IL FAN­TA­SMA MUS­SO­LI­NI

Corriere della Sera - Sette - - 1 Febbraio 2018 - Di Lu­ca Ma­stran­to­nio

Il ri­tor­no del Du­ce: mi­nac­cia o bur­la?

Chi l’avreb­be mai det­to. A spa­ri­glia­re le car­te nel di­bat­ti­to sul ri­tor­no del fa­sci­smo in Ita­lia ar­ri­va un film sa­ti­ri­co, ben fat­to, che non fa scon­ti. Il che è tra­gi­co: più si ride, più è chia­ra la gra­vi­tà del­la si­tua­zio­ne. Si chia­ma So­no tor­na­to, l’ha scrit­to (be­ne) Ni­co­la Gua­glia­no­ne as­sie­me al re­gi­sta Lu­ca Mi­nie­ro (no­to per Ben­ve­nu­ti al Sud), e non è sem­pli­ce­men­te la ver­sio­ne ita­lia­na del te­de­sco Lui è tor­na­to, do­ve Lui è Hi­tler. No, è uno schiaf­fo in fac­cia a un Pae­se in pre­da a umo­ri ne­ri, ri­sen­ti­men­ti, ipo­cri­sie e nuo­vi con­for­mi­smi che con­du­co­no a un pen­sie­ro uni­co: la con­di­vi­sio­ne sen­za pen­sie­ro, lo share in tv e la vi­ra­li­tà sul web co­me va­lo­ri as­so­lu­ti, la con­fu­sio­ne tra in­sul­ti e bat­tu­te, pro­gram­mi po­li­ti­ci e pa­lin­se­sti. Non è sol­tan­to del fa­sci­smo fuo­ri di noi che dob­bia­mo ave­re pau­ra, spes­so fol­klo­ri­sti­co, ma dal fa­sci­smo den­tro di noi, ali­men­ta­to da una cri­si eco­no­mi­ca, so­cia­le e di va­lo­ri che au­men­ta il de­si­de­rio di so­lu­zio­ni sem­pli­fi­ca­te, co­me fu il fa­sci­smo un se­co­lo fa, e di di­stra­zio­ni ef­fi­ca­ci, co­me quel­le of­fer­te dal­la co­mi­ci­tà, che og­gi in­fe­sta co­me un pa­ras­si­ta il di­scor­so po­li­ti­co. Que­sta let­tu­ra è raf­for­za­ta dai com­men­ti, su fron­ti op­po­sti, del­la pre­si­den­tes­sa dell’An­pi, Car­la Ne­spo­lo, e di Ales­san­dra Mus­so­li­ni, ni­po­te del Du­ce, cui ab­bia­mo fat­to ve­de­re in se­pa­ra­ta se­de la pel­li­co­la che esce og­gi, 1° feb­bra­io.

IL RI­TOR­NO DEL FA­SCI­SMO è dun­que una mi­nac­cia o una bur­la? En­tram­be. Una mi­nac­cia per­ché la cri­si è pro­fon­da e il vuo­to di idee al po­te­re è im­ba­raz­zan­te; una bur­la per­ché cer­to an­ti­fa­sci­smo si con­cen­tra su fe­no­me­ni ester­ni e re­tro­gra­di, ri­spet­to a pro­ble­ma­ti­che più na­sco­ste e pro­fon­de. L’al­lar­mi­smo fuo­ri ber­sa­glio in­de­bo­li­sce l’al­lar­me, la co­mi­ci­tà im­pe­ran­te con­fon­de pro­fe­zia e pa­ro­dia. Il ve­ro Mus­so­li­ni del film è pre­so per un at­to­re co­mi­co, og­gi un co­mi­co è pre­so per po­li­ti­co ve­ro. Gril­lo? Non cer­ca­te ri­spo­ste fa­ci­li.

CON LA SCU­SA DI MOSTRARCI co­sa po­treb­be suc­ce­de­re se Mus­so­li­ni ri­sor­ges­se og­gi, So­no tor­na­to ci fa ve­de­re che gli ita­lia­ni so­no pron­ti per un nuo­vo Uo­mo for­te. Il pun­to non è co­sa suc­ce­de­reb­be se Mus­so­li­ni tor­nas­se dav­ve­ro, co­me nel­la fin­zio­ne, ma che par­te dell’Ita­lia di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.