Gen­ti­lo­ni, la Fi­nan­zia­ria e la tre­gua ar­ma­ta con Mdp

Dai ber­sa­nia­ni un pri­mo via li­be­ra al­la Re­la­zio­ne che con­sen­te mag­gio­re fles­si­bi­li­tà

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Fran­ce­sco Ver­de­ra­mi

Non era co­sì che Gen­ti­lo­ni con­fi­da­va di ar­ri­va­re all’at­to fi­na­le (e fon­da­men­ta­le) del­la le­gi­sla­tu­ra. In­ve­ce l’esa­me del­la leg­ge di Bi­lan­cio si svol­ge­rà in un cli­ma ar­ro­ven­ta­to da derby a si­ni­stra che pre­oc­cu­pa il pre­mier. Ma an­che il Col­le.

Nel mez­zo del­lo scon­tro tra Pd e Mdp sul­la leg­ge elet­to­ra­le, con lo Ius so­li che di­vi­de i De­mo­cra­ti­ci tra i fau­to­ri del dia­lo­go con gli scis­sio­ni­sti e quan­ti vor­reb­be­ro chiu­de­re i con­ti con gli ex com­pa­gni di stra­da, la pros­si­ma set­ti­ma­na al Se­na­to si ter­rà una vo­ta­zio­ne che — an­das­se stor­ta — avreb­be un co­sto po­li­ti­co ele­va­to per i due par­ti­ti e un co­sto eco­no­mi­co sa­la­to per il Pae­se. L’Au­la di pa­laz­zo Ma­da­ma do­vrà esa­mi­na­re la Re­la­zio­ne che ac­com­pa­gna il Def, e che — se ap­pro­va­ta — con­sen­ti­reb­be al go­ver­no di di­mi­nui­re la quo­ta di ri­du­zio­ne strut­tu­ra­le del de­fi­cit, ga­ran­ten­do co­sì una fles­si­bi­li­tà di spe­sa che l’Eu­ro­pa do­vreb­be poi aval­la­re.

Ma per ot­te­ne­re l’au­to­riz­za­zio­ne a sfrut­ta­re quel mar­gi­ne di die­ci mi­liar­di nel­la leg­ge di Bi­lan­cio, Gen­ti­lo­ni avrà bi­so­gno del­la mag­gio­ran­za qua­li­fi­ca­ta al Se­na­to. E se nel cor­so del­la le­gi­sla­tu­ra non è mai sta­to fa­ci­le ra­ci­mo­la­re 161 vo­ti in quel ra­mo del Par­la­men­to, an­cor più com­pli­ca­to sa­rà cen­tra­re l’obiet­ti­vo in una «fa­se schi­zo­fre­ni­ca» — co­me la de­fi­ni­sce il pre­mier — do­ve ol­tre l’umo­re dei sin­go­li se­na­to­ri, stres­sa­ti per il lo­ro de­sti­no per­so­na­le, an­drà va­lu­ta­to an­che l’at­teg­gia­men­to di Mdp: sen­za il suo ap­pog­gio, il go­ver­no an­dreb­be sot­to.

Per­ciò la scor­sa set­ti­ma­na — quan­do per rap­pre­sa­glia con­tro il Ro­sa­tel­lum D’Ale­ma dis­se ai suoi com­pa­gni che «noi do­vrem­mo vo­ta­re con­tro» — era scat­ta­to l’al­lar­me ros­so. E non so­lo a pa­laz­zo Chi­gi. L’idea che un brac­cio di fer­ro po­li­ti­co pos­sa pro­vo­ca­re un dan­no al Pae­se, ave­va in­dot­to il Col­le a muo­ver­si, ri­chia­man­do le par­ti in con­flit­to al­la «ra­gio­ne­vo­lez­za» e al «sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà». È un fat­to che po­chi gior­ni do­po lo stes­so D’Ale­ma, nell’in­ter­vi­sta al Cor­rie­re, ha pre­ci­sa­to che «noi non vo­glia­mo la Tro­j­ka in Ita­lia». E an­co­ra l’al­tra se­ra l’ex pre­mier ha ri­ba­di­to che «Mdp so­stie­ne il go­ver­no. E il no­stro vo­to è de­ter­mi­nan­te al Se­na­to».

Ap­pun­to. Sen­za quel vo­to l’ese­cu­ti­vo en­tre­reb­be di fat­to in cri­si, e pu­re se re­stas­se in ca­ri­ca sa­reb­be co­stret­to a una leg­ge di Bi­lan­cio dra­co­nia­na. Per di più scat­te­reb­be­ro le clau­so­le di sal­va­guar­dia fir­ma­te dai go­ver­ni pre­ce­den­ti con l’Eu­ro­pa: ve­re e pro­prie cam­bia­li che por­te­reb­be­ro dal pri­mo gen­na­io all’au­men­to dell’Iva e del­le ac­ci­se, per un am­mon­ta­re di ol­tre quin­di­ci mi­liar­di. Un’even­tua­li­tà che il mon­do pro­dut­ti­vo e quel­lo sin­da­ca­le vor­reb­be­ro scon­giu­ra­re. Una pro­spet­ti­va che avreb­be un co­sto po­li­ti­co an­che per Mdp, so­spin­to ver­so una de­ri­va ra­di­ca­le con l’ac­cu­sa pe­ral­tro di aver pro­vo­ca­to una Fi­nan­zia­ria di stam­po ri­go­ri­sta, in li­nea con il bloc­co con­ser­va­to­re eu­ro­peo.

Per tut­te que­ste ra­gio­ni l’area vi­ci­na a Ber­sa­ni — a cui si ri­fà gran par­te del grup­po scis­sio­ni­sta al Se­na­to — non vuo­le strap­pi con il go­ver­no sul­la Re­la­zio­ne. Ma è so­lo una tre­gua ar­ma­ta in vi­sta del­la leg­ge di Bi­lan­cio, su cui Ar­ti­co­lo 1 chie­de di aver vo­ce in ca­pi­to­lo da par­ti­to di mag­gio­ran­za qual è. Ed è sul ri­co­no­sci­men­to po­li­ti­co di Mdp che Gen­ti­lo­ni si tro­va sul­la li­nea di fuo­co tra chi mi­ra a «de-ren­ziz­za­re» il cen­tro-si­ni­stra e chi dall’al­tra par­te pun­ta a «ber­ti­not­tiz­za­re» gli ex com­pa­gni di par­ti­to, a iso­lar­li per stac­car­li da Pi­sa­pia.

È una sfida che non sem­bra con­tem­pla­re il pa­ri. E in­fat­ti il mu­ro dell’in­co­mu­ni­ca­bi­li­tà in­ve­ce di sgre­to­lar­si con­ti­nua ad al­zar­si, se è ve­ro quan­to si rac­con­ta­va ie­ri a Na­po­li, al­la fe­sta di Ar­ti­co­lo 1, e cioè che al­cu­ni mi­ni­stri del Pd do­po aver ac­cet­ta­to l’in­vi­to a par­te­ci­pa­re ai di­bat­ti­ti, ave­va­no poi de­cli­na­to, pres­sa­ti dall’en­tou­ra­ge del se­gre­ta­rio. Che in ef­fet­ti ha in Mdp il più acer­ri­mo e sco­per­to av­ver­sa­rio. Non è dun­que ca­sua­le che a con­fer­ma­re l’ap­pun­ta­men­to sia­no sta­ti Fran­ce­schi­ni e Del­rio, co­me non è ca­sua­le il mo­do in cui il mi­ni­stro del­le In­fra­strut­tu­re ha scon­fes­sa­to la sot­to­se­gre­ta­ria Bo­schi sul­lo Ius so­li, me­ta­fo­ra die­tro la qua­le si na­scon­de lo scon­tro tut­to in­ter­no ai dem sul­la ne­ces­si­tà o me­no di ri­pri­sti­na­re un rap­por­to con gli scis­sio­ni­sti.

È in que­sto con­te­sto che Gen­ti­lo­ni de­ve af­fron­ta­re l’ul­ti­mo mi­glio di na­vi­ga­zio­ne, con l’esi­gen­za di te­ne­re insieme i nu­me­ri del­la mag­gio­ran­za e la vo­lon­tà di non in­cri­na­re il rap­por­to con Ren­zi. Può dar­si che le elezioni si­ci­lia­ne pos­sa­no far cam­bia­re lo sce­na­rio po­li­ti­co, ma nel frat­tem­po c’è il de­li­ca­tis­si­mo vo­to al Se­na­to e c’è la ne­ces­si­tà di por­ta­re avan­ti in Par­la­men­to la leg­ge di Bi­lan­cio. Quan­do Ber­sa­ni di­ce al pre­mier che «do­ve­te par­la­re an­che con noi, non so­lo con Al­fa­no», vuol far ca­pi­re che non ba­sta­no più i con­tat­ti in­for­ma­li con i mi­ni­stri né i se­gna­li d’at­ten­zio­ne per­so­na­li tra­smes­si da pa­laz­zo Chi­gi per via riservata. Ma sic­co­me Mdp è na­ta in se­gno di di­scon­ti­nui­tà dal­la li­nea ren­zia­na, il fi­na­le ri­schia di es­se­re già scrit­to. Per­ciò Gen­ti­lo­ni è pre­oc­cu­pa­to. Per­ciò il Col­le ha al­za­to uno scu­do pro­tet­ti­vo sul go­ver­no. E so­prat­tut­to sul Pae­se.

Lo sce­na­rio Sen­za il vo­to del­la si­ni­stra al Se­na­to il go­ver­no en­tre­reb­be in cri­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.