Il suc­ces­so di Pe­chi­no Ex­press? Me­ri­to del ca­po­co­mi­co viag­gian­te

Corriere della Sera - Sette - - Video Crazia -

HA SCRIT­TO L’ITALIANISTA PAO­LO VIL­LAG­GIO nel li­bro Mi di­chi. Pron­tua­rio co­mi­co del­la lin­gua ita­lia­na (Mon­da­do­ri) che “Que­sti ac­ca­de­mi­ci, di una no­ia ip­no­ti­ca… per pu­ro sa­di­smo han­no fat­to pian­ge­re mae­stri di scuo­la ele­men­ta­re, brac­cian­ti ca­la­bre­si, tas­si­sti ro­ma­ni, ca­sa­lin­ghe in me­no­pau­sa, pre­ti pe­do­fi­li, ope­rai e po­li­ti­ci di pro­vin­cia con­fi­nan­do­li in una spe­cie di lim­bo ma­le­det­to do­ve si par­la e si scri­ve un ita­lia­no di se­rie C, per­ché quel­lo di se­rie B si par­la in te­le­vi­sio­ne men­tre quel­lo lo­ro, di se­rie A, è in via di estin­zio­ne”.

È EVI­DEN­TE che se il par­la­re un ot­ti­mo ita­lia­no, ave­re cul­tu­ra pro­fon­da e pre­sti­gio scien­ti­fi­co con­tas­se per ave­re suc­ces­so in tv, la storia del­la te­le­vi­sio­ne ita­lia­na sa­reb­be sta­ta fat­ta da Um­ber­to Eco e Ri­ta Le­vi Mon­tal­ci­ni in­ve­ce che da Mi­ke Bon­gior­no e Cor­ra­do. Pe­rò cer­to ci si emo­zio­na ogni vol­ta che al­la tv – in un pro­gram­ma po­po­la­re: le ec­ce­zio­ni ov­via­men­te ci so­no – si par­la un ita­lia­no non di se­rie B co­me cor­ret­ta­men­te ana­liz­za­va Vil­lag­gio (chi du­bi­ta del suo ta­len­to co­me italianista do­vreb­be sem­pli­ce­men­te con­si­de­ra­re quan­to Vil­lag­gio ab­bia do­mi­na­to l’uso di una fi­gu­ra re­to­ri­ca com­pli­ca­tis­si­ma co­me l’an­ti­fra­si – le ma­ni di Fantozzi “leg­ge­ris­si­ma­men­te su­da­te”). Costantino del­la Ghe­rar­de­sca, con­dut­to­re, gui­da tu­ri­sti­ca e psi­co­pe­da­go­go che ac­com­pa­gna i con­cor­ren­ti di Pe­chi­no Ex­press nel lo­ro viag­gio al­la sco­per­ta dell’Asia è un uo­mo di ot­ti­mi stu­di che par­la un ot­ti­mo ita­lia­no e che ci fa sor­ri­de­re per la bo­no­mia con cui si pre­sta a un la­vo­ro in­gra­to: non inon­da­re di sup­po­nen­za quel­la che in al­tre ma­ni sa­reb­be una tra­smis­sio­ne dif­fi­ci­lis­si­ma da go­ver­na­re. Pri­ma di tut­to per­ché la ten­ta­zio­ne di por­ta­re gli oc­ci­den­ta­li (dop­pia­men­te) pri­vi­le­gia­ti al­la sco­per­ta di Pae­si non in­du­stria­liz­za­ti è quel­la di far­gli fa­re i tu­ri­sti nel­la po­ver­tà,

VIAG­GIA­TO­RE RAF­FI­NA­TO

Costantino del­la Ghe­rar­de­sca, 40 an­ni, è il con­dut­to­re del rea­li­ty in on­da su Rai 2 che è una del­le co­se più vol­ga­ri che esi­sta­no (del­la Ghe­rar­de­sca, co­me ca­pi­ta al­le per­so­ne na­te ric­che do­ta­te di buon sen­so, sa per­fet­ta­men­te che non c’è nul­la di poe­ti­co nel­la po­ver­tà e nul­la di so­cial­men­te uti­le nel suo elo­gio at­tra­ver­so i me­dia). E poi per­ché del­la Ghe­rar­de­sca, lo­de­vol­men­te, man­tie­ne il con­trol­lo del­la si­tua­zio­ne an­che quan­do tra i con­cor­ren­ti ci so­no per­so­nag­gi di ge­stio­ne più com­pli­ca­ta di al­tri. Ec­co co­sì che con An­to­nel­la Elia non ri­sul­ta mai ci­ni­co, con Mar­ce­lo Bur­lon non fa mai il mae­stro di buo­ne ma­nie­re, e so­prat­tut­to ec­co che nel viag­gio asia­ti­co di Costantino ci so­no le tap­pe in Pae­si – Tai­wan, Giap­po­ne – do­ve i po­ve­ri sia­mo noi ita­lia­ni, non quel­li del luo­go.

E AL­LO­RA an­che se di­ven­ta vi­ra­le sui so­cial me­dia la blogger di Tai­pei che lo in­sul­ta pe­san­te­men­te per l’aspet­to (pe­ral­tro del­la Ghe­rar­de­sca ha per­so pa­rec­chio pe­so ri­spet­to al­le due pre­ce­den­ti in­car­na­zio­ni te­le­vi­si­ve) con­vie­ne ri­cor­da­re che del­la Ghe­rar­de­sca fa un la­vo­ro di­ver­so, in que­st’era di­gi­ta­le: cer­ca di rac­con­ta­re la storia di un viag­gio. Viag­gia­to­re raf­fi­na­to ma non in splen­di­do iso­la­men­to co­me Bru­ce Chat­win: no, lui ac­com­pa­gna da ca­po­co­mi­co se non ri­lut­tan­te al­me­no ras­se­gna­to una com­pa­gnia di per­so­nag­gi/at­to­ri che a vol­te fan­no ri­de­re e a vol­te re­ga­la­no mo­men­ti di ina­spet­ta­ta ve­ri­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.