99

Corriere della Sera - - SPORT - Pao­lo To­ma­sel­li

Se le ma­glie del Gi­ro le pren­di in ma­no, sen­ti il pe­so del­la sto­ria, de­gli uo­mi­ni so­li al co­man­do, de­gli spon­sor mi­ti­ci, dei cam­pio­ni che nel ri­cor­do so­no tutt’uno con quei co­lo­ri. Ma il pe­so fi­si­co, quel­lo or­mai non esi­ste più, per­ché i quat­tro sim­bo­li del­la cor­sa, che ie­ri so­no sta­ti pre­sen­ta­ti a Mi­la­no, sem­bra­no una se­con­da pel­le. Sem­pre più sot­ti­li, tra­spi­ran­ti, tec­ni­che, le ma­glie han­no la con­si­sten­za leg­ge­ra di una nu­vo­la, che spes­so si scon­tra in ga­ra con le nu­vo­le ve­re, quel­le sul­le ci­me sto­ri­che del­la «cor­sa più du­ra al mon­do nel Pae­se più bel­lo del mon­do». E ti sem­bra qua­si che il ci­cli­sta, che ma­ga­ri po­ve­rac­cio ab­bas­sa la zip per cer­ca­re un po’ di os­si­ge­no, se ne va­da a pet­to nu­do con­tro la sa­li­ta.

E in­ve­ce que­ste ma­glie — che og­gi sem­bra­no co­sì lar­ghe ma poi sa­ran­no stret­te sul­le spal­le di cor­ri­do­ri ma­gris­si­mi — so­no una pro­te­zio­ne, una co­raz­za, un con­dut­to­re di ener­gia sup­ple­men­ta­re. La ro­sa, cer­to, le su­pe­ra tut­te per im­por­tan­za e per i ri­cor­di che ha la­scia­to e la­sce­rà. Ma un cor­ri­do­re co­me Gia­co­mo Niz­zo­lo, che l’an­no scor­so ha ve­sti­to quel­la ros­sa all’ar­ri­vo di Mi­la­no ha spie­ga­to be­ne, la lot­ta per con­qui­sta­re il sim­bo­lo del­la clas­si­fi­ca a pun­ti. Niz­zo­lo non è riu­sci­to a vin­ce­re una tap­pa e la co­sa lo tor­men­ta an­co­ra. Ma ha ge­sti­to il duel­lo con Vi­via­ni an­che nei tra­guar­di vo­lan­ti per por­ta­re a ca­sa quel­la ma­glia im­por­tan­tis­si­ma. E ve­der­la ogni gior­no quan­do apre l’ar­ma­dio.

Per­ché le ma­glie so­no per l’edi­zio­ne del pros­si­mo Gi­ro d’Ita­lia (629 mag­gio). Par­ten­za dall’Olan­da, tra­guar­do fi­na­le a To­ri­no mol­ti, ma non per tut­ti. Ognu­na ha il suo spon­sor e ie­ri era an­che la lo­ro gior­na­ta: Enel per la ma­glia ro­sa, Al­gi­da per quel­la ros­sa, Me­dio­la­num per quel­la az­zur­ra e Eu­ro­spin per quel­la bian­ca (ol­tre a Ca­sa.it spon­sor del Gi­ro). Ma su 200 cor­ri­do­ri al via so­lo una man­cia­ta di lo­ro può pen­sa­re di indossarle. La pri­ma ro­sa del nuo­vo Gi­ro sa­rà per qual­che cro­no­man po­ten­te e ar­ri­ve­rà ve­ner­dì 6 mag­gio a Apel­doorn in Olan­da: se, co­me pa­re, sa­rà al via, Fa­bian Can­cel­la­ra fa­rà di tut­to per chiu­de­re la car­rie­ra con la col­le­zio­ne qua­si com­ple­ta di ma­glie no­bi­li e di­ven­ta­re al­me­no per un gior­no del­la sua vi­ta il lea­der del­la cor­sa del Pae­se da do­ve vie­ne suo pa­dre. Ma a giu­di­ca­re dal cli­ma olan­de­se, all’ini­zio sa­rà co­mun­que una ro­sa dei ven­ti e cam­bie­rà spes­so.

Ma la ro­sa più at­te­sa è quel­la che de­ve co­glie­re Vin­cen­zo Ni­ba­li, che tor­na al Gi­ro a tre an­ni dal­la sua pri­ma vit­to­ria e vuo­le fa­re il bis, met­ten­do le ma­glie del Gi­ro ai la­ti di quel­la gial­la del Tour co­me una tri­ni­tà ci­cli­sti­ca che in Ita­lia man­ca dai tem­pi di Gi­mon­di. Il si­ci­lia­no la­sce­rà che gli spe­cia­li­sti del­le fu­ghe d’al­ta quo­ta si con­ten­da­no la ma­glia az­zur­ra dei gran pre­mi del­la mon­ta­gna. L’an­no scor­so la vin­se Gio­van­ni Vi­scon­ti, uno che nel 2013 trion­fò sot­to i fioc­chi di ne­ve del Ga­li­bier, pre­sta­to al Gi­ro.

E la bian­ca? È un pon­te per il fu­tu­ro, per­ché pre­mia il mi­glior gio­va­ne del­la clas­si­fi­ca ge­ne­ra­le: Quin­ta­na nel 2014 se l’è mes­sa sot­to quel­la ro­sa. Aru, che a lu­glio cer­che­rà al­tri co­lo­ri al Tour, l’an­no scor­so l’ha por­ta­ta con or­go­glio, nel se­con­do po­sto fi­na­le die­tro ad Al­ber­to Con­ta­dor. Que­st’an­no lo sca­la­to­re un­der 25 che pun­ta a la­scia­re la pro­pria im­pron­ta su quel bian­co im­ma­co­la­to po­treb­be es­se­re Da­vi­de For­mo­lo. Per co­lo­rar­la, poi ci sa­rà tem­po. Ma­dri­na Gior­gia Pal­mas è la ma­dri­na­pra­ti­can­te («A ca­sa ho 10 bi­ci») del Gi­ro 2016 che ie­ri a Mi­la­no ha sve­la­to il de­si­gn del­le quat­tro ma­glie (Ansa)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.