Mo­by-Dick, la ba­le­na che sfi­dò la Bib­bia

Clas­si­ci Con «Mo­by-Dick», nel­la nuo­va tra­du­zio­ne di Ottavio Fa­ti­ca per Ei­nau­di, pren­de for­ma un mi­ra­co­lo­so duel­lo tra Mel­vil­le e l’An­ti­co Te­sta­men­to: Giob­be di­ven­ta Ish­mael, il Le­via­ta­no riap­pa­re nel­la for­ma del ca­po­do­glio

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Pie­tro Ci­ta­ti al­le pa­gi­ne

Ri­leg­go Mo­by-Dick o la ba­le­na di Her­man Mel­vil­le nel­la bel­lis­si­ma tra­du­zio­ne di Ottavio Fa­ti­ca, usci­ta da Ei­nau­di. Qua­le li­bro tre­men­do. Non è un ro­man­zo ma un’en­ci­clo­pe­dia, che si pro­po­ne di di­stin­gue­re e clas­si­fi­ca­re le ba­le­ne e i ca­po­do­gli: pen­sia­mo al­le gran­di en­ci­clo­pe­die me­dioe­va­li, co­me quel­la di Isi­do­ro di Si­vi­glia. Tut­to vi è, in ogni pa­ro­la, in­fi­ni­ta­men­te mi­nu­zio­so e gran­dio­so: en­ci­clo­pe­dia di ani­ma­li e di dèi. L’uni­ver­so del­le ba­le­ne, che pri­ma di al­lo­ra non era mai sta­to rap­pre­sen­ta­to — Mel­vil­le vi in­si­ste di con­ti­nuo — vie­ne per la pri­ma vol­ta al­la lu­ce; e ci tra­vol­ge con la sua no­vi­tà sen­za pa­ri, seb­be­ne si ri­cor­di­no tut­ti co­lo­ro che han­no ap­pe­na ac­cen­na­to ai ca­po­do­gli, i più gran­di abi­tan­ti del­la ter­ra e del ma­re. Quel­lo di Mo­by-Dick è un si­ste­ma: un si­ste­ma pre­ci­sis­si­mo; ep­pu­re que­sto si­ste­ma re­sta in­com­piu­to, co­me la cat­te­dra­le di Co­lo­nia. «Dio mi guar­di mai dal com­ple­ta­re al­cun­ché! Tut­to que­sto li­bro non è che un ab­boz­zo, an­zi l’ab­boz­zo di un ab­boz­zo»: un ab­boz­zo grot­te­sco, ra­be­lai­sia­no.

Chi ha com­po­sto que­sto ab­boz­zo? In ap­pa­ren­za, Ish­mael, seb­be­ne non pos­sia­mo es­se­re nem­me­no cer­ti del suo no­me. Non è un ba­le­nie­re, ma un gram­ma­ti­co, che pos­sie­de una cul­tu­ra stra­na; e di­ven­ta un ba­le­nie­re di­let­tan­te. Se lo stu­dia­mo con at­ten­zio­ne, ci ac­cor­gia­mo che egli non è al­tri che Giob­be: ha scrit­to il più pa­ra­dos­sa­le li­bro del­la Bib­bia: te­sto che ci sfug­ge co­me un’an­guil­la o una pic­co­la mu­re­na: più for­te lo si pren­de, più ve­lo­ce­men­te sfug­ge dal­le ma­ni.

Nel Li­bro di Giob­be, Dio pren­de la pa­ro­la, e co­me sua abi­tu­di­ne esal­ta sé stes­so. Egli si esal­ta co­me au­to­re dell’im­men­sa e me­ra­vi­glio­sa crea­zio­ne di cui è som­ma­men­te fie­ro. Non c’è nes­sun even­to che igno­ri ri­per­cor­ren­do la Ge­ne­si ei Sal­mi: ver­set­to do­po ver­set­to. Ri­cor­da il gior­no in cui le stel­le lo ac­cla­ma­ro­no e gri­da­ro­no la lo­ro gio­ia: il gior­no in cui Egli do­mi­nò il ma­re, spez­zan­do il suo slan­cio e im­po­nen­do­gli con­fi­ni, spran­ghe e bat­ten­ti, di­cen­do­gli «fin qui ver­rai e non ol­tre»: quan­do fe­ce sor­ge­re l’au­ro­ra, di­stri­buì la lu­ce e la te­ne­bra, con­trol­lò i ser­ba­toi del­la ne­ve e del­la gran­di­ne, di­res­se piog­ge e ru­gia­da, ac­ce­se le Pleia­di, Orio­ne, lo Zo­dia­co, l’Or­sa, fog­giò la sa­pien­za dell’ibis, la per­spi­ca­cia del gal­lo, la leo­nes­sa cac­cia­tri­ce, il cer­vo, l’asi­no sel­vag­gio, lo struz­zo; e quan­do, so­pra­tut­to creò i gran­di mo­stri che rea­liz­za­ro­no la Sua im­ma­gi­na­zio­ne fu­ri­bon­da, Be­he­mo­th e il Le­via­ta­no. Il Li­bro di Giob­be ri­na­sce in Mo­by-Dick: Mel­vil­le ri­va­leg­gia mi­ra­co­lo­sa­men­te con la Bib­bia: Giob­be di­ven­ta Ish­mael; e il Le­via­ta­no riap­pa­re con la pro­pria enor­me gran­dez­za nel­la fi­gu­ra di Mo­by-Dick, il ca­po­do­glio, la ba­le­na bian­ca.

Il ca­po­do­glio si muo­ve qua­si sem­pre da so­lo, af­fio­ran­do ina­spet­ta­ta­men­te al­la su­per­fi­cie nel­le ac­que più re­mo­te: pos­sie­de una po­ten­za e una ve­lo­ci­tà co­sì mi­ra­bi­li, che sfi­da­no ogni in­se­gui­men­to da par­te dell’uo­mo. È una crea­tu­ra ul­tra­ter­re­na: vi­ve nel mon­do sen­za es­se­re del mon­do: co­no­sce l’uni­ver­so con oc­chi pic­co­lis­si­mi e orec­chi più esi­li di quel­li del­la le­pre. Dif­fon­de at­tor­no a sé un soa­vis­si­mo pro­fu­mo di mu­schio. Eze­chie­le ave­va det­to: «Tu sei co­me un leo­ne del­le ac­que e co­me un dra­go del ma­re». Il ca­po­do­glio è più intelligente dell’uo­mo, e scher­ni­sce la sua in­tel­li­gen­za li­mi­ta­ta. Scuo­te in aria la pro­pria co­da tre­men­da, che, schioc­can­do co­me una fru­sta, rie­cheg­gia a tre o quat­tro mi­glia di di­stan­za. Ob­be­di­sce a Dio.

Mo­by-Dick è mol­to più che un ca­po­do­glio: è una ba­le­na bian­ca: una fon­ta­na di ne­ve; di­scen­de dal­la «gran­de fi­gu­ra bian­ca dal vol­to ve­la­to», che con­clu­de ed in­co­ro­na il Gor­don Pym di Poe. Que­sto bian­co ha un dop­pio si­gni­fi­ca­to: co­lo­re di­vi­no ed in­fer­na­le: cul­mi­ne re­li­gio­so ed or­ro­re ne­fan­do: sim­bo­lo del­la pas­sio­ne di Ge­sù Cri­sto e di Sa­ta­na; fi­gu­ra celeste e ter­ri­fi­can­te ma­le as­so­lu­to. Vi­ve in un ma­re di­ver­so dal re­sto dell’ocea­no: un ma­re sa­cro co­me quel­lo che sol­ca­va­no gli an­ti­chi per­sia­ni: im­ma­gi­ne dell’inaf­fer­ra­bi­le fan­ta­sma del­la vi­ta; ma­gna­ni­mo, in­co­no­sci­bi­le, im­per­scru­ta­bi­le. Sol­tan­to in es­so ri­sie­de la su­pre­ma ve­ri­tà di Dio, il qua­le non co­no­sce né li­mi­te né spon­de: «Me­glio pe­ri­re in quell’in­fi­ni­to ur­lio smos­so di on­de che far­si in­glo­rio­sa­men­te sbat­te­re sot­to­ven­to, an­che se vi­vi». I ba­le­nie­ri e gli uo­mi­ni de­vo­no abi­ta­re nel ma­re co­me il gal­lo pra­ta­io­lo che abi­ta nel­la prateria, e na­scon­der­si tra le on­de, co­me i cac­cia­to­ri di ca­mo­sci sca­la­no le An­de.

Nel Pri­mo li­bro dei Re era ap­par­so il re Ahab, il qua­le pec­cò agli oc­chi del Si­gno­re mol­to più di tut­ti i suoi pre­de­ces­so­ri, co­struen­do un al­ta­re al dio Baal e pro­ster­nan­do­si da­van­ti a lui, fi­no a quan­do i ca­ni lec­ca­ro­no il suo san­gue. In Mo­by-Dick il re Ahab di­ven­ta il ca­pi­ta­no di una ba­le­nie­ra, il Pe­quod: ha una gam­ba so­la; l’al­tra è sta­ta «di­vo­ra­ta, ma­ciul­la­ta, tor­tu­ra­ta» dal­la ba­le­na bian­ca e so­sti­tui­ta da una gam­ba d’avo­rio. Egli ha stu­dia­to all’uni­ver­si­tà: è em­pio: pos­sie­de una stra­va­gan­te cul­tu­ra; e si chiu­de nel si-

Ul­tra­ter­re­na Pro­ta­go­ni­sta una crea­tu­ra dal co­lo­re di­vi­no e in­fer­na­le. È più intelligente dell’uo­mo. E scher­ni­sce la sua in­tel­li­gen­za li­mi­ta­ta

Un’il­lu­stra­zio­ne di Roc­k­well Kent (1882-1971) per Mo­by-Dick con­ser­va­ta nel Platt­sbur­gh Sta­te Art Mu­seum

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.