Gior­gi: L’Asco­li c’è e ora sta cre­scen­do

«Sia­mo una buo­na squa­dra. Stia­mo la­vo­ran­do per ot­te­ne­re la mi­glio­re con­di­zio­ne»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Serie B - Di An­drea Fer­ret­ti Gief­fe­Press

Quat­tro pun­ti in cin­que par­ti­te, frut­to di una vit­to­ria, un pa­reg­gio e tre scon­fit­te. Non è esal­tan­te il bi­lan­cio dell'Asco­li Pic­chio in que­sta pri­ma fa­se del cam­pio­na­to, ma le giu­sti­fi­ca­zio­ni non man­ca­no. La squa­dra, aspet­tan­do le sen­ten­ze del­la giu­sti­zia spor­ti­va sul ca­so Sa­vo­na-Te­ra­mo, è sta­ta al­le­sti­ta in ri­tar­do e di­ver­si cal­cia­to­ri ar­ri­va­ti nel­le ul­ti­me ore del­la fi­ne­stra di mer­ca­to non so­no an­co­ra al top del­la con­di­zio­ne. Inol­tre, man­ca l'in­te­sa vi­sto che qua­si tut­ti i nuo­vi bian­co­ne­ri non han­no ef­fet­tua­to il ro­dag­gio pre­cam­pio­na­to. Per mi­ster Pe­tro­ne (al qua­le la so­cie­tà ha pro­lun­ga­to in con­trat­to fi­no al 2017) il la­vo­ro non man­ca per da­re al­la squa­dra un gio­co ef­fi­ca­ce e una pre­ci­sa iden­ti­tà. L'Asco­li è sta­to im­po­sta­to per gio­ca­re con il mo­du­lo tat­ti­co 4-3-12 ma fi­no­ra ha gio­ca­to sem­pre con un 3-5-2 che mol­to spes­so di­ven­ta 5-3-2. Un pro­ble­ma da ri­sol­ve­re, e in fret­ta, è quel­lo del gol. L'Asco­li ne ha rea­liz­za­ti so­lo due in cin­que par­ti­te con An­to­ni­ni e Pe­ta­gna, en­tram­bi di te­sta su­gli svi­lup­pi di cal­ci piaz­za­ti. E di­re che può con­ta­re, nel re­par­to of­fen­si­vo, su at­tac­can­ti di con­sul­ta­ta espe­rien­za co­me Ca­cia e Pe­rez, su un gio­va­ne emer­gen­te co­me Pe­ta­gna (in pre­sti­to dal Mi­lan), sen­za di­men­ti­ca­re Ca­tu­ra­no che vuo­le emer­ge­re do­po la po­si­ti­va sta­gio­ne tra­scor­sa in Le­ga Pro con il Mel­fi (18 gol in 36 par­ti­te). Do­po il pa­reg­gio in bian­co con il Bre­scia al Del Du­ca, l'Asco­li si sta pre­pa­ran­do con im­pe­gno per la par­ti­ta di sa­ba­to pros­si­mo con­tro il Co­mo che si di­spu­te­rà an­co­ra una vol­ta al­lo stadio "Sil­vio Pio­la" di No­va­ra cau­sa la per­du­ran­te in­di­spo­ni­bi­li­tà del­lo stadio "Si­ni­ga­glia". GIOR­GI. «Ab­bia­mo una buo­na squa­dra, an­zi buo­nis­si­ma, ma dob­bia­mo aspet­ta­re an­co­ra un po' per ar­ri­va­re al me­glio del­la con­di­zio­ne» ha di­chia­ra­to il cen­tro­cam­pi­sta Gi­gi Gior­gi, tor­na­to ad Asco­li (la sua cit­tà) dall'Ata­lan­ta do­po cin­que sta­gio­ni tra­scor­se in se­rie A (l'ul­ti­ma a Ce­se­na). Al­tro vol­to nuo­vo, ma per lui si trat­ta di un ri­tor­no, è quel­lo del di­fen­so­re Mi­lan Mi­la­no­vic, uno che si è in­ve­ce già in­se­ri­to per­fet­ta­men­te nel pac­chet­to ar­re­tra­to. «L'av­vio di cam­pio­na­to è sta­to piut­to­sto dif­fi­ci­le per noi ma so­no con­vin­to che ci ri­fa­re­mo. Con­tro il Co­mo spe­ro di rea­liz­za­re un gol di te­sta» ha det­to Mi­lan Mi­la­no­vic, il di­fen­so­re cen­tra­le ser­bo giun­to in pre­sti­to dal Pa­ler­mo, qua­si sem­pre fra i mi­glio­ri bian­co­ne­ri. In­tan­to il mer­ca­to non è an­co­ra chiu­so. L'Asco­li ha chie­sto al­la Fe­de­ra­zio­ne una de­ro­ga per la ces­sio­ne di Tripoli, mes­so "fuo­ri ro­sa". De­sti­na­zio­ne Cre­mo­ne­se. Si at­ten­de l'ok del pre­si­den­te Ta­vec­chio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.