Itas vol­ta pa­gi­na do­po lo scan­da­lo Lo­renz pre­si­den­te

Già di­ret­to­re ge­ne­ra­le, en­trò nel­la com­pa­gnia nel 1983. Più com­pi­ti al cda e ta­glio ai com­pen­si: -25% Tra­ghet­te­rà fi­no ad apri­le. «Re­cu­pe­ro di un cli­ma se­re­no con i di­pen­den­ti. Mi­glio­ri rap­por­ti con gli agen­ti»

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - Or­fa­no

TREN­TO Do­po sei me­si dall’ini­zio del ter­re­mo­to in ca­sa Itas, ie­ri si è chiu­so il cer­chio. Il con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne del­la ca­po­grup­po Itas Mu­tua ha elet­to pre­si­den­te Fa­bri­zio Lo­renz, al po­sto del di­mis­sio­na­rio Gio­van­ni di Be­ne­det­to. Condurrà la società fi­no all’as­sem­blea del­la pros­si­ma pri­ma­ve­ra, in cui si de­ci­de­rà il nuo­vo board e la com­pa­gnia po­trà vol­ta­re pa­gi­na com­ple­ta­men­te. Nel frat­tem­po ci sa­ran­no più con­trol­li e tra­spa­ren­za, i con­si­glie­ri sa­ran­no più coin­vol­ti e si ri­dur­ran­no di un quar­to il com­pen­so.

Lo­renz è in Itas da 1983 ed è sta­to pre­de­ces­so­re di Er­man­no Gras­si al­la di­re­zio­ne ge­ne­ra­le. Nel det­ta­glio il con­si­glie­re, tren­ti­no clas­se 1958, è lau­rea­to in Economia po­li­ti­ca a Tren­to, in Itas è sta­to ad di Itas Vi­ta, e di Itas as­si­cu­ra­zio­ne, dal 2008 al 2012 è sta­to di­ret­to­re ge­ne­ra­le, pas­san­do poi al ruo­lo di con­si­glie­re. Dal 2013 è pre­si­den­te, di­ret­to­re e ad del­la con­trol­la­ta As­si­cu­ra­tri­ce Val Pia­ve. Fra gli in­ca­ri­chi ester­ni è sta­to con­si­glie­re di Btb, sin­da­co in Pen­splan In­ve­st sgr e con­si­glie­re in Ca­stel­lo sgr.

Lo­renz è sta­to elet­to all’una­ni­mi­tà, pro­po­sto dal vi­ce­pre­si­den­te vi­ca­rio Giu­sep­pe Con­so­li. «Il cda ha ef­fet­tua­to la scel­ta in un cli­ma di se­re­na col­la­bo­ra­zio­ne e tra­spa­ren­za, nel se­gno di una con­di­vi­sio­ne di un si­ste­ma di va­lo­ri pro­pri del­la Com­pa­gnia». Sot­to­li­nea­tu­ra im­por­tan­te, do­po i ve­le­ni ge­ne­ra­ti dal­la vi­cen­da giu­di­zia­ria che ha coin­vol­to il di­ret­to­re Gras­si, la pro­va di for­za di Di Be­ne­det­to nel vo­le­re la suo po­sto Raf­fae­le Agru­sti, il ten­ta­ti­vo (poi ac­can­to­na­to) di de­ro­ga al li­mi­te dei man­da­ti pre­si­den­zia­li.

Al­tra sot­to­li­nea­tu­ra: «Gli obiet­ti­vi del cda pon­go­no in pri­mo pia­no il raf­for­za­men­to del ruo­lo dei con­si­glie­ri, per ga­ran­ti­re al con­si­glio la for­te re­gia del­le azio­ni in vi­sta del­le sfi­de fu­tu­re». In­ne­ga­bi­le in­fat­ti che la com­pa­gnia Itas sot­to la gui­da di Gras­si e Di Be­ne­det­to sia mol­to cre­sciu­ta, ma ri­spet­to al­la lo­ro tendenza ac­cen­tra­tri­ce ora è chia­ro che si cer­chi di­scon­ti­nui­tà.

A cal­do Lo­renz di­chia­ra: «La no­mi­na a pre­si­den­te di Itas Mu­tua mi riem­pie d’or­go­glio ed emo­zio­ne. L’ele­zio­ne va in­te­sa co­me un pas­sag­gio fon­da­men­ta­le per da­re sta­bi­li­tà a Itas e re­sti­tui­re fi­du­cia e cre­di­bi­li­tà ad un grup­po dal­le ra­di­ci pro­fon­de. Ri­ten­go vi sia sta­ta un’as­sun­zio­ne di gran­de re­spon­sa­bi­li­tà da par­te del cda nel­la sua in­te­rez­za ed è mio fer­mo pro­po­si­to fa­vo­ri­re un suo ruo­lo at­ti­vo in tut­te le fu­tu­re scel­te stra­te­gi­che del­la Com­pa­gnia». Stop dun­que ai ver­ti­ci­smi: «È mio pri­ma­rio obiet­ti­vo ga­ran­ti­re uno sti­le di pre­si­den­za che si ispi­ri ai va­lo­ri fon­dan­ti di mu­tua­li­tà del Grup­po, da in­ten­der­si sem­pre co­me im­pe­gno sul ter­ri­to­rio, coe­sio­ne e in­no­va­zio­ne a fa­vo­re dei so­ci as­si­cu­ra­ti. Una par­ti­co­la­re at­ten­zio­ne ver­rà da­ta al re­cu­pe­ro di un cli­ma in­ter­no se­re­no e col­la­bo­ra­ti­vo tra i di­pen­den­ti, ri­lan­cian­do an­che i rap­por­ti con la re­te agen­zia­le» ag­giun­ge Lo­renz.

Da par­te sua il cda «sa­rà un va­li­do sup­por­to nel por­ta­re avan­ti le at­ti­vi­tà del grup­po Itas nel se­gno del­la col­le­gia­li­tà e del­la tra­spa­ren­za», evi­tan­do dun­que ter­re­mo­ti im­ba­raz­zan­ti e an­co­ra una vol­ta fa­cen­do ri­sal­ta­re «i va­lo­ri mu­tua­li­sti­ci». Lo­renz e il di­ret­to­re Agru­sti do­vran­no «ga­ran­ti­re una ri­go­ro­sa ap­pli­ca­zio­ne del co­di­ce eti­co, ot­ti­miz­za­re le eco­no­mie di sca­la e raf­for­za­re le pro­ce­du­re di con­trol­lo». I con­si­glie­ri avran­no «in­ca­ri­chi am­plia­ti, con com­pen­so de­cur­ta­to del 25%».

Uno sti­le che si ispi­ri ai va­lo­ri fon­dan­ti di mu­tua­li­tà, da in­ten­der­si co­me im­pe­gno sul ter­ri­to­rio, coe­sio­ne e in­no­va­zio­ne a fa­vo­re dei so­ci

La scel­ta Fa­bri­zio Lo­renz, nuo­vo pre­si­den­te del­la ca­po­grup­po, in Itas dal 1983

Vi­ca­rio Giu­sep­pe Con­so­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.