca». Co­me na­sco­no le sue idee?

«Non so da do­ve ar­ri­vi­no, né per­ché ar­ri­vi­no. Non l’ho mai ca­pi­to. E, a un cer­to pun­to del­la mia vi­ta, ho smes­so di chie­der­me­lo. Non vo­le­vo che le idee si sen­tis­se­ro spia­te, si ir­ri­tas­se­ro e la smet­tes­se­ro di bus­sa­re al­la mia por­ta. Me­glio non ri­schia­re. Quel­lo che so è che – co­me di­ce­va Pi­cas­so – “l’ispi­ra­zio­ne esi­ste ma ti de­ve tro­va­re al la­vo­ro”. E, dun­que, cer­co di far­mi tro­va­re il più pron­to pos­si­bi­le. E ho im­pa­ra­to an­che che l’ispi­ra­zio­ne è so­lo un at­ti­mo: al qua­le se­gue un lun­go e fa­ti­co­so la­vo­ro. “Un per cen­to ispi­ra­zio­ne – co­me di­ce­va Edi­son, a pro­po­si­to del ge­nio – 99 per cen­to tra­spi­ra­zio­ne”,

vale a di­re su­do­re. Ave­va ra­gio­ne. L’ispi­ra­zio­ne è la pun­ta dell’ice­berg. Far emer­ge­re il re­sto è tutt’al­tro che fa­ci­le».

Vent’an­ni fa i suoi con­cer­ti apri­ro­no per la pri­ma vol­ta al­la mu­si­ca tut­to l’Olimpico. Che ri­cor­do ha?

«Straor­di­na­rio. La pri­ma vol­ta del­lo Sta­dio Olimpico con il pal­co sul pra­to (una spe­cie di stel­la po­la­re, lun­ga 90 me­tri e lar­ga 40) e tut­to il pub­bli­co in­tor­no, co­me per un gran­de der­by. Due in­cre­di-

bi­li “tut­to esau­ri­to” uno do­po l’al­tro, per un re­cord di pre­sen­ze tutt’ora im­bat­tu­to e ascol­ti sor­pren­den­ti per la di­ret­ta tv. In­di­men­ti­ca­bi­le». Un li­ve ro­ma­no a cui tie­ne?

«Dif­fi­ci­le sce­glie­re. Non so: for­se quel­lo del 1982, da­van­ti a una Piaz­za di Sie­na gre­mi­ta fi­no all’in­ve­ro­si­mi­le. Era un bel­lis­si­ma se­ra­ta di una straor­di­na­ria ot­to­bra­ta ro­ma­na, e suo­na­va­mo da­van­ti a più di 150mi­la per­so­ne. Fu il con­cer­to che inau­gu­rò la sta­gio­ne dei gran­di ra­du­ni di mas­sa per la mu­si­ca nel no­stro Pae­se, ac­com­pa­gna­to da un gri­do da sta­dio — Alè-oò — che di­ven­ne an­che il ti­to­lo del dop­pio al­bum li­ve che re­gi­stram­mo quel­la se­ra». Ri­tor­ne­rà a Ro­ma que­st’esta­te, al Cir­co Mas­si­mo?

«Ne du­bi­to. Do­po que­sta pri­ma par­te di “Al Cen­tro”, in­fat­ti, c’è il Fe­sti­val di San­re­mo – che non è esat­ta­men­te un im­pe­gno da po­co, con­si­de­ra­ti an­che i ri­sul­ta­ti del­lo scor­so an­no. Su­bi­to do­po co­min­cia la se­con­da par­te del tour, che an­drà avan­ti fi­no a fi­ne apri­le. A quel pun­to, do­vrò ri­pren­de­re a la­vo­ra­re al nuo­vo al­bum di ine­di­ti, che ho do­vu­to “met­te­re in pau­sa”. Non me ne vo­glia la mia cit­tà, ma te­mo che do­vrò sal­ta­re un gi­ro».

Ver­do­ne in una let­te­ra a Ro­ma ha scrit­to: “So­no in­caz­za­to ne­ro con co­lo­ro che ti han­no trat­ta­to ma­le in que­sti ul­ti­mi trent’an­ni”. È d’ac­cor­do?

«Mi ad­do­lo­ra se qual­cu­no le man­ca di ri­spet­to o la fe­ri­sce. Ma so an­che che lei è più for­te dei no­stri li­mi­ti e del­le no­stre man­can­ze. Non lo di­co io: lo di­ce la Sto­ria. Se la chia­ma­no Cit­tà Eterna, un mo­ti­vo ci sa­rà, no?»

Con O’scia’ ha por­ta­to in pri­mo pia­no il te­ma dell’im­mi­gra­zio­ne. E ades­so?

«Il pre­sen­te è dif­fi­ci­le. Mol­to. Sia per chi cer­ca un fu­tu­ro in Eu­ro­pa, sia per chi – in Eu­ro­pa – non vuo­le ve­der com­pro­mes­so il pro­prio. Non cre­do, pe­rò, che re­pli­ca­re l’espe­rien­za di O’scia’ pos­sa ser­vi­re. Non per­ché non sia sta­ta im­por­tan­te e non ab­bia avu­to va­lo­re. Al con­tra­rio. Il pun­to è che, nel 2003, quan­do ab­bia­mo ini­zia­to, si trat­ta­va di ac­cen­de­re i ri­flet­to­ri su un fe­no­me­no – l’emer­gen­za im­mi­gra­zio­ne – che po­chi co­no­sce­va­no e po­chis­si­mi vo­le­va­no co­no­sce­re. Og­gi il pro­ble­ma è sot­to gli oc­chi di tut­ti. Il ruo­lo del­la mu­si­ca è fi­ni­to. Ora toc­ca al­la po­li­ti­ca. Spet­ta a lei tro­va­re so­lu­zio­ni».

❞ Ro­ma Mi ad­do­lo­ra se qual­cu­no le man­ca di ri­spet­to o la fe­ri­sce. Ma so che lei è più for­te dei no­stri li­mi­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.