VIDEOCRAZIA

Corriere della Sera - Sette - - 1 Febbraio 2018 - Di Mat­teo Per­si­va­le

Il nuo­vo Let­ter­man, bar­ba da pro­fe­ta e ma­lin­co­nia

QUAN­TO CI È MAN­CA­TO Da­vid Let­ter­man, in que­sti due an­ni e mez­zo pas­sa­ti dal suo pen­sio­men­to (for­za­to)? La ri­spo­sta – ci è man­ca­to tan­to, tan­tis­si­mo – va al di là del­la bra­vu­ra del co­mi­co che l’ha so­sti­tui­to, Ste­phen Col­bert. Per­ché Col­bert ha at­tra­ver­sa­to una cri­si d’iden­ti­tà – di­ven­ta­to fa­mo­so in­ter­pre­tan­do un fin­to gior­na­li­sta di estre­ma de­stra sti­le Fox News, ha so­sti­tui­to Let­ter­man al suo talk show del­la Cbs pre­sen­tan­do per la pri­ma vol­ta al pub­bli­co il ve­ro se stes­so, con ri­sul­ta­ti de­lu­den­ti. Al­la fi­ne l’ha sal­va­to l’ele­zio­ne di Trump: ades­so Col­bert è di­ven­ta­to il lea­der dei co­mi­ci “re­si­sten­ti” al pre­si­den­te. Non fa par­ti­co­lar­men­te ri­de­re ma di­stri­bui­sce sa­ti­ra po­li­ti­ca all’in­gros­so e gli ascol­ti ame­ri­ca­ni lo pre­mia­no. Gli ita­lia­ni che ve­de­va­no Let­ter­man su Sky e su Rai5 in chia­ro so­no ri­ma­sti or­fa­ni: ma ades­so gra­zie a Net­flix c’è una con­so­la­zio­ne. Il suo (mi­ni) ri­tor­no: con un talk show men­si­le, My Next Gue­st. La pri­ma pun­ta­ta non è esat­ta­men­te par­ti­ta pia­no: ospi­te Ba­rack Oba­ma. Era una pro­mes­sa. L’ul­ti­ma vol­ta che Oba­ma era sta­to da Let­ter­man nel 2015, ave­va scher­za­to sul suo im­mi­nen­te ri­ti­ro dal­la sce­na po­li­ti­ca (il man­da­to sca­de­va nel gen­na­io 2017): «Ci ve­dre­mo per gio­ca­re a do­mi­no, o per an­da­re a be­re un caf­fè da Star­bucks». In­ve­ce si so­no vi­sti su Net­flix, in un tea­tro di po­sa, con la dop­pia stan­ding ova­tion del pub­bli­co. Oba­ma: sem­pre ugua­le, stes­so abi­to blu e stes­so sor­ri­so un po’ scet­ti­co, stes­se buo­ne ma­nie­re. Let­ter­man in­ve­ce ha la bar­bo­na bian­ca da pro­fe­ta che si è la­scia­to cre­sce­re do­po il pen­sio­na­men­to for­za­to – li­cen­zia­men­to – dal­la Cbs. Sem­bra mol­to più an­zia­no ov­via­men­te ma quel­lo che è cam­bia­to è lo sguar­do: il sar­ca­smo del vec­chio Da­vid è sta­to rim­piaz­za­to da una stra­na in­ten­si­tà, la bat­tu­ta è sem­pre pron­ta – non po­treb­be es­se­re al­tri­men­ti – ma si ve­do­no i se­gni del­la de­pres­sio­ne che l’ha col­pi­to do­po il ri­ti­ro dal­le sce­ne (ne ha par­la­to con fran­chez­za in un’in­ter­vi­sta l’an­no scor­so). Al di là del fat­to che ave­va da­van­ti un ospi­te che sti­ma e al qua­le vuo­le be­ne, non si ve­do­no trac­ce del Let­ter­man osti­le di una vol­ta, con la stoc­ca­ta pron­ta. C’è un uo­mo di set­tant’an­ni, pen­sie­ro­so, che li­be­ro dal­la pres­sio­ne

A VOL­TE RI­TOR­NA­NO

L’ex pre­si­den­te ame­ri­ca­no Ba­rack Oba­ma, 56 an­ni, e il con­dut­to­re Da­vid Let­ter­man, 70 an­ni del­la sca­let­ta del vec­chio show, dei seg­men­ti da so­vrap­por­re e de­gli spot in­cal­zan­ti, dà al suo nuo­vo spet­ta­co­lo un rit­mo ri­fles­si­vo, do­man­de lun­ghe e ri­spo­ste sen­za li­mi­ti di tem­po (an­che se con lui non ci si può mai di­strar­re).

LA CO­SA PIÙ SOR­PREN­DEN­TE? Let­ter­man, in un con­tri­bu­to fil­ma­to, che va a vi­si­ta­re Sel­ma, Ala­ba­ma, do­ve av­ven­ne nel 1965 una fon­da­men­ta­le mar­cia per i di­rit­ti ci­vi­li dei ne­ri, e do­ve cam­mi­na at­tra­ver­so il pon­te re­so fa­mo­so da Mar­tin Lu­ther King con un de­pu­ta­to-eroe col­le­ga del re­ve­ren­do King, John Lewis che quel gior­no fu qua­si uc­ci­so a man­ga­nel­la­te. E al­la fi­ne del­la pun­ta­ta, Oba­ma am­met­te di es­se­re sta­to for­tu­na­to «per­ché ho la­vo­ra­to du­ro e ho un po’ di ta­len­to ma so­no in tan­ti a la­vo­ra­re du­ro e a ave­re ta­len­to, ma non di­ven­ta­no pre­si­den­ti». E Let­ter­man si con­fes­sa, ed è un mo­men­to di tv emo­zio­nan­te: «È que­sta la co­sa con­tro la qua­le mi sto con­fron­tan­do: ho so­lo avu­to for­tu­na, nel­la vi­ta. La mar­cia di Sel­ma è del mar­zo ’65. Ec­co, io il me­se do­po pre­si i miei ami­ci e an­dam­mo tut­ti in Flo­ri­da a ubria­car­ci. Per una set­ti­ma­na, ubria­chi mar­ci se mi per­do­na il ter­mi­ne. Per­ché non ero in Ala­ba­ma? Per­ché non sa­pe­vo quel che sta­va suc­ce­den­do là? So­no sta­to for­tu­na­to, e quel­la for­tu­na con­ti­nua an­che og­gi».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.