Gran­di fa­mi­glie, il ri­tor­no dei me­ce­na­ti a Mi­la­no

L’im­pren­di­to­re: apri­re­mo la ca­sa di mio pa­dre a stu­den­ti e an­zia­ni

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Maurizio Gian­nat­ta­sio

AMi­la­no è sta­ta sem­pre una tra­di­zio­ne: le fa­mi­glie di me­ce­na­ti che ri­spon­do­no ai bi­so­gni del­la cit­tà. L’ap­pel­lo del sin­da­co Bep­pe Sa­la al­la gran­de bor­ghe­sia am­bro­sia­na non è ca­du­to nel vuo­to. Il pri­mo a ri­spon­de­re Ser­gio Dom­pé: «È giu­sto re­sti­tui­re, apri­rò la ca­sa di mio pa­dre a stu­den­ti ed an­zia­ni».

È il ri­tor­no del me­ce­na­ti­smo. O for­se è un me­ce­na­ti­smo 2.0 che de­via ra­di­cal­men­te dal­la cul­tu­ra per far­si ca­ri­co del bi­so­gno so­cia­le (no­to­ria­men­te non è un pro­ble­ma di via Mon­te Na­po­leo­ne, ma del­le pe­ri­fe­rie) e che non si ri­vol­ge al­le azien­de ma di­ret­ta­men­te agli in­di­vi­dui, al­le fa­mi­glie, a chi da Mi­la­no ha ri­ce­vu­to tan­to e ades­so può «re­sti­tui­re». Al­me­no se­con­do le spe­ran­ze del sin­da­co di Mi­la­no, Bep­pe Sa­la, che gio­ve­dì ha lan­cia­to un ap­pel­lo al­la gran­de bor­ghe­sia cit­ta­di­na. «Pen­so sia il mo­men­to di ri­sti­mo­la­re il me­ce­na­ti­smo mi­la­ne­se. Ci so­no de­ci­ne di fa­mi­glie che han­no una di­men­sio­ne di pa­tri­mo­nio ta­le per cui, in que­sto mo­men­to sto­ri­co, po­treb­be­ro vo­ler fa­re qual­co­sa per la cit­tà».

Le gran­di fa­mi­glie han­no co­min­cia­to a ri­spon­de­re. Il pri­mo è sta­to Ser­gio Dom­pé, pre­si­den­te del­la Dom­pé far­ma­ceu­ti­ci, uno dei prin­ci­pa­li grup­pi bio­far­ma­ceu­ti­ci ita­lia­ni. Tut­to è na­to qua­si per ca­so lu­ne­dì scor­so. Sul vo­lo che li por­ta­va a Bru­xel­les per so­ste­ne­re la can­di­da­tu­ra di Mi­la­no per l’Ema, l’Agen­zia del Far­ma­co. «Ne ho ap­pro­fit­ta­to per chie­de­re un pa­re­re al sin­da­co — spie­ga Dom­pé —. Mio pa­dre è mor­to quin­di­ci an­ni fa, mi­la­ne­se doc, in­na­mo­ra­to del­la sua cit­tà. Ne­gli an­ni ‘50 e ‘60 non c’era la mo­da di par­ti­re per i wee­kend e mio pa­dre fe­ce rea­liz­za­re un bel­lis­si­mo giar­di­no do­ve co­struì la sua ca­sa. Con mio fra­tel­lo e mia so­rel­la ave­va­mo ipo­tiz­za­to l’idea di ven­der­la ma ci sem­bra­va di tra­di­re la me­mo­ria di no­stro pa­dre, per que­sto ho chie­sto un con­si­glio al sin­da­co». Per­ché l’in­ten­zio­ne di Dom­pé è quel­la di met­te­re a di­spo­si­zio­ne l’abi­ta­zio­ne di suo pa­dre per ac­co­glie­re an­zia­ni e stu­den­ti che ven­go­no a Mi­la­no per stu­dia­re. «Un mo­do per far ri­vi­ve­re i va­lo­ri in cui ave­va cre­du­to e la­vo­ra­to no­stro pa­dre».

La ri­spo­sta di Sa­la? «En­tu­sia­sti­ca. Sa­la è un abi­le ma­na­ger e quan­do c’è la pos­si­bi­li­tà di por­ta­re a ca­sa qual­co­sa non se le fa sfug­gi­re» sor­ri­de Dom­pé. Un ini­zio, un sen­so di ri­co­no­scen­za, chi ha ri­ce­vu­to tan­to da Mi­la­no ades­so può «re­sti­tui­re». «Cre­do sia il mo­men­to giu­sto — con­ti­nua Dom­pé —. Or­mai c’è un Mo­del­lo Mi­la­no che ve­de tut­te le istituzioni la­vo­ra­re insieme per il be­ne del­la cit­tà e del Pae­se. Se Mi­la­no e la Lom­bar­dia ven­go­no ge­sti­te con at­ten­zio­ne co­me sta suc­ce­den­do, se la spin­ta im­pren­di­to­ria­le con­ti­nua a cre­sce­re, pen­so che il me­ce­na­ti­smo pos­sa tor­na­re ai suoi an­ti­chi splen­do­ri. Le gran­di fa­mi­glie mi­la­ne­si han­no fat­to co­se straor­di­na­rie per la cit­tà. Riz­zo­li, In­ver­niz­zi, Mo­rat­ti, più re­cen­te­men­te la fa­mi­glia Ro­va­ti con il mu­seo Etru­sco. Qual­cu­no può da­re cen­to, qual­cu­no può da­re uno e tan­te vol­te que­sto uno vale più di cen­to. È il mo­men­to buo­no per il Pae­se e tut­ti noi che ab­bia­mo avu­to mol­to pos­sia­mo fa­re qual­co­sa per la no­stra cit­tà».

Quel­la di Dom­pé non è una chia­ma­ta al­la cor­re­spon­sa­bi­li­tà, tan­to­me­no un ap­pel­lo al­le al­tre gran­di fa­mi­glie mi­la­ne­si: «As­so­lu­ta­men­te no. Sa­rei co­me la mae­stri­na che vuo­le in­se­gna­re qual­co­sa agli al­tri. In se­con­do luo­go, ci so­no già tan­te fa­mi­glie che han­no fat­to mol­to per Mi­la­no. Pen­so al la­vo­ro di Ca­prot­ti. A Er­ne­sto Pel­le­gri­ni con il suo ri­sto­ran­te Ru­ben per i più bi­so­gno­si a 1 eu­ro. Sia­mo in tan­ti e ognu­no fa la sua par­te, ognu­no cer­ca di con­tri­bui­re co­me può». Cer­to, il «mo­men­to ma­gi­co» di Mi­la­no aiu­ta. «Chi non ca­pi­sce che è sta­to fat­to un pas­so avan­ti evi­den­te­men­te non vive nel pre­sen­te. So­no cam­bia­te tan­te co­se — con­clu­de Dom­pé — ren­der­se­ne con­to e ca­pi­ta­liz­za­re tut­to ciò sen­za pro­ta­go­ni­smi e sen­za pre­sun­zio­ne, con umil­tà è fon­da­men­ta­le. Ci so­no tan­te per­so­ne che stan­no con­tri­buen­do, tan­te spin­te che ar­ri­va­no da tan­te par­ti. Nel Pae­se in ge­ne­ra­le e in Lom­bar­dia e a Mi­la­no so­prat­tut­to».

L’ap­pel­lo di Sa­la Il sin­da­co Bep­pe Sa­la ave­va lan­cia­to un ap­pel­lo al­la gran­de bor­ghe­sia cit­ta­di­na

Pre­si­den­te Ser­gio Dom­pé, gui­da del grup­po bio-far­ma­ceu­ti­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.