Cro­to­ne, la re­go­la di Ju­ric: en­tu­sia­smo e umiltà

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Serie B - Di Mas­si­mi­lia­no Fran­co LAPRESSE

Che sia quel­la di sa­ba­to con­tro il Pe­ru­gia la par­ti­ta più dif­fi­ci­le di que­sto ini­zio di gi­ro­ne di ri­tor­no? Po­treb­be es­ser­lo e per­ché no? Non in­gan­ni la clas­si­fi­ca del­la squa­dra um­bra e so­prat­tut­to non dia­no trop­po en­tu­sia­smo le vit­to­rie ot­te­nu­to con­tro Ca­glia­ri e Novara. Se il Cro­to­ne vuo­le con­ti­nua­re in que­sta sua sto­ri­ca im­pre­sa de­ve te­ne­re la te­sta bas­sa e con­ti­nua­re a la­vo­ra­re co­me se nul­la fos­se, sen­za guar­da­re la clas­si­fi­ca o dar­le trop­pa im­por­tan­za. E’ ne­ces­sa­rio es­se­re nel­le po­si­zio­ni di ver­ti­ce fra qual­che me­se, non ades­so. Bi­so­gna cre­der­ci, que­sto è nor­ma­le, chi non lo fa­reb­be in que­sta po­si­zio­ne e a que­sto pun­to del torneo? Ma al­lo stes­so mo­men­to bi­so­gna man­te­ne­re l'umiltà, una do­te che ha con­trad­di­stin­to la squa­dra del tec­ni­co Ivan Ju­ric nel­la pri­ma par­te del cam­pio­na­to. Se il Cro­to­ne è riu­sci­to a ot­te­ne­re mol­te vit­to­rie è per un sem­pli­ce mo­ti­vo: ha sem­pre ri­spet­ta­to gli av­ver­sa­ri, non li ha mai sot­to­va­lu­ta­ti, ma so­prat­tut­to ha sem­pre gio­ca­to dan­do il mas­si­mo del­le pro­prie po­ten­zia­li­tà e con una fa­me su­pe­rio­re.

Do­po un gi­ro­ne di an­da­ta da pro­ta­go­ni­sta il Cro­to­ne ha ri­co­min­cia­to al­la gran­de an­che quel­lo di ri­tor­no. L'av­vio ha dis­si­pa­to tut­ti i dub­bi che

Ivan Ju­ric, 40 an­ni po­te­va­no es­ser­ci. La pau­sa è ar­ri­va­ta al mo­men­to giu­sto e la squa­dra l'ha sfrut­ta­ta al me­glio. I gio­ca­to­ri han­no ri­po­sa­to e poi nel mi­ni ri­ti­ro di Tor­re del Gri­fo han­no ri­co­min­cia­to con la stes­sa vo­glia. L'av­vio non era cer­to dei più sem­pli­ci, con­tro due del­le squa­dre più for­ti di tut­ta la se­rie B co­me Ca­glia­ri e Novara, ma il Cro­to­ne ha ot­te­nu­to due vit­to­rie im­por­tan­tis­si­me co­me con­fer­ma il tec­ni­co croa­to: «Era­no due par­ti­te dif­fi­ci­li, ma era im­por­tan­te par­ti­re be­ne e noi ci sia­mo riu­sci­ti».

An­che se in ca­sa Cro­to­ne la clas­si­fi­ca non la si guar­da con as­sil­lo in me­ri­to al­la vit­to­ria ot­te­nu­ta al Pio­la, Ju­ric di­ce: «Ab­bia­mo al­lon­ta­na­to il Novara, co­sa mol­to im­por­tan­te».

Sa­ba­to ar­ri­va il Pe­ru­gia una par­ti­ta più sem­pli­ce so­lo sul­la car­ta: « Lo­ro ar­ri­ve­ran­no stra­ca­ri­chi, è nor­ma­le ave­re una gran­de rea­zio­ne emo­ti­va do­po aver per­so 4-0».

Una par­ti­ta che può ri­ve­lar­si ric­chis­si­ma di in­si­die co­me con­fer­ma il tec­ni­co: «In se­rie B è tut­to mol­to dif­fi­ci­le e ogni par­ti­ta ha una sto­ria a se. Ba­sta so­lo guar­da­re quel­lo che è suc­ces­so al Novara, nel mo­men­to in cui era lan­cia­tis­si­mo ha per­so pun­ti in ga­re che sem­bra­va­no più fa­ci­li. In se­rie B non esi­sto­no par­ti­te sem­pli­ci».

Que­sto lo san­no an­che gli um­bri. All'an­da­ta, le par­ti era­no in­ver­ti­te, par­ti­va­no con i fa­vo­ri del pro­no­sti­co, ma non so­no riu­sci­ti a bat­te­re un Cro­to­ne che ini­zia­va a stu­pi­re: «So­lo quat­tro me­si fa ave­va­mo la sen­sa­zio­ne di gio­ca­re con­tro gran­dis­si­mi gio­ca­to­ri, ma li ab­bia­mo bloc­ca­ti con una buo­na pre­sta­zio­ne. Ades­so han­no cam­bia­to un po' ma re­sta­no sem­pre una gran­de squa­dra».

Il Cro­to­ne pe­rò gio­che­rà in ca­sa pro­pria e po­trà con­ta­re sul fat­to­re cam­po: « Il no­stro mo­do di gio­ca­re non cam­bia se sia­mo in ca­sa o fuo­ri, pe­rò po­tre­mo con­ta­re sull'ap­por­to del pub­bli­co che ci so­ster­rà nei mo­men­ti dif­fi­ci­li del­la ga­ra fa­cen­do­ci sen­ti­re il pro­prio ca­lo­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.