So­phia Lo­ren: la vi­ta? Non ho l’an­go­scia del tem­po che pas­sa

«Mia ma­dre ha sem­pre sof­fer­to in si­len­zio Io non cre­do al­la vi­ta che ho avu­to» A 81an­ni te­sti­mo­nial di un ros­set­to e di un pro­fu­mo. «So­no co­se che pos­so­no suc­ce­de­re, non so­no un’at­tri­ce che met­ti in un an­go­lo». Il te­le­fo­ni­no le fa pau­ra, pe­rò su car­rie­ra

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Da­nie­la Mon­ti a pa­gi­na

Il ma­ri­to «Quan­do l’ho in­con­tra­to, ero pron­ta per un’esi­sten­za nuo­va Mi ha tra­smes­so quel­la for­za si­len­zio­sa che an­co­ra og­gi mi aiu­ta Il suc­ces­so È il ri­sul­ta­to di una co­sa che hai den­tro e che for­se non di­pen­de nep­pu­re da te Un’ener­gia con­fu­sa che fa ac­ca­de­re le co­se

Io, al con­fron­to, so­no un mi­ra­co­lo», scher­za So­phia Lo­ren. Quan­do la sua col­le­ga He­len Mir­ren, a 70 an­ni, è di­ven­ta­ta te­sti­mo­nial di un co­los­so dei co­sme­ti­ci, la no­ti­zia è sta­ta ac­col­ta con una cer­ta sod­di­sfa­zio­ne, so­prat­tut­to fem­mi­ni­le: l’im­per­fe­zio­ne (le ru­ghe sul col­lo, le zam­pe di gal­li­na agli oc­chi) per una vol­ta ave­va­no la me­glio sul pen­sie­ro uni­co del­la gio­vi­nez­za, «per un mo­men­to, gra­zie a lei, ci sia­mo sen­ti­te me­no fra­gi­li», scri­ve­va Ritanna Ar­me­ni. La Lo­ren ha aspet­ta­to di com­pie­re gli 80 an­ni — og­gi ne ha 81 — per ave­re un ros­set­to con il suo no­me e ora, sot­to la re­gia di Giu­sep­pe Tor­na­to­re («mi so­no tro­va­ta be­nis­si­mo con lui, è per be­ne») e con le mu­si­che di En­nio Mor­ri­co­ne, ha gi­ra­to un cor­to per il lan­cio di un pro­fu­mo (Dol­ce Ro­sa Excelsa, en­tram­bi i pro­get­ti con Dol­ce e Gab­ba­na). Ros­set­to e pro­fu­mo, cioè i fon­da­men­ta­li del­la se­du­zio­ne. A 80 an­ni. È un ca­so uni­co, ma lei so­stie­ne che «al di là del­la bat­tu­ta sul mi­ra­co­lo, so­no co­se che pos­so­no suc­ce­de­re, an­che per­ché io non so­no un’at­tri­ce che met­ti in un an­go­li­no e non ci pen­si più. So­no fuo­ri dal tem­po, mi pia­ce an­da­re avan­ti, in­te­res­sar­mi a tut­to. In­som­ma, que­sta co­sa del ma­keup non mi è sem­bra­ta co­sì in­cre­di­bi­le». Ab­bia­mo vi­sto com’è sta­ta trat­ta­ta la po­ve­ra Car­rie Fi­sher di Guer­re Stel­la­ri, cro­ci­fis­sa sui so­cial, do­po l’usci­ta dell’ul­ti­mo epi­so­dio, per es­se­re «in­vec­chia­ta ma­la­men­te». Quan­do si par­la di età (del­le don­ne) di­ven­ta­no tut­ti cen­so­ri e so­lo­ni. «Non ho l’an­go­scia del tem­po che pas­sa, ma l’in­si­cu­rez­za non mi ha la­scia­to mai nel­la vi­ta. Pe­rò ho im­pa­ra­to che se hai un sin­ce­ro in­te­res­se per ciò che fai, all’idea di af­fron­ta­re una nuo­va av­ven­tu­ra ti sa­le den­tro una gio­ia che spaz­za via tut­to. Io so­no fat­ta co­sì: in­cre­di­bil­men­te ti­mi­da, ap­pe­na si ac­cen­de un ri­flet­to­re mi la­scio an­da­re, non lo so nean­ch’io co­me, e le co­se van­no be­ne. Ti­ro fuo­ri il me­glio di me, so sti­mo­lar­mi da so­la. So­no al­le­gra, in­te­res­sa­ta un po’ a tut­to, poi per le don­ne il ma­keup è una co­sa ca­ri­na, di­ver­ten­te».

Il te­le­fo­ni­no mi fa pau­ra

Quat­tro ni­po­ti, an­co­ra bam­bi­ni (due dal fi­glio Car­lo ju­nior, Vit­to­rio Leo­ne e Bea­tri­ce La­ra, e due da Edoar­do, Lu­cia So­fia e Leo­nar­do For­tu­na­to). «Ami la non­na, so­lo la non­na?», è la do­man­da con cui chiu­de ogni te­le­fo­na­ta con lo­ro. «Li se­guo, li guar­do, li amo, so­no sem­pre i più bel­li del mon­do. So­no an­co­ra trop­po pic­co­li per far­ci un di­scor­so se­rio, per co­min­cia­re a rac­con­ta­re co­sa ha fat­to la lo­ro non­na». Si im­pic­cia po­co nel­la lo­ro edu­ca­zio­ne, «non cer­co mai di in­se­rir­mi, so­no i ge­ni­to­ri che de­vo­no de­ci­de­re, lo­ro vo­glio­no che i fi­gli cre­sca­no in un cer­to mo­do». Nien­te Sky­pe per te­ne­re i con­tat­ti, an­che se i pic­co­li vi­vo­no a Los An­ge­les e lei a Gi­ne­vra. «Qual­che vol­ta in­vio dei mes­sag­gi, ma quan­do pren­do in ma­no il te­le­fo­ni­no mi sen­to sot­to esa­me, mi fa pau­ra». Pau­ra? «Sì, mi pia­ce un’in­te­sa pre­ci­sa, una co­sa che pos­so toc­ca­re, un di­scor­so bel­lo con un’ami­ca che hai di fron­te, que­ste co­si­ne ser­vo­no, ma non fan­no per me». Si ri­guar­da ra­ra­men­te e mai su Youtu­be, do­ve di­gi­tan­do il suo no­me si tro­va­no fil­ma­ti fol­le­men­te bel­li (an­che la­scian­do da par­te gli straor­di­na­ri spez­zo­ni dei suoi film). Lei che sven­to­la il fo­gliet­to bian­co, agli Oscar del 1999, e gri­da: Ro­ber­to! Lei che scen­de la sca­li­na­ta men­tre Gre­go­ry Peck l’aspet­ta per con­se­gnar­le l’Oscar al­la car­rie­ra (era il 1991). «Tut­to il ci­ne­ma si era al­za­to in pie­di, non mi sem­bra­va­no più per­so­ne, ma gi­gan­ti. Non riu­sci­vo a par­la­re. Quell’Oscar è sta­ta la più gran­de sor­pre­sa del­la mia vi­ta, non ho det­to nul­la ai miei fi­gli fin­ché non sia­mo en­tra­ti nel tea­tro». A vol­te, lo scor­re­re de­gli an­ni por­ta al­la na­sci­ta di nuo­ve pas­sio­ni. Non per lei. «La mia pas­sio­ne è sta­ta il ci­ne­ma e quel­la con­ti­nua ad es­se­re». Nuo­vi pro­get­ti do­po «La vo­ce uma­na» del 2014 in cui è di­ret­ta dal fi­glio Edoar­do Pon­ti? «De­vo pen­sar­ci be­ne, leg­ge­re, cer­ca­re den­tro di me l’ener­gia giu­sta per af­fron­ta­re al­tre sto­rie bel­le: quan­do hai vent’an­ni è più fa­ci­le tro­var­ne, poi tut­to si com­pli­ca».

Mai co­me mia ma­dre

«Io non ven­go da una scuo­la. An­co­ra ades­so quan­do mi sve­glio la mat­ti­na non cre­do al­la vi­ta che ho avu­to, l’uni­co mio so­gno era di su­pe­ra­re la gior­na­ta. An­da­vo al ci­ne­ma per­ché lì si po­te­va so­gna­re di più e co­sì riu­sci­vo a con­ce­de­re al mio cuo­re una spe­ran­za più gran­de del­la so­prav­vi­ven­za». La po­ver­tà è un ele­men­to cen­tra­le del­la sua vi­ta e non rie­sce a non par­lar­ne (e di po­ver­tà ave­va par­la­to pu­re Be­ni­gni in quel­la sto­ri­ca ce­ri­mo­nia de­gli Oscar: «Rin­gra­zio i miei ge­ni­to­ri per­ché mi han­no fat­to il re­ga­lo più bel­lo: la po­ver­tà»). So­no sto­rie di un’Ita­lia lon­ta­na. «Tut­ta la pri­ma par­te del­la mia vi­ta è sta­ta un sof­fri­re in si­len­zio per­ché non vo­le­vo che mia ma­dre se ne ac­cor­ges­se, cer­ca­vo di es­se­re gio­io­sa co­me Ade­le, la mia ami­ca d’in­fan­zia. Ma se in ca­sa non ci so­no i sol­di per com­pra­re qual­co­sa da man­gia­re e a let­to non dor­mi per la fa­me, è du­ra».

Quan­do nel 1951 co­no­sce il pro­dut­to­re Car­lo Pon­ti «ero pron­ta per ac­cet­ta­re una vi­ta mi­glio­re, un’esi­sten­za di­ver­sa da quel­la che ave­va vis­su­to mia ma­dre. Lei ha avu­to una vi­ta in­fer­na­le, ma io no, ho avu­to la for­tu­na di in­con­tra­re un uo­mo che mi ha tra­smes­so quel­la sua for­za si­len­zio­sa che an­co­ra og­gi mi aiu­ta a su­pe­ra­re le si­tua­zio­ni più dif­fi­ci­li».

La vi­ta fuo­ri dal la­vo­ro

Pas­sio­ne per il la­vo­ro e in­sie­me con­sa­pe­vo­lez­za di quan­to sia im­por­tan­te ave­re una vi­ta fuo­ri dal la­vo­ro. In que­sto So­phia Lo­ren è mo­der­nis­si­ma, dà pun­ti a tut­te le don­ne di og­gi che non cre­do­no più si pos­sa ave­re tut­to: fa­mi­glia e car­rie­ra. «L’esplo­sio­ne che ha avu­to la mia car­rie­ra è sta­ta una sor­pre­sa, so­prat­tut­to per me. È il ri­sul­ta­to di una co­sa che hai den­tro e che for­se di­pen­de da te, for­se di­pen­de da al­tre per­so­ne, chis­sà. È un’ener­gia con­fu­sa che fa sì che ac­ca­da­no co­se che non ave­vi nep­pu­re la for­za di so­gna­re. Ma nel­la vi­ta una don­na non può vo­le­re so­lo il la­vo­ro. Non io. Mai».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.