Quan­to sa­re­sti bel­la Ro­ma (se fossi un po’ me­no ci­ni­ca)

Corriere della Sera - Sette - - Sogno Proibito Di Una Notte Di Fine Estate - di Giu­sep­pe Di Piaz­za

Do­po 17 anni a Mi­la­no tor­no a vi­ve­re nel­la Ca­pi­ta­le. E la tro­vo im­bri­glia­ta in una se­que­la in­de­gna di as­sur­di­tà. Ma c’è un mo­do per re­cu­pe­ra­re la cit­tà per­du­ta: prima guar­dar­la, per­ché è me­ra­vi­glio­sa. E poi chiu­de­re gli oc­chi

« TI DIVERTIRAI, CREDIMI » . C’ho cre­du­to. E ora mi guar­do in­tor­no e cer­co di ri­cor­dar­mi che cosa si­gni­fi­chi la pa­ro­la di­ver­ti­men­to. Fac­cio il gior­na­li­sta da quan­do in ta­sca ave­va­mo so­lo i get­to­ni te­le­fo­ni­ci, fa­te voi i con­ti. E nel­la mia lun­ga car­rie­ra ho vis­su­to sa­ra­ban­de di adre­na­li­na ed emo­zio­ni. Mi so­no oc­cu­pa­to di mafia e di bel­le don­ne, di nuo­va eco­no­mia e di vec­chi vi­zi, di de­lit­ti e di ca­sti­ghi. Non mi la­men­to. E poi lo sa­pe­te: si cre­de sem­pre a ciò che si vuo­le, an­che quan­do sap­pia­mo che non ci sa­rà pa­ra­di­so, quan­do l’espe­rien­za, con la sua vo­ci­na, ci sus­sur­ra di scap­pa­re a gam­be le­va­te. In­ve­ce no. Io c’ho cre­du­to: ho pre­so il tre­no e so­no tor­na­to do­po 17 anni a la­vo­ra­re a Ro­ma. Ave­vo la­scia­to la Ca­pi­ta­le nel 2000, lu­stra co­me una ve­tri­na di Dol­ce e Gab­ba­na. Era l’an­no del Giu­bi­leo, ma so­prat­tut­to era il set­ti­mo an­no di Ru­tel­li sin­da­co. La sua am­mi­ni­stra­zio­ne ave­va re­sti­tui­to lu­ce e or­go­glio al­la cit­tà do­po gli anni di Tan­gen­to­po­li. Ave­va fat­to fun­zio­na­re i bus, crea­to le me­tro­po­li­ta­ne di su­per­fi­cie, pro­get­ta­to l’Au­di­to­rium, rac­col­to l’im­mon­di­zia, il­lu­mi­na­to le stra­de... Vi­ve­vo lì da 16 anni, la­vo­ra­vo al Mes­sag­ge­ro, e dal­la mia scri­va­nia ve­de­vo ogni mat­ti­na, at­tra­ver­so i ve­tri, a de­stra il Cu­po­lo­ne e a si­ni­stra le ban­die­re che sven­to­la­va­no sul Qui­ri­na­le. Potere spi­ri­tua­le e potere tem­po­ra­le. Era un bel col­po d’occhio sul­la cit­tà che ama­vo. Un po­me­rig­gio chiu­si le pal­pe­bre, le ria­prii, e mi ri­tro­vai a Mi­la­no: ave­vo de­ci­so di in­se­gui­re il più ti­pi­co dei so­gni pro­fes­sio­na­li, la Gran­de Car­rie­ra. Mi an­dò be­ne, mol­to be­ne. Poi, qual­che me­se fa, do­po più di tre lu­stri – giu­sto il tempo di ve­der di­ven­ta­re Mi­la­no la più mo­der­na, ri­spet­to­sa ed eu­ro­pea cit­tà d’Ita­lia – l’of­fer­ta, ac­cet­ta­ta, di ri­tor­na­re a Ro­ma.

Che cosa è di­ven­ta­ta in que­sti 17 anni la Ca­pi­ta­le? Al­li­neo sul­la mia scri­va­nia di re­spon­sa­bi­le del sup­ple­men­to ro­ma­no del Cor­rie­re del­la Se­ra le fo­to di que­sti pri­mi due me­si di la­vo­ro: fon­ta­ne chiu­se per la sic­ci­tà, bus in fiam­me per man­ca­ta ma­nu­ten­zio­ne, in­cen­di de­va­stan­ti al­le por­te del­la cit­tà, guer­ri­glia ur­ba­na tra sen­za­tet­to e polizia, cas­so­net­ti stra­col­mi di im­mon­di­zia, mi­lio­ni di cic­che in­ca­stra­te tra i san­pie­tri­ni a com­por­re uno stra­lu­na­to qua­dro op­ti­cal, ca­se di sban­da­ti a cie­lo aper­to, ven­di­to­ri abu­si­vi d’ac­qua un po’ ovun­que, mi­ni­mar­ket ben­ga­le­si in ogni do­ve, ra­strel­lie­re del bi­ke sha­ring me­sta­men­te vuo­te per man­can­za di bi­ci... Vor­rei but­ta­re tut­to nel ce­sti­no e rac­con­ta­re ai ro­ma­ni quant’è bel­la la lo­ro, la no­stra cit­tà. Vor­rei pro­iet­ta­re sui pa­laz­zi, ogni gior­no, La dol­ce vi­ta e La gran­de bel­lez­za. Una se­quen­za d’or­go­glio. Ma non pos­so far­lo, de­vo star die­tro - co­me tut­ti - a una se­que­la in­giu­sta, in­de­gna, di emer­gen­ze. E questo to­glie di­ver­ti­men­to non so­lo al mio la­vo­ro (cosa di cui ave­te di­rit­to a fre­gar­ve­ne, vi ca­pi­sco) ma a un’in­te­ra cit­tà co­stret­ta a vi­ve­re fa­cen­do sla­lom tra as­sur­di­tà.

CER­TO, IL RAC­CON­TO CHE POS­SO FARVI è quel­lo del ri­tor­na­to, il rac­con­to di chi - do­po una lun­ga as­sen­za - rien­tra in ca­sa e qua­si non ri­co­no­sce i fi­gli. Chi in quel­la ca­sa è ri­ma­sto, non ha di que­sti pro­ble­mi: ha vi­sto cre­sce­re, in­vec­chia­re, magari im­brut­ti­re, ogni cosa, ogni es­se­re uma­no. Par­lan­do con i miei ami­ci ri­tro­vo in lo­ro, nei lo­ro giu­di­zi, il so­li­to bef­far­do ci­ni­smo del­la cit­tà pa­pa­li­na: Ro­ma ha vi­sto di tut­to, era già Ca­pi­ta­le di un im­pe­ro quan­do gli al­tri sta­va­no su pa­la­fit­te, io so’ io e voi... In­som­ma, la so­li­ta sto­ria del Mar­che­se del Gril­lo, so­lo che sta­vol­ta Gril­lo si chia­ma Bep­pe, e la sua Vir­gi­nia Rag­gi, ma­don­ni­na in­fil­za­ta dagli oc­chi tri­sti, ha una cit­tà che le sta sci­vo­lan­do via tra le di­ta, as­ses­so­re cac­cia­to do­po as­ses­so­re cac­cia­to, ma­na­ger in fu­ga do­po ma­na­ger in fu­ga.

L’AL­TRA SE­RA, UN TOP MA­NA­GER SPEZZINO che la­vo­ra da tre anni a Ro­ma mi ha det­to qual­co­sa di sor­pren­den­te sui pre­giu­di­zi ca­du­ti. Era ar­ri­va­to da Mi­la­no ac­cet­tan­do una bel­la of­fer­ta di la­vo­ro, in ta­sca co­me Bae­de­ker una bat­tu­ta al ve­le­no: «Ro­ma? L’uni­ca cit­tà me­dio­rien­ta­le che non ha un quar­tie­re eu­ro­peo » . Gli ho chie­sto se era dav­ve­ro co­sì. «Sba­glia­va­no » , mi ha det­to. «Que­sta è una cit­tà me­ra­vi­glio­sa, che mi con­so­la con la sua bel­lez­za » . Vo­le­vo ab­brac­ciar­lo per­ché in quell’istan­te ho ca­pi­to co­me ri­tro­va­re la mia Ro­ma per­du­ta: aspet­tan­do, af­fi­dan­do­mi a Kro­nos. Prima o poi fi­ni­rà la sic­ci­tà, l’im­mon­di­zia ver­rà rac­col­ta, i bus fun­zio­ne­ran­no, gli in­cen­di sa­ran­no do­ma­ti, i sen­za­tet­to tro­ve­ran­no ca­sa. E io tor­ne­rò gio­va­ne e, so­prat­tut­to, Tot­ti sa­rà di nuo­vo ca­pi­ta­no. Sì, ades­so ci cre­do.

QUE­STIO­NE RO­MA­NA Piaz­za del Cam­pi­do­glio, a Ro­ma, con la sta­tua de­di­ca­ta a Mar­co Au­re­lio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.