PASSAPAROLA

Corriere della Sera - Sette - - Content - di An­to­nio D’Or­ri­co

Al­ber­to On­ga­ro, lo scrit­to­re che scri­ve­va ro­man­zi di­ret­ta­men­te in ci­ne­ma­sco­pe

SA­BA­TO 24 MAR­ZO È AR­RI­VA­TA una mail di un lettore di lun­go cor­so. Di­ce­va. «Ho let­to que­sta mat­ti­na che è mor­to Al­ber­to On­ga­ro, scrit­to­re a me sco­no­sciu­to fi­no a quan­do non ne ha par­la­to lei al­cu­ni an­ni fa. Cre­do sia la sco­per­ta in as­so­lu­to più in­te­res­san­te che mi ha fat­to fa­re. Ri­cor­de­rò per sem­pre La ta­ver­na del Do­ge Lo­re­dan co­me una del­le più bel­le espe­rien­ze del­la mia vi­ta. Gra­zie, Bru­no Ber­ni». Ab­bia­mo det­to ad­dio ad Al­ber­to On­ga­ro mer­co­le­dì scor­so all’iso­la di San Mi­che­le a Ve­ne­zia. Men­tre si svol­ge­va la ce­ri­mo­nia di com­mia­to, ci­ta­vo tra me e me l’at­tac­co ca­ri­co di mi­ste­ro del­la Ta­ver­na del Do­ge Lo­re­dan: «Sem­pre più spes­so nel luo­go do­ve mi tro­vo un uo­mo sen­za vol­to mi com­pa­re da­van­ti e mi si fer­ma ac­can­to sem­pre più a lun­go di quan­to io pos­sa sop­por­tar­lo». E pen­sa­vo a Ni­na, la pro­ta­go­ni­sta del ro­man­zo, una del­le tan­te don­ne bel­lis­si­me in­ven­ta­te da On­ga­ro nel­le sue sto­rie. Ni­na che evo­ca a uno dei per­so­nag­gi del li­bro: «Ter­re che non ave­vo mai vi­sto e di cui ave­vo sol­tan­to sen­ti­to par­la­re, caf­fè e no­ci di coc­co bra­si­lia­ne e croc­can­ti e tor­ron­ci­ni e an­che, non mi ver­go­gno a dir­lo, la ti­gre del­la poe­sia di Wil­liam Bla­ke» È dal 1980 (an­no di usci­ta del­la Ta­ver­na, ro­man­zo per cui de­li­ra­ro­no Fe­de­ri­co Ze­ri e Be­nia­mi­no Pla­ci­do) che scri­vo di Al­ber­to On­ga­ro. In que­sto mo­men­to non so­no i suoi ro­man­zi più fa­mo­si che mi ven­go­no al­la me­mo­ria e al cuo­re, ma un li­bro di­men­ti­ca­to, L’om­bra abi­ta­ta del 1988, un ro­man­zo ati­pi­co nel ca­ta­lo­go di On­ga­ro. Non è il ro­man­zo di una fu­ga (co­me La ta­ver­na e il bel­lis­si­mo, per­fet­to nel con­ge­gno nar­ra­ti­vo, La par­ti­ta, di cui fu pro­ta­go­ni­sta al ci­ne­ma Faye Du­na­way), ma di un ri­tor­no, quel­lo im­pos­si­bi­le tra le om­bre del pas­sa­to. On­ga­ro scri­ve­va in ci­ne­ma­sco­pe, non su un fo­glio di car­ta o sul mo­ni­tor di un com­pu­ter, ma di­ret­ta­men­te sul gran­de scher­mo dei film hol­ly­woo-

dia­ni dell’Età dell’Oro. In­ven­to­re di mac­chi­ne nar­ra­ti­ve fa­sto­se e fe­sto­se, nar­ra­to­re iro­ni­co e car­na­le (ba­sta ri­ci­ta­re il per­so­nag­gio di Ni­na), On­ga­ro ab­ban­do­na nell’Om­bra abi­ta­ta la pro­ver­bia­le in­fe­del­tà del ro­man­zie­re di av­ven­tu­ra (sem­pre di­spo­ni­bi­le a vo­lut­tuo­se e vo­lut­tua­rie im­pre­se), a fa­vo­re del­la cu­pa e ma­nia­ca­le fe­del­tà di chi de­scri­ve una di­sce­sa all’in­fer­no. È il suo ro­man­zo più suo. È quel­lo in cui de­po­ne ogni truc­co ed esplo­ra, so­lo per vir­tù e for­za di rac­con­to, le te­ne­bre del cuo­re, le se­gre­te del­la me­mo­ria. Non so fa­re il no­me di un al­tro scrit­to­re ita­lia­no che ab­bia fat­to al­tret­tan­to, e al­tret­tan­to be­ne, so­lo con le leg­gi eter­ne del ro­man­zo. Al­la fi­ne del­la ce­ri­mo­nia sull’iso­la di San Mi­che­le, la ni­po­te Mar­ta Mo­ret­ti ha det­to ad­dio a On­ga­ro con un rac­con­to in cui ha in­fi­la­to, co­me per­le di una col­la­na, i ti­to­li dei suoi li­bri. «Ca­ro Al­ber­to, ora che il tuo Ro­man­zo d’Av­ven­tu­ra ha cam­bia­to pas­so e che sa­rai tu stes­so Il Com­pli­ce dei per­so­nag­gi che hai in­ven­ta­to, amia­mo pen­sar­ti se­du­to al­la Ta­ver­na del Do­ge Lo­re­dan a gio­ca­re La Par­ti­ta più dif­fi­ci­le per sve­la­re Il Se­gre­to di Ca­spar Ja­co­bi o quel­lo dei Se­gon­zac. Ci pia­ce im­ma­gi­nar­ti scor­ta­to dai quat­tro mo­schet­tie­ri a di­scu­te­re con Athos di Un Uo­mo al­to ve­sti­to di bian­co co­no­sciu­to in un Pas­sag­gio Se­gre­to di Hol­ly­wood Bou­le­vard. Op­pu­re in­ve­ce bal­la­re una Rum­ba nel­la Ver­sio­ne Spa­gno­la, in un In­ter­no Ar­gen­ti­no, la­scian­do che La Stra­te­gia del Ca­so de­ci­da la pros­si­ma mos­sa. Die­tro La Ma­sche­ra di An­te­no­re, si na­scon­de un’Om­bra Abi­ta­ta che noi riem­pi­re­mo di tut­te le sto­rie che ci hai rac­con­ta­to, di gau­chos e ma­ri­nai, di iso­le del te­so­ro e cal­li na­sco­ste, di ma­cum­be e gras­si so­vra­ni di in­fi­mi re­gni, di duel­li all’ul­ti­mo san­gue, di at­to­ri con­su­ma­ti e bel­lez­ze sen­za tem­po. Sap­pi co­mun­que che noi ti aspet­te­re­mo sem­pre, al Pon­te del­la So­li­ta Ora, per ascol­ta­re con te Il Re­spi­ro del­la La­gu­na ».

Al­ber­to On­ga­ro, scrit­to­re, in­via­to spe­cia­le all’Eu­ro­peo di Tom­ma­so Gi­glio, sce­neg­gia­to­re di fu­met­ti, è mor­to il 23 marzo. Era na­to a Ve­ne­zia nel 1925

AN­TO­NIO D’OR­RI­CO Gior­na­li­sta e Go­ver­na­to­re me­da­glia d’oro del Club di To­po­li­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.