«Per­fi­no gli Usa rup­pe­ro la le­ga­li­tà per po­ter esi­ste­re»

Corriere della Sera - - PRIMO PIANO - Sa­ra Gan­dol­fi

«Gli Sta­ti Uni­ti non esi­ste­reb­be­ro se un gior­no non aves­se­ro rot­to con il si­ste­ma giu­ri­di­co che li go­ver­na­va. In tut­ti i pro­ces­si di in­di­pen­den­za ar­ri­va un mo­men­to di rot­tu­ra del­la le­ga­li­tà per far­ne na­sce­re una nuo­va. Ora è il no­stro mo­men­to». Jau­me Ca­bré, uno dei gran­di au­to­ri del­la let­te­ra­tu­ra ca­ta­la­na con­tem­po­ra­nea, è pron­to: «An­drò a vo­ta­re, pa­ci­fi­ca­men­te e sen­za pau­ra».

I suoi «col­le­ghi» Var­gas Llo­sa e Ja­vier Cer­cas par­la­no di gol­pe...

«De­plo­ro si­mi­li di­chia­ra­zio­ni. La real­tà è che il go­ver­no del­la Spa­gna im­pe­di­sce un re­fe­ren­dum pro­gram­ma­to da tem­po. È la vo­lon­tà dei ca­ta­la­ni fin dal 2010, quan­do il nuo­vo Sta­tu­to di au­to­no­mia, già ap­pro­va­to dal Par­la­men­to ca­ta­la­no e da quel­lo spa­gno­lo, fu bloc­ca­to da una pe­ti­zio­ne vo­lu­ta dal si­gnor Ra­joy — lui sì che ha fat­to un re­fe­ren­dum! — e Madrid si è ti­ra­ta in­die­tro. I cit­ta­di­ni ca­ta­la­ni vo­glio­no po­ter de­ci­de­re da so­li, non es­se­re più sot­to tu­te­la del­la Spa­gna o tra­sfor­mar­si in una fab­bri­ca che dà sol­di sen­za ri­ce­ver­li mai…». Si­cu­ro che la mag­gio­ran­za dei ca­ta­la­ni vo­glia l’in­di­pen­den­za?

«Il mo­do più sem­pli­ce per ri­spon­de­re è: vo­tia­mo. Ep­pu­re ce lo im­pe­di­sco­no. Il go­ver­no spa­gno­lo usa la giu­sti­zia per ri­sol­ve­re aspet­ti po­li­ti­ci, con l’as­sen­so o il si­len­zio del Par­ti­to so­cia­li­sta, che ta­ce in mo­do ver­go­gno­so».

Il mo­vi­men­to proin­di­pen­den­za ri­schia di con­fon­der­si con i va­ri po­pu­li­smi eu­ro­pei...

«Non ha nul­la a che ve­de­re con la Le­ga o si­mi­li. Non è un mo­vi­men­to di de­stra o di si­ni­stra. È glo­ba­le, e con un ob­biet­ti­vo co­mu­ne: l’in­di­pen­den­za». Quan­to in­ci­de lo spi­ri­to an­ti-mo­nar­chi­co? «Per noi è chia­ro: l’in­di­pen­den­za de­ve por­ta­re a una Re­pub­bli­ca. Nel­la Co­sti­tu­zio­ne del 1978 ci im­po­se­ro un re. Lo vo­le­va Fran­co: il suo suc­ces­so­re do­ve­va es­se­re un mo­nar­ca, la fi­gu­ra più ana­cro­ni­sti­ca del no­stro tem­po».

La Catalogna da so­la ce la fa­rà, in un’Eu­ro­pa con­tra­ria al­la sua in­di­pen­den­za?

«Dis­se­ro le stes­se co­se al­la vi­gi­lia del­la pro­cla­ma­zio­ne d’in­di­pen­den­za del­la Slo­ve­nia e di mol­ti al­tri Pae­si… La Catalogna non ha pau­ra del­la re­ti­cen­za eu­ro­pea, che non è ge­ne­ra­le. Mol­ti po­li­ti­ci, an­che ita­lia­ni, si so­no re­si con­to che la Catalogna può re­sta­re nel­la Ue». Co­sa suc­ce­de­rà do­ma­ni? «Ci ru­ba­no le sche­de elet­to­ra­li, tol­go­no le ur­ne? Non so­no riu­sci­ti a sra­di­ca­re la no­stra vo­lon­tà e ora cer­ca­no di strap­par­ci gli stru­men­ti per espri­mer­la? Ve­dre­mo. Io spe­ro che mi fa­rà un’al­tra in­ter­vi­sta quan­do sa­re­mo una Re­pub­bli­ca ca­ta­la­na in­di­pen­den­te».

Le ur­ne Il go­ver­no ca­ta­la­no ha pre­sen­ta­to a sor­pre­sa le ur­ne per il vo­to: so­no pro­dot­te (in pla­sti­ca) da un’azien­da ci­ne­se

Jau­me Ca­bré è tra­dot­to dal ca­ta­la­no in 15 lin­gue. L’ul­ti­ma ope­ra è Viag­gio d’in­ver­no (la Nuo­va­fron­tie­ra)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.