«Do­po mezzora era già tut­to fi­ni­to»

«Se­ra­ta no, ma non cam­bia nul­la: sia­mo sem­pre lì» KO IN CA­SA PER MAN­CI­NI

Corriere dello Sport (Roma) - - Inter-fiorentina 1-4 - Di An­drea Ra­maz­zot­ti ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Ro­ber­to Man­ci­ni nel do­po par­ti­ta ha la de­lu­sio­ne di­pin­ta sul vol­to. Non si aspet­ta­va una scon­fit­ta del ge­ne­re, ma il tec­ni­co di Je­si si è sfor­za­to di ana­liz­zar­la con se­re­ni­tà. « Ab­bia­mo per­so una ga­ra na­ta ma­le e fi­ni­ta do­po 30' quan­do Mi­ran­da è sta­to espulso ed era­va­mo già sot­to 3-0. A quel pun­to non c’era più nien­te da fa­re. Non dob­bia­mo pe­rò per­de­re la bus­so­la per­ché ab­bia­mo per­so un in­con­tro e sia­mo sem­pre in te­sta al­la clas­si­fi­ca. Nel no­stro processo di cre­sci­ta non cam­bia nien­te. Dob­bia­mo mi­glio­ra­re su tut­to sen­za fa­re dram­mi. Mi aspet­to che il grup­po ri­par­ta su­bi­to. Que­sto è sta­to so­lo... un in­for­tu­nio e fac­cia­mo i com­pli­men­ti al­la Fio­ren­ti­na che ha of­fer­to una bel­la pro­va, ha te­nu­to be­ne il cam­po, ma l’1-0 do­po 4' l’ha fa­vo­ri­ta. Il re­sto lo ab­bia­mo fat­to noi crean­do po­co». Poi la spie­ga­zio- ne sul­la di­fe­sa a tre: « Ave­va fun­zio­na­to con­tro il Ve­ro­na e l’ab­bia­mo ri­pro­po­sta an­che per­ché ab­bia­mo mes­so Pe­ri­sic a de­stra nel­la spe­ran­za che spin­ges­se mol­to su quel­la fa­scia. Ri­fa­rei la scel­ta del­la di­fe­sa a tre an­che ades­so: pen­sa­vo che po­tes­se es­se­re giu­sta, ma il mat­ch si è mes­so in un cer­to mo­do. E l’in­for­tu­nio di Jo­ve­tic non ha cam­bia­to nien­te. Avrem­mo gio­ca­to co­mun­que in que­sto mo­do». Man­ci­ni ha an­che as­sol­to Han­da­no­vic: «I gio­ca­to­ri non so­no ro­bot. Co­sa pos­sia­mo dir­li? Ha com­mes­so un er­ro­re che può ca­pi­ta­re, ma poi ha fat­to an­che del­le pa­ra­te». Il so­lo mo­men­to di rab­bia lo ha avu­to quan­do gli è sta­ta let­ta la do­man­da di una te­le­spet­ta­tri­ce di Me­dia­set: « Per­ché ho fat­to tut­ti que­sti cam­bi di mo­du­lo? Non ave­te una do­man­da più in­tel­li­gen­te? Era­va­mo sul 3-0 e in die­ci. Do­ve­va­mo cam­bia­re per non pren­de­re al­tri gol».

RAB­BIA HAN­DA. Il por­tie­re slo­ve­no ha con­te­sta­to il ri­go­re: «Ka­li­nic si but­ta in ter­ra pri­ma che lo toc­chi. Lui ve­de che io ar­ri­vo e si tuf­fa. L’ar­bi­tro ha da­to il ri­go­re, ma po­te­va an­che non dar­lo. Mi as­su­mo le mie re­spon­sa­bi­li­tà per que­sto ri­go­re per­ché ho sba­glia­to lo stop e mi di­spia­ce mol­to per­ché an­da­re sot­to su­bi­to 1-0 non è sta­to cer­to po­si­ti­vo. No­no­stan­te que­sta scon­fit­ta pun­tia­mo co­mun­que in al­to e il ko con la Fio­ren­ti­na non de­ve cam­bia­re i no­stri pro­gram­mi. Il cam­pio­na­to è an­co­ra lun­go e fa­re­mo be­ne. Vol­tia­mo pa­gi­na e ri­par­tia­mo su­bi­to».

JO-JO KO. Tra og­gi e do­ma­ni lo staff me­di­co do­vrà ve­ri­fi­ca­re le con­di­zio­ni fi­si­che di Jo­ve­tic che si è fer­ma­to nel riscaldamento del mat­ch per un fa­sti­dio ai fles­so­ri del­la co­scia si­ni­stra. Tor­ne­rà do­po la so­sta? Mu­ril­lo in­ve­ce non era tra i con­vo­ca­ti a cau­sa del pro­ble­ma mu­sco­la­re ac­cu­sa­to do­me­ni­ca scor­sa a Ve­ro­na con­tro il Chie­vo all’ad­dut­to­re de­stro, ma con­tro la Samp ci sa­rà. Fe­li­pe Me­lo in­ve­ce si è di­fe­so dal­le cri­ti­che di gio­co... fal­lo­so par­lan­do a Glo­boe­spor­te: « Il cal­cio è con­tat­to e se non ti pia­ce que­sta co­sa, de­vi an­da­re a gio­ca­re a tennis. Io non en­tro mai su un gio­ca­to­re per far­lo sta­re fuo­ri sei-set­te me­si. In Argentina in­ve­ce ab­bia­mo vi­sto co­me un gio­ca­to­re (Car­li­tos Te­vez, ndr) ab­bia com­mes­so un’en­tra­ta che co­strin­ge­rà un ra­gaz­zo dell'Ar­gen­ti­nos Ju­niors a ri­ma­ne­re fuo­ri a lun­go. Il mio non è un cal­cio cat­ti­vo, poi se ser­ve il fal­lo tat­ti­co, lo fac­cio». Quel­la di ie­ri è la no­na scon­fit­ta in cam­pio­na­to dell’In­ter da quan­do è tor­na­to in pan­chi­na Man­ci­ni. Cin­que ne ha su­bi­te in ca­sa: due da par­te del­la Fio­ren­ti­na, poi ha per­so a Mi­la­no con­tro Udi­ne­se, To­ri­no e Ju­ven­tus.

«Han­da­no­vic? Co­sa pos­sia­mo dir­gli, i gio­ca­to­ri non so­no ro­bot. E poi ci so­no i me­ri­ti dei vio­la»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.