L’or­ro­re in di­ret­ta dei sen­za scru­po­li

Va in on­da il no­stro or­ro­re quo­ti­dia­no ri­pre­so per set­ti­ma­ne o per me­si da­gli oc­chi del­le te­le­ca­me­re na­sco­ste

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - di Su­san­na Ta­ma­ro

No­ne­si­sto­no no­stal­gi­che epo­che di pa­ra­di­si in Ter­ra, ma piut­to­sto, in ogni tem­po, una tra­ma ine­sau­sta di san­gue, mor­te, so­praf­fa­zio­ne. Ora pe­rò ne sia­mo in­for­ma­ti an­che at­tra­ver­so le im­ma­gi­ni.

Sul fat­to che la sto­ria dell’es­se­re uma­no sia sta­ta se­gna­ta da una pres­so­ché inin­ter­rot­ta se­quen­za di or­ro­ri non ci so­no dub­bi. Non esi­sto­no no­stal­gi­che epo­che di pa­ra­di­si in Ter­ra, ma piut­to­sto, in ogni tem­po, una tra­ma ine­sau­sta di san­gue, mor­te, so­praf­fa­zio­ne. Sol­tan­to ora pe­rò ab­bia­mo il pri­vi­le­gio di es­se­re in­for­ma­ti sul­le atro­ci­tà del mon­do in tem­po rea­le, at­tra­ver­so no­ti­zie ma so­prat­tut­to im­ma­gi­ni che ci ren­do­no spet­ta­to­ri iner­mi. Ver­reb­be qua­si da pa­ra­fra­sa­re la più fa­mo­sa pre­ghie­ra cri­stia­na, so­sti­tuen­do il pa­ne con l’or­ro­re. Dac­ci og­gi il no­stro or­ro­re quo­ti­dia­no. Co­sì nel cor­so del­le no­stre ba­na­li azio­ni di tut­ti i gior­ni vi­via­mo ac­com­pa­gna­ti da un sot­to­fon­do di fo­to­gram­mi ag­ghiac­cian­ti che, co­me un film sen­za re­gi­sta, si so­vrap­pon­go­no in con­ti­nua­zio­ne ai no­stri pen­sie­ri. Aspet­to all’au­to­bus e pen­so al­le ra­gaz­ze ra­pi­te da Bo­ko Ha­ram. Scen­den­do, mi ven­go­no in

men­te le bam­bi­ne fat­te esplo­de­re a di­stan­za nei mer­ca­ti. Du­ran­te una ce­na con ami­ci, pen­so al­le per­so­ne ra­pi­te e am­maz­za­te per strap­pa­re lo­ro gli or­ga­ni. Mi la­vo i den­ti e la trat­ta del­le schia­ve del ses­so si ri­flet­te nel­lo spec­chio da­van­ti a me. E quan­do fi­nal­men­te chiu­do la lu­ce nel mio con­for­te­vo­le let­to, non pos­so non pen­sa­re al­le mi­glia­ia di don­ne, bam­bi­ni e uo­mi­ni am­mas­sa­ti nel ge­lo e nel fan­go ai con­fi­ni dell’Eu­ro­pa.

Ma da qual­che gior­no un or­ro­re mol­to più do­me­sti­co os­ses­sio­na il mio per­so­na­le film quo­ti­dia­no. Que­sto or­ro­re è co­sti­tui­to da bre­vis­si­mi spez­zo­ni che nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne i te­le­gior­na­li ci han­no pro­po­sto con un’al­lar­man­te ri­pe­ti­ti­vi­tà. Le im­ma­gi­ni so­no quel­le di bam­bi­ni pic­co­li, di an­zia­ni, di di­sa­bi­li, di per­so­ne con ri­tar­di men­ta­li pre­si a schiaf­fi, strat­to­na­ti, in­sul­ta­ti, in­goz­za­ti con vio­len­za, la­scia­ti mar­ci­re nei lo­ro escre­men­ti. Im­ma­gi­ni re­se an­co­ra più in­tol­le­ra­bi­li dal fat­to di sa­pe­re che quel­le te­le­ca­me­re so­no ri­ma­ste ac­ce­se per quat­tro, cin­que, sei, set­te me­si pri­ma che le for­ze dell’or­di­ne si de­ci­des­se­ro a in­ter­ve­ni­re. È dav­ve­ro ne­ces­sa­rio aspet­ta­re tan­to tem­po per met­te­re fi­ne a tan­ta inu­ti­le sof­fe­ren­za? Un me­se di cal­ci, spu­ti e in­ti­mi­da­zio­ni non ba­sta per in­cri­mi­na­re qual­cu­no? Que­sta è la pri­ma do­man­da che tut­te le per­so­ne ca­pa­ci an­co­ra di stu­pir­si e di pro­va­re or­ro­re si fan­no ve­den­do que­ste se­quen­ze. La se­con­da do­man­da è: co­me è pos­si­bi­le ar­ri­va­re a tan­to?

La cu­ra del­le per­so­ne con gra­vi in­fer­mi­tà è si­cu­ra­men­te un la­vo­ro al­ta­men­te lo­go­ran­te, lo san­no tut­te le fa­mi­glie che han­no un ma­la­to a ca­sa. Pro­prio per que­sto, esi­sto­no del­le strut­tu­re pro­tet­te do­ve il per­so­na­le si al­ter­na, per­met­ten­do co­sì quel re­cu­pe­ro ne­ces­sa­rio che una fa­mi­glia non po­trà mai ave­re. E per la de­li­ca­tez­za di que­sto com­pi­to si sup­po­ne che chi di­ri­ge ta­li strut­tu­re do­vreb­be vi­gi­la­re con estre­ma se­ve­ri­tà. Ma que­sto, ahi­mè, in mol­ti e for­se trop­pi ca­si non ac­ca­de. Un in­se­gnan­te, una per­so­na sin­go­la che at­tra­ver­sa un mo­men­to di dif­fi­col­tà e si la­scia an­da­re a qual­che ec­ces­so può rien­tra­re nel­la ca­si­sti­ca del­la fra­gi­li­tà uma­na, ma chi com­pie que­sti abo­mi­ni lo fa sem­pre in grup­po, con­tan­do sull’omer­tà e la com­pli­ci­tà dei suoi col­le­ghi. Se io mi tro­vas­si in un luo­go di la­vo­ro e as­si­stes­si an­che a uno so­lo di que­sti abu­si non esi­te­rei a ri­vol­ger­mi al­la di­re­zio­ne e poi al­le for­ze dell’or­di­ne. Per­ché que­sto non ac­ca­de? Per­ché so­no sem­pre e so­lo i pa­ren­ti ad ac­cor­ger­si di qual­che ema­to­ma di trop­po, di qual­che sguar­do ter­ro­riz­za­to, di qual­che la­cri­ma sfug­gi­ta? La cru­del­tà ver­so chi non si può di­fen­de­re e non può par­la­re, il di­sprez­zo, la tor­tu­ra gra­tui­ta de­gli ul­ti­mi è qual­co­sa che mi riem­pie di un or­ro­re as­so­lu­to per­ché die­tro a que­sti ge­sti si ce­la sol­tan­to un sa­di­smo fi­ne a se stes­so.

La mag­gior par­te del­le atro­ci­tà che ci rag­giun­go­no ogni gior­no da­gli scher­mi e dal­le pa­gi­ne dei gior­na­li so­no pur­trop­po ascri­vi­bi­li a dei fa­na­ti­smi ideo­lo­gi­ci, re­li­gio­si, di ge­ne­re, ali­men­ta­ti da igno­ran­za e da fai­de di po­te­re bru­ta­le. Ma que­sti aguz­zi­ni mo­der­ni, fi­ni­to l’ora­rio di la­vo­ro, tor­na­no nel­le lo­ro ca­se, al­le lo­ro fa­mi­glie, fan­no vi­te nor­ma­li. Nien­te, se non le te­le­ca­me­re na­sco­ste, po­treb­be far­ci im­ma­gi­na­re l’abo­mi­nio di cui so­no ca­pa­ci. Un abo­mi­nio che da lo­ro evi­den­te­men­te non vie­ne per­ce­pi­to co­me ta­le. Nes­su­na ver­go­gna, nes­sun tur­ba­men­to, nes­su­na not­te in­son­ne.

Di che co­sa ci par­la que­sta real­tà fuo­ri con­trol­lo? Pri­ma di tut­to dell’eclis­si del­la co­scien­za in­di­vi­dua­le e poi del fat­to che abu­sa­re un an­zia­no, un ma­la­to, un iner­me non è più con­si­de­ra­to uno di quei ge­sti che una vol­ta ve­ni­va­no ru­bri­ca­ti co­me at­ti che «gri­da­no ven­det­ta al Cie­lo». Il Cie­lo, co­me ci in­se­gna or­mai la mo­der­ni­tà, è vuo­to o al mas­si­mo po­po­la­to da sa­tel­li­ti e dro­ni, e l’oc­chio che può sve­la­re la no­stra in­fa­mia non è più quel­lo del Trian­go­lo mo­no­cu­la­re, ben­sì uni­ca­men­te quel­lo del­le te­le­ca­me­re na­sco­ste. Co­sì fi­gu­re re­to­ri­che che ave­va­no po­po­la­to e nu­tri­to per se­co­li l’im­ma­gi­na­rio del­la ci­vil­tà oc­ci­den­ta­le — il buon sa­ma­ri­ta­no, gli in­vi­ti di Isa­ia a ri­cer­ca­re sem­pre la giu­sti­zia e quel­lo dei Van­ge­li di non fa­re agli al­tri quel­lo che non si vor­reb­be fos­se fat­to a noi stes­si, fi­no a tut­to l’uni­ver­so dan­te­sco, con la leg­ge del con­trap­pas­so — si so­no dis­sol­te nel nul­la. Al lo­ro po­sto è com­par­so l’Uo­mo di Hob­bes: sen­za scru­po­li, in­den­ne da fi­si­me eti­che, mos­so uni­ca­men­te dal suo de­si­de­rio pri­ma­rio di so­prav­vi­ven­za.

Svuo­tan­do il Cie­lo, ab­bia­mo tol­to al­la vi­ta ogni se­gno di sa­cra­li­tà. E in­sie­me al­la sa­cra­li­tà, an­che ogni om­bra di ti­mo­re per ciò che ci ac­ca­drà una vol­ta che chiu­de­re­mo per sem­pre gli oc­chi. Quel ti­mo­re che ha ac­com­pa­gna­to tut­ta la sto­ria dell’uma­ni­tà. L’Eter­no non c’è più. E non es­sen­do­ci l’Eter­no, non c’è più nep­pu­re il Giu­di­zio, co­me an­che la chie­sa — tra­sfor­ma­ta or­mai nell’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo uni­ca­men­te in una gran­de agen­zia di ser­vi­zi e di buo­ni sen­ti­men­ti — ci ras­si­cu­ra co­stan­te­men­te.

Il de­cli­no dell’Eter­no ci ren­de pri­gio­nie­ri del Tem­po. Ma il Tem­po, ma­ni­po­lan­do­ci, ci di­vo­ra, di­vo­ran­do la no­stra stes­sa uma­ni­tà.

Lo­go­rio La cu­ra di per­so­ne con gra­vi in­fer­mi­tà lo­go­ra, per­ciò ci so­no strut­tu­re ad hoc. Ma chi vi­gi­la? Abo­mi­ni Sia­mo ac­com­pa­gna­ti da im­ma­gi­ni ag­ghiac­cian­ti Abo­mi­ni com­piu­ti in grup­po, gra­zie all’omer­tà

La pro­te­sta Le mam­me dei bam­bi­ni dell’asi­lo Ni­do del Cep ma­ni­fe­sta­no in Co­mu­ne a Pi­sa chie­den­do si­cu­rez­za nel­le scuo­le ma­ter­ne. Tre mae­stre del­la scuo­la so­no in­da­ga­te per pre­sun­ti mal­trat­ta­men­ti. Do­po il ca­so del Ni­do del Cep, il Co­mu­ne ha an­nun­cia­to...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.