L’Ita­lia ca­de in Sve­zia Mon­dia­le più lon­ta­no

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Boc­ci, Ca­sa­rin, Scon­cer­ti, To­ma­sel­li

Brut­ta par­ti­ta, gio­ca­ta ma­le, but­ta­ta in par­te an­che via, ma mo­de­sta, me­dio­cre nel­la men­ta­li­tà e nell’ese­cu­zio­ne. Non so co­sa po­trà fa­re la Sve­zia a Mi­la­no, ma l’Ita­lia non è an­co­ra una squa­dra, è un in­sie­me di gio­ca­to­ri che non sa e non si pre­oc­cu­pa di ca­pi­re co­sa ser­ve all’al­tro. La Sve­zia ha avu­to for­tu­na, ha se­gna­to nell’uni­co ti­ro in cui ha pre­so la por­ta, ma ave­va al­me­no una vo­glia, era gui­da­ta dal bi­so­gno di sta­re in­sie­me. L’Ita­lia non si è mai aiu­ta­ta, è in­cre­di­bi­le che gio­ca­to­ri di que­sta espe­rien­za non ab­bia­no ca­pi­to una par­ti­ta vio­len­ta ma ele­men­ta­re. Cre­do non sia sta­ta pre­pa­ra­ta be­ne, ognu­no ave­va il pro­prio io da pre­ser­va­re, nes­su­no ha mai ve­ra­men­te ri­schia­to per la squa­dra. È sta­ta una par­ti­ta pes­si­ma per­ché mi­ni­ma, por­ta­ta avan­ti co­me un’ico­na per­so­na­le da cia­scun gio­ca­to­re, nes­su­na idea in co­mu­ne. For­se era­va­mo trop­po ca­ri­chi, for­se era­va­mo so­li. For­se nes­su­no ha sa­pu­to crea­re un am­bien­te, un’at­mo­sfe­ra, un sen­ti­men­to co­mu­ne. È im­pos­si­bi­le che gio­ca­to­ri co­sì esper­ti ren­da­no co­sì po­co nel­la par­ti­ta più im­por­tan­te. La Sve­zia l’ha but­ta­ta al­me­no sul­la ris­sa, cor­re­va da ogni par­te, al­la fi­ne ca­de­va­no co­me fo­glie d’au­tun­no in pre­da ai cram­pi. Al­me­no ave­va­no gio­ca­to. Noi ab­bia­mo con­ti­nua­to a fa­re fin­ta. Non en­tro nel me­ri­to del­le scel­te di Ven­tu­ra. Non ne ha mol­te. Ma te­ne­re fuo­ri In­si­gne è co­rag­gio­so fi­no al­lo sfre­gio. Ver­rat­ti è una bel­la mez­za­la di trent’an­ni fa, toc­ca cin­que vol­te il pal­lo­ne pri­ma di fa­re un pas­sag­gio. A quel pun­to qua­lun­que cen­tro­cam­po è schie­ra­to. Eder è un bra­vo ra­gaz­zo di pas­sag­gio, che c’en­tra in una par­ti­ta co­sì? La di­ver­si­tà di Im­mo­bi­le non è fa­re il cen­tra­van­ti boa, ma cer­ca­re l’area col pal­lo­ne al pie­de, è uno che sa pen­sa­re cal­cio, non è Bo­nin­se­gna. Ma one­sta­men­te è tut­ta la squa­dra fuo­ri as­se, co­me de­con­cen­tra­ta, non ca­pi­ta, non spin­ta. Que­sta è la ve­ra scon­fit­ta di Ven­tu­ra, la sua

La pre­vi­sio­ne Vin­ce­re­mo a Mi­la­no e an­dre­mo ai Mon­dia­li, ma qual­cu­no un’Ita­lia de­ve pri­ma o poi far­la

«se­re­ni­tà», la sua ina­de­gua­tez­za ai dram­mi po­po­la­ri del cal­cio. Ha por­ta­to al­la fi­ne una non squa­dra. Non ne ave­va mol­te di mi­glio­ri, ma non c’è sta­ta la sua ma­no a cor­reg­ger­la via via, a fa­re al­me­no una clas­se in­di­sci­pli­na­ta e cat­ti­va. Io cre­do che vin­ce­re­mo a Mi­la­no e an­dre­mo al­la fi­ne a que­sti Mon­dia­li che sem­bra­no or­mai un’en­ci­clo­pe­dia per in­col­ti, ma l’er­ro­re re­sta, que­ste par­ti­te re­sta­no, l’ine­si­sten­te gram­ma­tu­ra del­la stof­fa. For­za Ita­lia è sem­pre l’ur­lo di tut­ti, ma qual­cu­no un’Ita­lia de­ve al­me­no far­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.