Po­st- mil­len­nial I ( t rop­pi) dub­bi sul ses­so

Set­te­bel­lo@rcs.it.

Corriere della Sera - Sette - - Scrivete Per Noi Settebello - Http://www.cor rie­re.it/set­te/set­te­bel­lo/in­dex.shtml Scuo­la di ses­so per ado­le­scen­ti d’un tem­po

Ogni gio­ve­dì pub­bli­chia­mo il mi­glior te­sto d’at­tua­li­tà in­via­to dai let­to­ri A fi­ne an­no, pro­por­rà una col­la­bo­ra­zio­ne all’autore dell’ar­ti­co­lo più con­di­vi­so dal­la no­stra pagina Fa­ce­book PAS­SO MOL­TO TEM­PO con gli ado­le­scen­ti po­st-mil­len­nial e non na­scon­do che mi pia­ce sen­tir­mi quel­la an­zia­na e di­spen­sa­re pil­lo­le di sag­gez­za su qual­sia­si ar­go­men­to: dal­la mo­da al­la scuo­la, dai com­por­ta­men­ti a ri­schio al­le se­rie Tv. Spes­so ten­dia­mo a pen­sa­re che i na­ti­vi di­gi­ta­li sia­no pre­co­ci in tut­ti i cam­pi. Han­no ac­ces­so a tan­tis­si­me in­for­ma­zio­ni e pos­so­no sa­pe­re mol­te più co­se di quan­to ne sa­pe­va­mo noi al­la lo­ro età. Se è vero che que­sti ra­gaz­zi han­no più com­pe­ten­ze nel mon­do di­gi­ta­le, so­lo po­ten­zial­men­te han­no ac­ces­so a in­for­ma­zio­ni va­li­de e uti­li. I ta­bù, le pau­re e le cu­rio­si­tà non so­no sta­ti spaz­za­ti via dal­la ban­da lar­ga e, dan­do per scon­ta­to il con­tra­rio, ri­schia­mo di per­de­re una gran­de op­por­tu­ni­tà an­che con que­sta ge­ne­ra­zio­ne.

OG­GI, 2 NO­VEM­BRE, COMPIO 25 an­ni. Ciò che più mi col­pi­sce, par­lan­do con que­sti es­se­ri­ni pie­ni di bru­fo­li (dài, li ho avu­ti pu­re io!), è la di­sin­for­ma­zio­ne ri­spet­to al ses­so. Le do­man­de che fan­no so­no le stes­se che noi leg­ge­va­mo su Cioè ( gior­na­li­no de­di­ca­to al­le tee­na­ger ndr). Pen­sa­vo che cer­ti dub­bi fos­se­ro mor­ti e se­pol­ti: nien­te di più sba­glia­to. Si in­ter­ro­ga­no sul­le gra­vi­dan­ze in­de­si­de­ra­te, chie­do­no se le lo­ro espe­rien­ze so­no “nor­ma­li”; le ma­lat­tie sem­bra­no un ar­go­men­to co­no­sciu­to, ma lon­ta­no. Le in­si­cu­rez­ze mag­gio­ri, spes­so ta­ciu­te, ri­guar­da­no la co­no­scen­za del pro­prio cor­po. Que­sti dub­bi col­pi­sco­no più le don­ne che gli uo­mi­ni: for­se, fin da pic­co­le, sia­mo più sag­ge. È suf­fi­cien­te guar­da­re le pub­bli­ci­tà de­gli as­sor­ben­ti: far­fal­le, pe­ta­li, li­qui­di blu e don­ne che fan­no pa­ra­ca­du­ti­smo con i tac­chi. Un lin­guag­gio spa­ven­ta­to dal ter­mi­ne “me­strua­zio­ni”, chia­ro e scien­ti­fi­co, e si ri­fu­gia nel più ele­gan­te (?) “ci­clo”, che non è la stes­sa co­sa. O nel più enig­ma­ti­co “quei gior­ni”.

MA CO­ME È MES­SA L’ITA­LIA IN MA­TE­RIA DI EDU­CA­ZIO­NE SES­SUA­LE? Ma­le: sia­mo uno dei po­chi Pae­si eu­ro­pei a non ave­re l’ob­bli­go di in­se­gnar­la nel­le scuo­le. Le ini­zia­ti­ve ven­go­no pre­se dai sin­go­li in­se­gnan­ti. Dun­que chi se ne fa ca­ri­co può di­re un po’ quel­lo che gli pa­re; può suc­ce­de­re che le lezioni as­su­ma­no un to­no mo­ra­li­sti­co o si par­li di ses­sua­li­tà so­lo in ter­mi­ni ne­ga­ti­vi. Bel­la edu­ca­zio­ne, ra­gaz­zi miei. L’Eu­ro­pa ce l’ha chie­sto, gli ado­le­scen­ti me lo chie­do­no con­ti­nua­men­te: co­min­cia­mo a par­la­re se­ria­men­te. Si può di­scu­te­re se­re­na­men­te, in ter­mi­ni rea­li­sti­ci, di ses­so, con­sen­so e pia­ce­re; e cer­chia­mo di far­lo sen­za far­fal­li­ne, pe­ri­fra­si ro­man­ti­che e bat­tu­ti­ne. Qual­cu­no non se n’è ac­cor­to, ma sia­mo nel XXI se­co­lo già da un po’.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.