RE­FE­REN­DUM E SVIZ­ZE­RA PRO­BLE­MA DEL QUO­RUM

Corriere della Sera - - SPETTACOLI - Ca­ro Con­ti, An­drea Con­ti

A pro­po­si­to di re­fe­ren­dum, un let­to­re ha ci­ta­to il mo­del­lo sviz­ze­ro, do­ve pe­rò vo­ta sol­tan­to una mi­no­ran­za, tan­to il quo­rum non vie­ne ri­chie­sto. Se an­che in Ita­lia non ci fos­se mai il quo­rum non sa­reb­be me­glio?

PMi­la­no

ri­ma di ri­spon­de­re al­la sua do­man­da sul quo­rum, le se­gna­lo che il 28 feb­bra­io, in Sviz­ze­ra, vi sa­ran­no quat­tro con­sul­ta­zio­ni. La pri­ma con­cer­ne il ri­sa­na­men­to del­la gal­le­ria del Got­tar­do e la co­stru­zio­ne di una gal­le­ria pa­ral­le­la per evi­ta­re che la cir­co­la­zio­ne, nel frat­tem­po, ven­ga so­spe­sa. La se­con­da (una ini­zia­ti­va po­po­la­re co­me la ter­za e la quar­ta) chie­de un nuo­vo vo­to sull’espul­sio­ne de­gli stra­nie­ri che han­no com­mes­so rea­ti, per ren­de­re la nor­ma an­co­ra più ri­go­ro­sa. La ter­za chie­de di vie­ta­re le ope­ra­zio­ni fi­nan­zia­rie spe­cu­la­ti­ve con­cer­nen­ti ma­te­rie pri­me agri­co­le e der­ra­te ali­men­ta­ri. La quar­ta chie­de che non sia svan­tag­gia­to, ri­spet­to ad al­tri mo­di di vi­ta, un ma­tri­mo­nio che con­si­sta nel­la du­re­vo­le con­vi­ven­za, di­sci­pli­na­ta dal­la leg­ge, di un uo­mo e di una don­na.

Non pos­so dir­le in­ve­ce qua­li e quan­ti sia­no, nei pros­si­mi me­si, i re­fe­ren­dum can­to­na­li e co­mu­na­li con cui ven­go­no pre­se de­ci­sio­ni mi­no­ri e stret­ta­men­te lo­ca­li. Ma pos­so dir­le che nel­la Con­fe­de­ra­zio­ne el­ve­ti­ca si vo­ta con una fre­quen­za no­te­vol­men­te su­pe­rio­re a quel­la di qual­sia­si al­tre de­mo­cra­zia eu­ro­pea. Al­cu­ne di que­ste con­sul­ta­zio­ni (co­me l’ini­zia­ti­va sui mi­na­re­ti e quel­la con­tro l’ade­sio­ne sviz­ze­ra al­la li­be­ra cir­co­la­zio­ne del­le per­so­ne nell’area eu­ro­pea) han­no pro­vo­ca­to al go­ver­no di Ber­na pa­rec­chi grat­ta­ca­pi, ma il si­ste­ma è pro­fon­da­men­te ra­di­ca­to nel­la cul­tu­ra po­li­ti­ca del Pae­se, è il frut­to di una lun­ga sto­ria fe­de­ra­le, è le­ga­to al­la sua con­fi­gu­ra­zio­ne geo­gra­fi­ca e de­mo­gra­fi­ca (so­lo 8 mi­lio­ni di abi­tan­ti) ed è quin­di mol­to dif­fi­cil­men­te mo­di­fi­ca­bi­le. An­che la man­can­za del quo­rum ap­par­tie­ne al­la sto­ria di que­sta straor­di­na­ria de­mo­cra­zia di­ret­ta. Là do­ve la coe­sio­ne so­cia­le è or­mai una vir­tù col­lau­da­ta, è mol­to più fa­ci­le sup­por­re che i non vo­tan­ti ab­bia­no im­pli­ci­ta­men­te de­le­ga­to ai vo­tan­ti il di­rit­to di sce­glie­re per tut­ti.

Det­to que­sto, ca­ro Con­ti, è cer­ta­men­te ve­ro che il quo­rum ita­lia­no (il 50% più uno) ha re­so im­pos­si­bi­li ri­for­me che era­no vo­lu­te da una par­te con­si­sten­te del­la so­cie­tà na­zio­na­le. Pen­so in par­ti­co­la­re a quel­lo del 18 apri­le 1999 sul­la abo­li­zio­ne del­la quo­ta pro­por­zio­na­le nel­la ele­zio­ne per la Ca­me­ra dei de­pu­ta­ti: un re­fe­ren­dum che avreb­be in­tro­dot­to il si­ste­ma mag­gio­ri­ta­rio e sbar­ra­to la stra­da al­le di­scu­ti­bi­li leg­gi elet­to­ra­li de­gli an­ni se­guen­ti. I sì rap­pre­sen­ta­ro­no il 91,5% dei vo­tan­ti, ma que­sti fu­ro­no il 49,6% del cor­po elettorale. Per evi­ta­re che que­sto ac­ca­da, una so­lu­zio­ne po­treb­be es­se­re quel­la di col­le­ga­re il quo­rum, nel re­fe­ren­dum abro­ga­ti­vo, al nu­me­ro di co­lo­ro che lo han­no chie­sto: quan­to più nu­me­ro­se le fir­me dei pro­po­nen­ti, tan­to più bas­so il quo­rum.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.