Zam­pa­ri­ni fu­rio­so: «Ia­chi­ni si me­ri­ta dei cal­ci»

«Il Pa­ler­mo è en­tra­to al San Pao­lo già battuto, con que­sta men­ta­li­tà perdente non ci sal­ve­re­mo. Im­pa­ri da Sar­ri»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - PALERMO - Di Sal­va­to­re Ge­ra­ci GETTY IMAGES

Zam­pa­ri­ni choc. Dai cal­ci in c... o, na­tu­ral­men­te al suo ber­sa­glio pre­fe­ri­to, Bep­pe Ia­chi­ni; al­le af­fer­ma­zio­ni co­lo­ri­te, i sen­za pal­le, ri­fe­ri­to al­la squa­dra e al­la men­ta­li­tà perdente che esclu­de­reb­be l'ipo­te­si sal­vez­za. Il so­li­to Zam­pa­ri­ni che non ci sta ad ab­bas­sa­re la te­sta an­che da­van­ti al Na­po­li e che can­cel­la le bel­le parole del­la pre­sta­zio­ne con­tro l'Inter con nuo­vi e de­ci­si at­tac­chi, obiet­ti­vo prin­ci­pa­le il tec­ni­co. Zam­pa­ri­ni si apre ai mi­cro­fo­ni di Ra­dio Kiss Kiss. Tra­vol­gen­te e vul­ca­ni­co come sem­pre. Al­tro che ba­ci! «Ia­chi­ni me­ri­ta cal­ci nel c... o. Ho ri­vi­sto la par­ti­ta del San Pao­lo e non ha rad­dop­pia­to la mar­ca­tu­ra su Hi­guain che è inar­re­sta­bi­le. Pi­pi­ta è un gran­dis­si­mo at­tac­can­te, se gli la­sci spa­zio pa­ghi ed è più for­te di Ca­va­ni, un crea­to­re di gio­co più bra­vo nei mo­vi­men­ti. Due bom­ber co­mun­que di­ver­si. Pre­met­to che il Na­po­li è for­te. An­che un me­se fa, nel mo­men­to più dif­fi­ci­le, dis­si che avreb­be vin­to lo scu­det­to, ora lo af­fer­ma­no tut­ti. Ho scrit­to a Ia­chi­ni che do­po die­ci mi­nu­ti sem­bra­va che il Pa­ler­mo stes­se aspet­tan­do il gol in ma­nie­ra ar­ren­de­vo­le. Mi ha me­ra­vi­glia­to la re­pli­ca dell'al­le­na­to­re che ha elen­ca­to i suc­ces­si az­zur­ri nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne e pre­ci­sa­to che Fio­ren­ti­na, Lazio, Mi­lan e le squa­dre di Eu­ro­pa Lea­gue ave­va­no pre­so va­lan­ghe di gol dal Na­po­li. Que­sta sua ri­spo­sta non mi è pia­ciu­ta per nien­te. Se un al­le­na­to­re par­te già battuto, evi­tia­mo di pre­sen­tar­ci e ri­spar­mia­mo

Mau­ri­zio Zam­pa­ri­ni ac­can­to a Bep­pe Ia­chi­ni i sol­di del­la tra­sfer­ta».

Parole e mu­si­ca di Mau­ri­zio Zam­pa­ri­ni. «Sia­mo sce­si in cam­po con la men­ta­li­tà da squa­dra perdente e di que­sto pas­so non ci sal­via­mo. Ho vo­lu­to co­mun­que in­via­re un mes­sag­gio a Ia­chi­ni: non vo­glio su­bi­re co­sì net­ta­men­te le ini­zia­ti­ve de­gli av­ver­sa­ri. Ero in­ca... ato. So­no mol­to pre­oc­cu­pa­to del pen­sie­ro del mio al­le­na­to­re. Se in­ve­ce del Pa­ler­mo si fos­se pre­sen­ta­to il Sas­suo­lo non sa­reb­be sta­to re­mis­si­vo. Ia­chi­ni non è a ri­schio, ma si è pre­sen­ta­to al San Pao­lo già scon­fit­to. Sar­ri, in­ve­ce, sen­ti­reb­be di po­ter vincere an­che con il Bar­cel­lo­na: la men­ta­li­tà vin­cen­te fa la dif­fe­ren­za».

Dal­la stri­glia­ta ai suoi al fu­tu­ro. Zam­pa­ri­ni ne ha per tut­ti. An­che per i ti­fo­si che si chie­do­no: e Va­z­quez? Ec­co la sua ri­spo­sta agro­dol­ce: «Sto cer­can­do il suo so­sti­tu­to. A gen­na­io, Va­z­quez non si muo­ve, se ne par­le­rà a giu­gno. E’ il mi­glior tre­quar­ti­sta che ab­bia­mo in Ita­lia, po­treb­be di­ven­ta­re un uo­mo squa­dra al­la Pla­ti­ni. Ho già avu­to due ri­chie­ste dai gran­di club e pen­so che se con­ti­nua co­sì sa­rà la sua ul­ti­ma sta­gio­ne a Pa­ler­mo. Mi­lan, Inter e Chel­sea han­no fat­to son­dag­gi, ma ho det­to che non è il mo­men­to. Il Na­po­li po­treb­be es­se­re in­te­res­sa­to, di­pen­de­rà dal­le ri­chie­ste di Sar­ri che è per­so­na equi­li­bra­ta». L’ul­ti­ma, sta­vol­ta più al­le­gra, stoc­ca­ta per De Lau­ren­tiis. «Sa­pe­te per­ché non l’ho an­co­ra sen­ti­to? Do­po il suc­ces­so del Na­po­li, me lo im­ma­gi­no tal­men­te or­go­glio­so e gon­fio che se lo toc­co con uno spil­lo esplo­de».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.