SCRIVETE PER NOI: SETTEBELLO

Ogni gio­ve­dì pub­bli­chia­mo il mi­glior te­sto d’at­tua­li­tà in­via­to dai let­to­ri a settebello@rcs.it. A fi­ne an­no, 7 pro­por­rà una col­la­bo­ra­zio­ne all’au­to­re dell’ar­ti­co­lo più con­di­vi­so dal­la no­stra pa­gi­na Fa­ce­book

Corriere della Sera - Sette - - Numero - Di An­to­nel­la Ste­li­ta­no

Un as­ses­so­ra­to al Fair Play, an­che co­sì s’im­pa­ra il ri­spet­to

I l mi­glio­re del­la set­ti­ma­na: An­to­nel­la Ste­li­ta­no, 53 anni

NEL­LA FI­NE DI QUE­STA ESTA­TE CAFONA, fat­ta di fol­le in­di­sci­pli­na­te, in­sul­ti via web, vio­len­za e una buo­na do­se di in­ci­vil­tà, mi pia­ce una no­ti­zia che vie­ne da Pon­za­no Ve­ne­to, pic­co­lo Co­mu­ne in pro­vin­cia di Tre­vi­so che, con un ge­sto qua­si ri­vo­lu­zio­na­rio, ha de­ci­so di isti­tui­re l’as­ses­so­ra­to al Fair Play. Si, pro­prio quel Fair Play che del­lo sport do­vreb­be es­se­re l’ani­ma, il mi­ni­mo co­mu­ne de­no­mi­na­to­re, l’es­sen­za. Quel­le pa­ro­li­ne ma­gi­che che so­no con­te­nu­te ne­gli sta­tu­ti di ogni fe­de­ra­zio­ne spor­ti­va, ma che so­no più as­sen­ti che pre­sen­ti. Eb­be­ne, questo Co­mu­ne di 12.700 abi­tan­ti ha de­ci­so di ade­ri­re ad un’ini­zia­ti­va pro­mos­sa dall’An­ci e dal Co­mi­ta­to Ita­lia­no Fair Play, pas­sa­ta in sor­di­na e snob­ba­ta da mol­ti.

SE I DUE ENTI NA­ZIO­NA­LI ave­va­no pen­sa­to a qual­co­sa di po­co in­va­si­vo, co­me una si­gla da ag­giun­ge­re a caratteri più o me­no mi­nu­sco­li a fian­co dell’in­ti­to­la­zio­ne dell’as­ses­so­ra­to al­lo Sport, il Co­mu­ne di Pon­za­no Ve­ne­to ha de­ci­so in­ve­ce di fa­re qual­co­sa di più in­ci­si­vo. Si so­no det­ti: per­ché il Fair Play de­ve es­se­re so­lo pen­sa­to in re­la­zio­ne al­lo sport? Per­ché non con­si­de­rar­lo un mo­del­lo di con­vi­ven­za da espor­ta­re ad ogni con­te­sto del­la vi­ta so­cia­le? Ed ec­co al­lo­ra se Fair Play de­ve es­se­re sa­rà un as­ses­so­ra­to ve­ro e pro­prio, con una sua di­gni­tà e un suo as­ses­so­re che, per la cro­na­ca, è lo stes­so as­ses­so­re al­lo Sport, al­me­no per ora. In Co­mu­ne pa­re che nes­su­no si sia op­po­sto. Del re­sto per­ché far­lo? Chi può ave­re il co­rag­gio di dir­si con­tra­rio a re­go­le che pro­muo­vo­no il ri­spet­to dell’av­ver­sa­rio, l’edu­ca­zio­ne, il com­por­ta­men­to lea­le e one­sto, il prin­ci­pio di so­li­da­rie­tà? Co­sì, Pon­za­no Ve­ne­to è for­se il primo Co­mu­ne d’Ita­lia a fre­giar­si di questo nuo­vo as­ses­so­ra­to, che po­co ha a che fa­re con sta­di e cam­pi spor­ti­vi per­ché vuo­le coin­vol­ge­re tut­ti i cit­ta­di­ni nel­la pro­mo­zio­ne di uno sti­le di vi­ta e di un com­por­ta­men­to eti­ca­men­te cor­ret­ti.

VA AN­CHE DET­TO che Pon­za­no van­ta un re­cord sportivo non in­dif­fe­ren­te. Qui han­no scel­to di vi­ve­re gran­di cam­pio­ni co­me la scia­tri­ce De­bo­rah Com­pa­gno­ni, il gin­na­sta me­da­glia d’oro olim­pi­ca Igor Cas­si­na, e al­tri gio­va­ni atle­ti che ogni gior­no pos­so­no fa­re sport sce­glien­do tra tan­te pro­po­ste e, per for­tu­na, tan­ti im­pian­ti. So­no con­vin­ta che più dei gran­di di­scor­si su co­me cam­bia­re l’Ita­lia, val­go­no i sin­go­li ge­sti con­cre­ti. E questo ge­sto a me è pia­ciu­to mol­tis­si­mo. Lo sport non può cam­bia­re il mondo, ma può si­cu­ra­men­te aiu­ta­re a mi­glio­rar­lo.

Cosa si­gni­fi­ca es­se­re dav­ve­ro spor­ti­vi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.