«Per me, è qual­co­sa di spe­cia­le»

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Basket - Di An­drea Ba­roc­ci INVIATO A TO­RI­NO INVIATO A TO­RI­NO - a.b.

Non sem­bra­no una squa­dra di ba­sket al­la qua­le è sta­ta ap­pe­na con­se­gna­ta la Su­per­cop­pa, ma un grup­po di quin­di­cen­ni fe­li­ci per aver vin­to il tor­neo dei giar­di­net­ti. L’en­tu­sia­smo di que­sti ra­gaz­zi, co­sì co­me quel­lo dei ve­te­ra­ni li­tua­ni, è co­sì ge­nui­no, spon­ta­neo, che sem­bra vo­ler lan­cia­re un mes­sag­gio al no­stro ba­sket. Per­chè Reg­gio Emi­lia, una for­ma­zio­ne sen­za un so­lo ame­ri­ca­no e fon­da­ta es­sen­zial­men­te su gio­va­ni ita­lia­ni, ora co­me ora gio­ca una pal­la­ca­ne­stro bel­lis­si­ma, do­ve la cir­co­la­zio­ne di pal­la è sba­lor­di­ti­va e la di­fe­sa rie­sce a con­te­ne­re pe­si mas­si­mi co­me quel­li del­la Ar­ma­ni.

Si di­rà: Reg­gio la­vo­ra sul nu­cleo del­lo scor­so an­no, men­tre l’Ar­ma­ni è tut­ta nuo­va e an­co­ra bel lon­ta­na dall’es­se­re quel­lo che Re­pe­sa vuo­le. È ve­ris­si­mo. Ma ri­ma­ne l’im­pres­sio­ne che la Gris­sin Bon stia co­struen­do qual­co­sa di im­por­tan­te: Del­la Val­le, 22 an­ni, ha spac­ca­to la ga­ra con tre azio­ni da ve­te­ra­no nel se­con­do quar­to, gio­can­do da lea­der; Ste­fa­no Gen­ti­le è sta­to im­pres­sio­nan­te per fred­dez­za in re­gia e nel se­gna­re ca­ne­stri pe­san­ti nel­la ri­pre­sa; De Ni­co­lao, te­nu­to a lun­go in cam­po, ha sba­glia­to po­chis­si­mo.

E co­sì la Gris­sin Bon sin dall’ini­zio ha te­nu­to

«Vin­ce­re a ca­sa di pa­pà, nel­la cit­tà che è sta­ta di Di­do Guer­rie­ri... Mi sem­bra un so­gno, qual­co­sa di spe­cia­le». Ame­deo Del­la Val­le ha lo sguar­do per­so nel­la gio­ia di un ra­gaz­zo di 22 an­ni che ha ap­pe­na ri­ce­vu­to il pre­mio di MVP del­la fi­na­le di Su­per­cop­pa. L’ab­brac­cio con pa­pà Car­lo, ex az­zur­ro che gli ha tra­smes­so i ge­ni del ba­sket, è com­mo­ven­te. Ame­deo ha gio­ca­to da lea­der, co­me un lea­der, spac­can­do in due la par­ti­ta con una per­so­na­li­tà im­pres­sio­nan­te.

« Ma è tut­to più fa­ci­le aven­do in squa­dra dei ra­gaz­zi fan­ta­sti­ci. Per­chè noi sia­mo dav­ve­ro tut­ti ami­ci. Ognu­no di noi ha ben chia­ro il suo ruo­lo, e que­sto è me­ri­to del no­stro coa­ch Me­net­ti».

Lo ave­va­mo la­scia­to a giu­gno, co­me le la­cri­me che gli scor­re­va­no sul vi­so per la de­lu­sio­ne di aver per­so la fi­na­le scu­det­to con Sas­sa­ri. La se­ra stes­sa gli ave­va­mo det­to che quel­le la­cri­me ama­re avreb­be­ro pre­sto avu­to un sa­po­re più dol­ce...

«L’ama­rez­za era sta­ta tan­ta, è ve­ro. Ora è ar­ri­va­to qual­co­sa di straor­di­na­rio: nes­su­no di noi ha mai par­la­to di vin­ce­re a To­ri­no, pe­rò tut­ti ci ab­bia­mo. Non è sta­to fa­ci­le bat­te­re pri­ma Sas­sa­ri e poi Mi­la­no, mol­to più al­le­na­te di noi».

Con­tro Mi­la­no si è an­che in­tra­vi­sto un nuo­vo Del­la Val­le: non uti­liz­za­to so­lo nel ruo­lo di guar­dia, ma già pron­to a por­ta­re la pal­la avan­ti. Co­me un play.

«È un aspet­to del mio gio­co del qua­le aa­ve­vo par­la­to con Me­net­ti: una spe­cie di evo­lu­zio­ne, che se­con­do me ci vo­le­va pro­prio. Ma­ga­ri in mol­ti pen­sa­no che noi gio­ca­to­ri in esta­te la­vo­ria­mo po­co: io in­ve­ce ogni gior­no lo pren­do co­me una sfi­da per mi­glio­rar­mi. L’esem­pio me lo dà Kau­ke­nas, che a tren­tot­to an­ni in al­le­na­men- to a vol­te mi fa an­co­ra il cu­lo!».

Gli oc­chi so­gnan­ti di Ame­deo, lo sguar­do iro­ni­co ep­pu­re fe­li­ce di Me­net­ti, il coa­ch che ha por­ta­to que­sti ra­gaz­zi a gio­ca­re un ba­sket do­ve gli in­di­vi­dua­li­smi scom­pa­io­no.

« È una gran­de sod­di­sfa­zio­ne, per­chè noi sia­mo Reg­gio Emi­lia, e que­sto è il se­con­do tro­feo del­la no­stra sto­ria. In due gior­ni sia­mo riu­sci­ti a da­re il me­glio che po­te­va­mo».

Ales­san­dro Dal­la Sal­da, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to del­la Reg­gia­na è ri­ma­sto in ma­gliet­ta. «Un suc­ces­so che va al di là del­la Su­per­cop­pa: va­le dop­pio, do­po aver sfio­ra­to lo scu­det­to non era fa­ci­le ri­par­ti­re. La de­di­ca va a tut­ta la so­cie­tà, che ha un ca­rat­te­re di ghi­sa!»

«Vin­ce­re qui a ca­sa di pa­pà, nel­la cit­tà che è sta­ta quel­la di Guer­rie­ri... Mi sem­bra un so­gno»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.