Tri­den­te a tut­to gas e Naing­go­lan a mon­ta­re la guar­dia

Corriere dello Sport (Roma) - - Roma - Di Mar­co Evan­ge­li­sti ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ve­ro tar­lo che ro­sic­chia la tran­quil­li­tà di Ru­di Gar­cia è co­me co­strin­ge­re la squa­dra a cam­bia­re na­tu­ra e gu­sti ogni par­ti­ta e se sia uma­no far­lo, ol­tre che ne­ces­sa­rio. L’al­le­na­to­re sta cer­can­do da ago­sto di tor­ce­re il gio­co pie­no di fal­si no­ve per ac­co­glier­vi den­tro un no­ve ve­ro ed ec­co che quel­lo ha il cat­ti­vo gu­sto di ve­ni­re a man­ca­re, ac­com­pa­gna­to da Tot­ti che non è in nul­la as­si­mi­la­bi­le a Dze­ko pe­rò ope­ra co­mun­que da pun­to di ri­fe­ri­men­to.

Quel che è peg­gio, la ca­re­stia di at­tac­can­ti di pe­so piom­ba su una fa­se del ca­len­da­rio che non of­fre par­ti- co­la­re va­rie­tà di scel­ta: o si vin­ce o si vin­ce. Bi­so­gna vin­ce­re in Cham­pions Lea­gue per­ché il Ba­te Bo­ri­sov la­sce­rà qua­si tut­ti i pun­ti in ter­ra e bi­so­gna vin­ce­re in cam­pio­na­to - al­la fi­ne del­la set­ti­ma­na a Pa­ler­mo - per­ché non c’è ul­te­rio­re ter­re­no da per­de­re.

Do­ma­ni in Bie­lo­rus­sia il tec­ni­co go­drà del van­tag­gio di non ave­re trop­pe car­te da ri­me­sco­la­re. Pen­sie­ro sem­pli­ce. La ro­sa di Cham­pions Lea­gue, ri­dot­ta a 22 uo­mi­ni per dik­tat dell’Ue­fa, è quel­la che è. Se non ver­rà con­vo­ca­to Ia­go Fal­que - e an­che se ver­rà con­vo­ca­to, per­ché con ogni ve­ro­si­mi­glian­za non si sen­te co­mun­que in splen­den­ti con­di­zio­ni di for­ma - il tri­den­te sa­rà leg­ge­ro, leg­ge­ris­si­mo, ma pu­re ra­pi­do co­me una bi­scia. Itur­be ha già gio­ca­to al cen­tro dell’at­tac­co in più oc­ca­sio­ni, Ger­vi­n­ho e Sa­lah non do­vran­no con­cen­trar­si sui pal­lo­ni da man­da­re al cen­tro ver­so uno Dze­ko che non c’è e po­tran­no far quel­lo che più pia­ce lo­ro, af­fon­da­re per pro­prio con­to e scam­bia­re in ve­lo­ci­tà. De Ros­si do­vrà ri­met­ter­si con san­ta pa­zien­za in di­fe­sa, dun­que il pro­gram­ma a cen­tro­cam­po pre­ve­de la con­fer­ma di Vain­queur e Naing­go­lan in me­dia­na a co­pri­re le spal­le a Pja­nic.

L’uni­co ta­gio­ne­vo­le dub­bio per la ga­ra di do­ma­ni coin­vol­ge Flo­ren­zi. Pro­ba­bi­lis­si­mo si ri­pren­da il ruo­lo di ter­zi­no. Ma poi­ché Mai­con ha da­to mo­stra di for­ma e vo­glia con­tro il Car­pi, Gar­cia po­treb­be per­si­no ri­schiar­lo nel­la se­con­da par­ti­ta in tre gior­ni e avan­za­re il suo jol­ly pre­fe­ri­to a rie­qui­li­bra­re l’at­tac­co.

Og­gi co­me og­gi la si­tua­zio­ne è que­sta. La par­ti­ta suc­ces­si­va, a Le­ver­ku­sen, è in pro­gram­ma il 20 ot­to­bre. Ab­ba­stan­za lon­ta­no da con­sen­ti­re a Gar­cia e tut­ta la Ro­ma di rin­via­re ul­te­rio­ri ri­fles­sio­ni a mo­men­ti più se­re­ni. Quel­la ga­ra, una vol­ta su­pe­ra­ta con un suc­ces­so la tra­sfer­ta in Bie­lo­rus­sia, sa­rà il ve­ro e pro­prio in­ter­rut­to­re che ac­cen­de­rà o spe­gne­rà la lu­ce del­la Ro­ma nel gi­ro­ne di Cham­pions Lea­gue, sem­pre che il Barcellona non de­ci­da gra­zio­sa­men­te di sui­ci­dar­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.