PRI­MA­RIE A MI­LA­NO LA SFI­DA A TRE È UN TE­ST PER IL PD

Ver­so le ur­ne L’esi­to del vo­to del 6-7 feb­bra­io nel ca­po­luo­go lom­bar­do da­rà a Ren­zi l’in­di­ca­zio­ne su che co­sa bol­le nel gran­de elet­to­ra­to

Corriere della Sera - - CRONACHE - Di Michele Sal­va­ti

In ogni gran­de cit­tà l’ele­zio­ne del sin­da­co è un ca­so a sé, dal qua­le non è im­me­dia­to trar­re con­clu­sio­ni po­li­ti­che a li­vel­lo na­zio­na­le. Que­sto era in par­te ve­ro già ai tem­pi del­la Pri­ma Re­pub­bli­ca. È evi­den­te og­gi, in una si­tua­zio­ne in cui i par­ti­ti tra­di­zio­na­li, tran­ne uno, so­no pra­ti­ca­men­te scom­par­si, le leg­gi elet­to­ra­li ra­di­cal­men­te mu­ta­te — l’ado­zio­ne del­le pri­ma­rie com­pli­ca ul­te­rior­men­te il qua­dro — e la for­ma di go­ver­no pro­fon­da­men­te al­te­ra­ta. La gran­de cit­tà è og­gi una pic­co­la re­pub­bli­ca pre­si­den­zia­le nel­la qua­le i po­te­ri del sin­da­co so­no mol­to più in­ci­si­vi ri­spet­to a un non lon­ta­no pas­sa­to e la sua fi­gu­ra e la sua per­so­na so­no al cen­tro dell’at­ten­zio­ne e del con­flit­to, sia du­ran­te la cam­pa­gna elettorale, sia do­po. Al­cu­ni si la­men­ta­no del­la di­stor­sio­ne «pre­si­den­zia­li­sti­ca» del go­ver­no na­zio­na­le. Ma que­sto ri­ma­ne a tutt’og­gi an­co­ra­to a una for­ma par­la­men­ta­re, men­tre so­no le cit­tà a es­se­re pas­sa­te a una pre­si­den­zia­le: per­ché non ci si la­men­ta di que­sto e an­zi lo si ap­pro­va?

For­se per­ché le com­pe­ten­ze (e dun­que le de­ci­sio­ni) di un go­ver­no cit­ta­di­no so­no più ri­stret­te e me­no «po­li­ti­che» di quel­lo na­zio­na­le? E dun­que non ri­chie­do­no il ri­fe­ri­men­to ai gran­di oriz­zon­ti ideo­lo­gi­ci e va­lo­ria­li che in­ve­ce im­po­ne il go­ver­no dell’in­te­ro Pae­se? In­som­ma, per­ché si trat­ta di com­pe­ten­ze da «am­mi­ni­stra­to­re di con­do­mi­nio» più che da po­li­ti­co? In par­te ciò è ve­ro, na­tu­ral­men­te, ma so­lo in par­te: si pen­si al ruo­lo che il Co­mu­ne de­ve svol­ge­re nel­la ge­stio­ne dei flus­si di im­mi­gra­zio­ne, o al­le scel­te re­la­ti­ve all’as­si­sten­za, all’edi­li­zia, all’am­bien­te ur­ba­no, e a mol­ti al­tri te­mi in cui la buo­na am­mi­ni­stra­zio­ne va mes­sa al ser­vi­zio di orien­ta­men­ti po­li­ti­ci che pos­so­no es­se­re as­sai di­ver­si. Orien­ta­men­ti in cui il Co­mu­ne può as­se­con­da­re o con­tra­sta­re in­di­riz­zi na­zio­na­li, o può es­se­re un la­bo­ra­to­rio in cui nuo­vi in­di­riz­zi ven­go­no spe­ri­men­ta­ti.

Ed è pro­prio per­ché un gran­de Co­mu­ne fa po­li­ti­ca — an­che quan­do il suo sin­da­co di­ce di non far­la, an­che se l’au­to­no­mia ri­spet­to ai par­ti­ti o ai mo­vi­men­ti cui il sin­da­co è per­so­nal­men­te vi­ci­no è ga­ran­ti­ta dai po­te­ri di cui di­spo­ne e dal con­sen­so che ha ri­ce­vu­to in quan­to elet­to di­ret­ta­men­te — che re­sta un le­ga­me tra la po­li­ti­ca lo­ca­le e quel­la na­zio­na­le. È per que­sto che par­ti­ti e mo­vi­men­ti a li­vel­lo na­zio­na­le pos­so­no con qual­che ra­gio­ne af­fer­ma­re che una fi­gu­ra a lo­ro vi­ci­na è sta­ta elet­ta in una cit­tà, e in­ter­pre­tar­lo co­me un suc­ces­so del­la lo­ro li­nea po­li­ti­ca. Il ca­so del­le pri­ma­rie mi­la­ne­si è un buon esem­pio di que­sto le­ga­me, pro­prio per­ché il Co­mu­ne pro­vie­ne da un quin­quen­nio di buo­na, one­sta e for­tu­na­ta am­mi­ni­stra­zio­ne, e dun­que la ga­ra per la can­di­da­tu­ra a sin­da­co non è tur­ba­ta dal­le vi­cen­de in cui Ro­ma è coin­vol­ta o dal­la dif­fi­ci­le si­tua­zio­ne na­po­le­ta­na.

La buo­na am­mi­ni­stra­zio­ne mi­la­ne­se è sta­ta at­tua­ta da una giun­ta «aran­cio­ne» — Pd e Sel — su­ben­tra­ta a una pre­ce­den­te am­mi­ni­stra­zio­ne di cen­tro­de­stra, e si­cu­ra­men­te an­che il Pd di Ren­zi non si sa­reb­be op­po­sto al­la con­ti­nua­zio­ne di un’espe­rien­za co­sì po­si­ti­va se Giu­lia­no Pi­sa­pia si fos­se ri­can­di­da­to co­me sin­da­co. Per ra­gio­ni per­so­na­li Pi­sa­pia non ha po­tu­to ri­can­di­dar­si e for­se al­cu­ni ri­cor­de­ran­no, nel di­cem­bre scor­so, la sin­go­la­re let­te­ra aper­ta dei tre sin­da­ci aran­cio­ne in ca­ri­ca (Mar­co Do­ria di Ge­no­va, Mas­si­mo Zed­da di Ca­glia­ri, ol­tre al­lo stes­so Pi­sa­pia) in cui si au­spi­ca­va una pro­se­cu­zio­ne a li­vel­lo lo­ca­le di coa­li­zio­ni di que­sto ti­po co­me espres­sio­ne di una «ve­ra» po­si­zio­ne po­li­ti­ca di cen­tro­si­ni­stra, e co­me mo­del­lo per l’in­te­ro Pae­se. L’au­spi­cio, nel ca­so mi­la­ne­se, era pe­rò for­te­men­te in­de­bo­li­to dal­la de­fe­zio­ne di Pi­sa­pia, no­no­stan­te che il sin­da­co ab­bia poi ti­ra­to fuo­ri dal cap­pel­lo una ec­cel­len­te can­di­da­ta, la vi­ce­sin­da­co Fran­ce­sca Bal­za­ni, co­me sua po­ten­zia­le so­sti­tu­ta. In pre­ce­den­za un al­tro bra­vo mem­bro del­la giun­ta, le­ga­to al­le po­si­zio­ni più tra­di­zio­na­li del Pd, Pier­fran­ce­sco Ma­jo­ri­no, ave­va pre­sen­ta­to la pro­pria can­di­da­tu­ra e già sta­va de­di­can­do­si, con mol­to an­ti­ci­po, al­la cam­pa­gna del­le pri­ma­rie.

Que­sta vi­cen­da ha crea­to ten­sio­ni mol­to for­ti in Sel — na­zio­na­le e mi­la­ne­se — il qua­le ha la­scia­to ai suoi iscrit­ti e sim­pa­tiz­zan­ti li­ber­tà di vo­to. E ha aper­to una au­to­stra­da al­la can­di­da­tu­ra di Bep­pe Sa­la, re­du­ce dal suc­ces­so dell’Ex­po e can­di­da­to idea­le per gli elet­to­ri cen­tri­sti e mo­de­ra­ti: Sa­la non ha un pas­sa­to di po­li­ti­co e di uo­mo di si­ni­stra, ma per que­gli elet­to­ri si trat­ta di un plus, non di un mi­nus. E si­cu­ra­men­te non è un can­di­da­to sgra­di­to a Ren­zi, al­lar­gan­do il fron­te del vo­to Pd a Mi­la­no nel­la stes­sa di­re­zio­ne in cui il se­gre­ta­rio del par­ti­to cer­ca di al­lar­gar­lo a li­vel­lo na­zio­na­le. Tre can­di­da­ti di va­lo­re, dun­que, Bal­za­ni, Ma­jo­ri­no, Sa­la: se non pos­sia­mo di­re che ce n’è per tut­ti i gu­sti, ce n’è ab­ba­stan­za per rap­pre­sen­ta­re l’in­te­ra area po­li­ti­ca che va dai cen­tri­sti fi­no ai ber­sa­nia­ni e al­la par­te me­no in­tran­si­gen­te di Sel. Qua­lo­ra le pri­ma­rie del 6 e 7 feb­bra­io ve­des­se­ro una buo­na par­te­ci­pa­zio­ne, il lo­ro esi­to da­rà un’in­di­ca­zio­ne im­por­tan­te di che co­sa bol­le in pen­to­la nel gran­de ed ete­ro­ge­neo elet­to­ra­to da cui Ren­zi cer­ca di trar­re i suoi con­sen­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.