BLACK ROCK

Corriere della Sera - Sette - - Content - Di Giu­si Fa­sa­no

Ar­mi/1-Il roc­ker del Ba­ta­clan at­tac­ca gli stu­den­ti ame­ri­ca­ni

SE ESISTESSE LA PALMA D’ORO del­la ver­go­gna, que­sto me­se an­dreb­be a Jes­se Hu­ghes, lea­der de­gli Ea­gles of Dea­th Me­tal. La sua rock band sta­va suo­nan­do sul pal­co del Ba­ta­clan, a Pa­ri­gi, quan­do i ter­ro­ri­sti co­min­cia­ro­no a spa­ra­re sui ra­gaz­zi che af­fol­la­va­no il lo­ca­le. Fu il 13 no­vem­bre del 2015, con un bi­lan­cio di 89 mor­ti. Ora. Mal­gra­do quel­la se­ra, mal­gra­do il san­gue di quei ra­gaz­zi, si può an­che ri­ma­ne­re del­la vec­chia idea, e cioè che «ogni per­so­na do­vreb­be ave­re un’ar­ma», co­me ha sem­pre pen­sa­to e co­me ri­ba­dì pro­prio lui, Jes­se Hu­ghes, po­chi me­si do­po la stra­ge. Si può an­che pen­sa­re che se cia­scu­no dei ra­gaz­zi di quel­la se­ra aves­se avu­to in ta­sca una pi­sto­la, i ter­ro­ri­sti sa­reb­be­ro sta­ti ster­mi­na­ti pri­ma, che avrem­mo con­ta­to me­no mor­ti. Si può. E in­fat­ti lui, il no­stro front­man, non ne ha fat­to mai mi­ste­ro. Ma fran­ca­men­te su que­sto te­ma l’al­tro gior­no Hu­ghes ha per­so un’oc­ca­sio­ne per ta­ce­re. Do­po la re­cen­te stra­ge di Par­kland, do­po le pro­te­ste nel­le scuo­le con­tro le ar­mi e do­po l’im­po­nen­te ma­ni­fe­sta­zio­ne an­ti-ar­mi a Wa­shing­ton, lui se ne esce con la se­guen­te af­fer­ma­zio­ne: «In quan­to so­prav­vis­su­to a un at­ten­ta­to pos­so di­re che le pro­te­ste di que­sti gior­ni nel­le scuo­le so­no un in­sul­to al­la me­mo­ria dei ra­gaz­zi uc­ci­si a Par­kland, e so­no un in­sul­to a me stes­so e a tut­ti quel­li che cre­do­no nel­la li­ber­tà» . Già que­sto ba­ste­reb­be. Ma lui no, non si è fer­ma­to. Si è sen­ti­to in do­ve­re di ag­giun­ge­re che i so­prav­vis­su­ti del­la stra­ge nel­la scuola del­la Flo­ri­da «stan­no sfrut­tan­do la mor­te di se­di­ci stu­den­ti e lo­ro com­pa­gni di clas­se per ave­re in cam­bio at­ten­zio­ne e qual­che li­ke in più su Fa­ce­book». E ha de­fi­ni­to «pa­te­ti­co e di­sgu­sto­so» or­ga­niz­za­re la mar­cia di Wa­shing­ton per chie­de­re un cam­bio di rot­ta sull’uso del­le ar­mi (la ma­ni­fe­sta­zio­ne è sta­ta mes­sa in pie­di dai so­prav­vis­su­ti di Par­kland).

PER NON TRA­LA­SCIA­RE det­ta­gli ha ag­giun­to: «Spe­ro che ognu­no dei vi­gliac­chi che ap­pro­fit­ta dei mor­ti pos­sa vi­ve­re il più a lun­go pos­si­bi­le per pro­va­re quan­ta più ver­go­gna si può ed es­se­re ma­le­det­to». Di più: «Sfi­la­re in cor­teo è un mo­do per sal­ta­re gior­ni di scuola a spe­se del san­gue dei lo­ro com­pa­gni uc­ci­si». Di­cia­mo che non sen­ti­va­mo la man­can­za di un ta­le li­vo­re, tan­to più ver­so gio­va­ni che han­no sem­pli­ce­men­te ma­ni­fe­sta­to un dis­sen­so. Pri­ma di ri­muo­ve­re da In­sta­gram tut­to que­sto ri­sen­ti­men­to (som­mer­so dal­le cri­ti­che), Hu­ghes è riu­sci­to a pren­der­se­la an­che con Em­ma Gon­zá­lez, una del­le fi­gu­re-chia­ve del neo-mo­vi­men­to no-ar­mi sta­tu­ni­ten­se: ha pub­bli­ca­to un fo­to­mon­tag­gio di Em­ma men­tre strap­pa la co­sti­tu­zio­ne ame­ri­ca­na, im­ma­gi­ne dif­fu­sa nel­la re­te da grup­pi di estre­ma de­stra. Per con­di­re le pa­ro­le il roc­ker ha dif­fu­so an­che una vi­gnet­ta di pes­si­mo gu­sto che nel­le sue in­ten­zio­ni do­vreb­be es­se­re un pa­ra­go­ne cal­zan­te. Si ve­de una fi­gu­ra ma­schi­le che di­ce: «È co­me ta­gliar­si il c.... per pre­ve­ni­re il ri­schio di vio­len­ze ses­sua­li». Poi il gran fi­na­le: «Le azio­ni di que­sti gio­va­ni mal gui­da­ti mi fan­no spa­ven­to», di­ce Hu­ghes «e ogni vol­ta che i me­dia gli dan­no spa­zio sen­to che il mu­ro del­la si­cu­rez­za per­so­na­le per­de qual­che pez­zo».

TROP­PE PA­RO­LE Jes­se Hu­ghes, 45 an­ni, lea­der de­gli Ea­gles of Dea­th Me­tal, la band che suo­na­va al Ba­ta­clan la se­ra del­la stra­ge del 13 no­vem­bre

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.