«Po­ca cat­ti­ve­ria, per­si tut­ti i duel­li in­di­vi­dua­li»

«La real­tà è che or­mai re­ga­lia­mo ogni vol­ta un tem­po e ab­bia­mo per­mes­so al Ge­noa di fa­re la par­ti­ta che vo­le­va»

Corriere dello Sport (Roma) - - Genoa-milan 1-0 - Fur.fed.

- Un’al­tra do­me­ni­ca be­stia­le, da di­men­ti­ca­re. L’ad Gal­lia­ni ha ri­schia­to per l’en­ne­si­ma vol­ta, in qua­si trent’an­ni di Mi­lan, le co­ro­na­rie quan­do Kuc­ka ha sba­glia­to cla­mo­ro­sa­men­te il gol del pos­si­bi­le pa­reg­gio. Il vi­ce-pre­si­den­te vi­ca­rio ha tra­scor­so, piut­to­sto per­ples­so, l’in­te­ro in­ter­val­lo al suo po­sto a Ma­ras­si, in at­te­sa di una ri­scos­sa che non c’è sta­ta nel­la ri­pre­sa do­ve il Mi­lan par­ti­va già con l’han­di­cap dell’uo­mo in me­no. A fi­ne ga­ra è an­da­to via su­bi­to, non si è sof­fer­ma­to più di una man­cia­ta di mi­nu­ti ne­gli spo­glia­toi. Ma c’è da cre­de­re che la lun­ga set­ti­ma­na di pas­sio­ne che pre­ce­de la su­per-sfi­da di do­me­ni­ca a San Si­ro con­tro il Na­po­li non tra­scor­re­rà im­mu­ne da in­con­tri, sum­mit e pre­si­di a Mi­la­nel­lo da par­te dell’ad ros­so­ne­ro. MI­HA­J­LO­VIC. Co­me è suo so­li­to fa­re il tec­ni­co mi­la­ni­sta non si è sot­trat­to a una se­ve­ra cri­ti­ca al­la sua squa­dra quan­do le co­se non van­no be­ne. Quel­la con­tro il Ge­noa è sta­ta la ter­za scon­fit­ta in que­sto cam­pio­na­to su 6 par­ti­te e il gol si­gla­to da Dze­mai­li è il no­no su­bi­to. I nu­me­ri e le ci­fre so­no im­pie­to­se. Co­me del re­sto è sta­to po­co gra­de­vo­le il gio­co vi­sto in cam­po ie­ri a Ma­ras­si. Mi­ha­j­lo­vic, pe­rò, si è vo­lu­to sof­fer­ma­re so­prat­tut­to sull’aspet­to ca­rat­te­ria­le di una par­ti­ta che i suoi gio­ca­to­ri han­no ge­sti­to, per lun­ghi trat­ti, nel peg­gio­re dei mo­di. «Ab­bia­mo per­so tut­ti i duel­li in­di­vi­dua­li, ci è man­ca­ta la cat­ti­ve­ria per af­fron­ta­re que­sto ti­po di par­ti­te - ha det­to l’ex-Do­ria - Non ab­bia­mo af­fron­ta­to be­ne il pri­mo tem­po e il Ge­noa ha fat­to la par­ti­ta che vo­le­va. Nel se­con- do con un uo­mo in me­no ci ab­bia­mo mes­so la cat­ti­ve­ria giu­sta, pro­prio quel­la che in­ve­ce è man­ca­ta nel­la pri­ma fra­zio­ne».

RE­GA­LI. Il Mi­lan con­ti­nua a sba­glia­re l’ap­proc­cio al­le par- ti­te. Ec­ce­zion fat­ta quel­la di mar­te­dì scor­so a Udi­ne do­ve, do­po un pre­po­ten­te 3-0 con­fe­zio­na­to già nei 45' ini­zia­li, i ros­so­ne­ri han­no pe­rò ri­schia­to di get­ta­re la vit­to­ria al ven­to con un se­con­do tem­po mol­to ne­ga­ti­vo. Quin­di Mi­ha­j­lo­vic ha am­mes­so che «la real­tà è che or­mai re­ga- lia­mo un tem­po a par­ti­ta e in­ve­ce dob­bia­mo riu­sci­re a tro­va­re la con­ti­nui­tà giu­sta».

Nel­lo spo­glia­to­io ros­so­ne­ro si è di­scus­so mol­to sul­la le­git­ti­mi­tà del­la pri­ma am­mo­ni­zio­ne a Ro­ma­gno­li (fal­lo da die­tro su Pa­vo­let­ti) ma il tec­ni­co mi­la­ni­sta ha de­ci­so an­co­ra una vol­ta di non tra­sgre­di­re una sua re­go­la mol­to pre­ci­sa. «Io non com­men­to mai l'ar­bi­tro. Lui fa su il suo la­vo­ro e poi è in­ne­ga­bi­le che se aves­si­mo gio­ca­to il pri­mo tem­po co­me ab­bia­mo fat­to nel se­con­do avrem­mo vin­to - ha ri­ba­di­to - Il Ge­noa ha fat­to la par­ti­ta che vo­le­va, da par­te no­stra è man­ca­ta la cat­ti­ve­ria. Ab­bia­mo cor­so e lot­ta­to ma sen­za la stes­sa cat­ti­ve­ria de­gli av­ver­sa­ri. E poi so­no dell'idea che se aves­si­mo fat­to be­ne sot­to que­sto pun­to di vi­sta al­la fi­ne non avrem­mo per­so tut­ti quei duel­li in­di­vi­dua­li». DE JONG. Espulso Ro­ma­gno­li, Mi­ha­j­lo­vic ha su­bi­to pen­sa­to be­ne, in pie­no re­cu­pe­ro, di so­sti­tui­re De Jong con Ely. Ma, in real­tà, Mon­to­li­vo ma­ni­fe­sta­va già al­la fi­ne del pri­mo tem­po una cer­ta stan­chez­za al­la ter­za par­ti­ta con­se­cu­ti­va do­po un lun­go pe­rio­do di inat­ti­vi­tà. Inol­tre l’in­se­ri­men­to di Bac­ca è ap­par­so tar­di­vo. Ec­co co­me Mi­ha­j­lo­vic ha giu­sti­fi­ca­to le sue scel­te. «De Jong cen­tra­le di­fen­si­vo? Non lo ave­vo mai pro­va­to in quel­la po­si­zio­ne e se io non pro­vo in set­ti­ma­na una so­lu­zio­ne non im­prov­vi­so - ha det­to - Un al­le­na­to­re de­ve usa­re la lo­gi­ca. Bac­ca? L'ho in­se­ri­to so­lo nel fi­na­le per­ché la squa­dra in die­ci sta­va be­ne in cam­po e crea­va oc­ca­sio­ni. Non è ve­ro che se gio­chi con 3 pun­te sei più of­fen­si­vo, in­fat­ti for­se ab­bia­mo crea­to di più con 2».

«Bac­ca? Ser­ve usa­re la lo­gi­ca: non è ve­ro che se gio­chi con tre pun­te sei più of­fen­si­vo»

AN­SA

Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic ac­ci­glia­to per una pre­sta­zio­ne tutt’al­tro che esal­tan­te del Mi­lan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.