Per­ché i ta­len­ti so­no spa­ri­ti

Cal­cio ita­lia­no in sof­fe­ren­za Vi­vai mal cu­ra­ti Big stra­nie­ri di pas­sag­gio Po­ver­tà ma­na­ge­ria­le Le Le­ghe sen­za gui­da

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Ma­rio Scon­cer­ti

Ven­tu­ra e Ta­vec­chio non so­no il Ma­le. Cac­cia­ti lo­ro non hai la so­lu­zio­ne. Re­sta il po­co del cal­cio ita­lia­no, è quel­lo il ve­ro pro­ble­ma.

Il 5 set­tem­bre, su­bi­to do­po la scon­fit­ta con­tro la Spa­gna, l’Ita­lia di Gian Pie­ro Ven­tu­ra ha bat­tu­to Israe­le a Reg­gio Emi­lia (1-0) tra mil­le dif­fi­col­tà e tan­tis­si­mi fi­schi, in uno sta­dio nem­me­no pie­no: una pre­sta­zio­ne mo­de­stis­si­ma, con­tro un av­ver­sa­rio di ter­za fa­scia. Una set­ti­ma­na do­po la Na­zio­na­le Un­der 17 con­tro Israe­le in­ve­ce ha per­so 2-0: un ri­sul­ta­to giu­sta­men­te pas­sa­to sot­to trac­cia, che può ave­re va­rie cau­se, ma che qual­che an­no fa era sem­pli­ce­men­te im­pen­sa­bi­le. Og­gi in­ve­ce l’Ita­lia ha per­so pri­ma di tut­to il suo Dna tec­ni­co sul cam­po da cal­cio, as­sie­me al suo pe­so eco­no­mi­co e al­la sua sta­bi­li­tà e cre­di­bi­li­tà po­li­ti­ca. La cri­si non è ini­zia­ta lu­ne­dì, da­to che l’Ita­lia è usci­ta da­gli ul­ti­mi due Mon­dia­li con­tro gi­gan­ti del ca­li­bro di Nuo­va Ze­lan­da e Co­sta Ri­ca e non ter­mi­ne­rà sa­ba­to, con la ri­pre­sa del cam­pio­na­to. Ma a tut­ti i li­vel­li il de­fi­cit di com­pe­ten­za sem­bra evi­den­te.

A co­min­cia­re dal­le isti­tu­zio­ni, con le Le­ghe di A e B pa­ra­liz­za­te da­gli in­te­res­si per­so­na­li e sen­za al­cun ma­na­ger in­di­pen­den­te di li­vel­lo al­le vi­ste, per su­pe­ra­re la fa­se del com­mis­sa­ria­men­to: il ban­do pub­bli­ca­to sul si­to del­la Con­fin­du­stria del pal­lo­ne, con tan­to di in­di­riz­zo di po­sta elet­tro­ni­ca del cac­cia­to­re di te­ste a cui in­via­re il pro­prio cur­ri­cu­lum per il po­sto di a.d., dà la mi­su­ra di uno sce­na­rio an­co­ra ne­bu­lo­so, a dir po­co. In que­sto con­te­sto la ri­for­ma dei cam­pio­na­ti e il po­ten­zia­men­to dei vi­vai non sem­bra­no ope­ra­zio­ni né sem­pli­ci né ra­pi­de da at­tua­re, an­che se con l’at­tua­le ge­stio­ne Ta­vec­chio si è mos­so og­get­ti­va­men­te qual­co­sa, con l’aper­tu­ra dei pri­mi cen­tri fe­de­ra­li. Ma pri­ma di ve­der­ne gli even­tua­li ef­fet­ti po­si­ti­vi bi­so­gne­rà aspet­ta­re al­me­no una ge­ne­ra­zio­ne cal­ci­sti­ca.

Dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co la re­tro­ces­sio­ne dell’Ita­lia del pal­lo­ne è già un da­to di fat­to: «Io da voi so­no di­ven­ta­to un cal­cia­to­re, ci so­no sta­to 7 an­ni, poi so­no an­da­to all’Am­bur­go in Bun­de­sli­ga — ha rac­con­ta­to lo sve­de­se Ek­dal, 167 pre­sen­ze in A, sco­per­to a suo tem­po dal­la Ju­ven­tus —. Lì gio­co sem­pre con 50mi­la spet­ta­to­ri e lo sta­dio pie­no, an­che se la squa­dra fa fa­ti­ca. E co­sì è in Pre­mier. Da voi ci so­no mol­ti pro­ble­mi».

Per­dia­mo la clas­se me­dia de­gli stra­nie­ri, co­me Ek­dal, ol­tre a quel­li più no­bi­li e co­sto­si, l’ul­ti­mo ca­so cla­mo­ro­so quel­lo di Pog­ba: sia­mo in mol­ti ca­si un cam­pio­na­to di tran­si­to per chi cer­ca pal­co­sce­ni­ci più ric­chi e pre­sti­gio­si. An­che se la se­rie A du­ran­te le qua­li­fi­ca­zio­ni Mon­dia­li si svuo­ta più di al­tri cam­pio­na­ti, per­ché i gio­ca­to­ri im­pe­gna­ti nel­le va­rie Na­zio­na­li so­no tan­tis­si­mi: 117 so­lo in que­st’ul­ti­ma fi­ne­stra del ca­len­da­rio, dal­la qua­le è ca­du­ta l’Ita­lia di Ven­tu­ra. Ma co­me si è in­ca­glia­ta Az­zur­ra? Per la tat­ti­ca, il mo­du­lo, gli in­ter­pre­ti, la sfor­tu­na e la bra­vu­ra dell’av­ver­sa­rio. Ma tut­to si tie­ne: l’im­pre­ci­sio­ne tec­ni­ca de­gli az­zur­ri era sta­ta una del­le cau­se dell’eli­mi­na­zio­ne da Bra­si­le 2014: nes­su­no, nel­le 3 par­ti­te del gi­ro­ne, ave­va ti­ra­to me­no in por­ta e

Ri­sul­ta­to a tut­ti i co­sti La Na­zio­na­le è fi­glia di una cri­si e di una in­di­ge­stio­ne tat­ti­ca ed è schia­va del ri­sul­ta­to

cros­sa­to di me­no. La Na­zio­na­le di Ven­tu­ra gio­ca­va di­ver­sa­men­te da quel­la di Pran­del­li, ma al­lo stes­so mo­do ha fa­ti­ca­to a tro­va­re la via del gol: og­gi co­me al­lo­ra in se­rie A il rap­por­to in­cro­cia­to fra tre da­ti chia­ve — i ti­ri ef­fet­tua­ti a par­ti­ta (13,3), i pal­lo­ni che fi­ni­sco­no nel­lo spec­chio del­la por­ta (33,3%) e quel­li tra que­sti che di­ven­ta­no gol (30%) è il peg­gio­re dei quat­tro cam­pio­na­ti prin­ci­pa­li. Non stia­mo par­lan­do di una scien­za esat­ta, ma di da­ti qua­si ba­na­li: da noi si ti­ra me­no in por­ta e lo si fa con me­no pre­ci­sio­ne. La Na­zio­na­le, l’avan­guar­dia del mo­vi­men­to, è fi­glia di una cri­si tec­ni­ca, di un’in­di­ge­stio­ne di tat­ti­ca e di ri­cer­ca del ri­sul­ta­to fi­ne a se stes­so fin dal­le gio­va­ni­li.

Già, le gio­va­ni­li, un al­tro cam­po su cui si bat­ta­glie­rà nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne a col­pi di pro­cla­mi, as­sie­me a quel­lo de­gli stra­nie­ri, che in A so­no og­gi il 54,3% dei gio­ca­to­ri sce­si in cam­po. In Por­to­gal­lo e in In­ghil­ter­ra so­no di più. In Ger­ma­nia (48,6) non tan­ti di me­no. An­che il da­to su­gli stra­nie­ri nel cam­pio­na­to Pri­ma­ve­ra (30%) è al­to. Ma non è cer­to il più pre­oc­cu­pan­te, vi­sto che sia­mo tra i peg­gio­ri nel pas­sag­gio al pro­fes­sio­ni­smo dei gio­ca­to­ri for­ma­ti nel club per al­me­no tre an­ni: tra le pri­me 50 squa­dre in que­sta clas­si­fi­ca ci so­no tut­te le gran­di, ma di Ju­ve, In­ter e Na­po­li, le pri­me tre del no­stro cam­pio­na­to, non c’è trac­cia.

Spen­to Ci­ro Im­mo­bi­le, con­tro la Sve­zia è ri­ma­sto a sec­co (Get­ty Ima­ges)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.