«Il mio Na­po­li di fe­no­me­ni»

«Hi­guain è il cen­tra­van­ti più for­te del mon­do»

Corriere dello Sport (Roma) - - Napoli - Di An­to­nio Gior­da­no ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fe-no-me-ni: for­se per­si­no un po’ pa­ra­nor­ma­li, ca­ta­pul­ta­ti nel­la Ga­las­sia, ma­ga­ri per­si­no sul­la Via Lat­tea. Fe-no-me-ni: per­ché vi­sti da vi­ci­no ar­ri­va­no da un al­tro pia­ne­ta, pa­io­no de­gli alie­ni ca­sual­men­te di pas­sag­gio. Si scri­ve Hi­guain o Cal­le­jon o In­si­gne o Mer­tens o (an­che) Kou­li­ba­ly e si spro­fon­da nell’uni­ver­so d’un in­cre­du­lo Sar­ri, nel­la sua fe­li­ci­tà per po­ter­se­li go­de­re tut­ti as­sie­me, nel­lo stu­po­re di ri­tro­var­si tan­ta gra­zia da ge­sti­re, da edu­ca­re, da li­be­ra­re del­le ca­te­ne, da lan­cia­re all’as­sal­to d’un so­gno che si vi­ve e pe­rò non si con­fes­sa, se non tra le pa­re­ti di ca­sa tap­pez­za­te di ve­ro­ni­che, drib­bling, ta­gli e dia­go­na­li. Na­po­li-Ju­ven­tus è an­da­ta, un gran bel­la not­ta­ta, ma re­sta l’eco di ciò ch’è ve­nu­to fuo­ri da Sar­ri a Sar­ri, cioè da giu­gno ad og­gi, cioè dal­la (pre­sun­ta) cri­set­ta a que­sti die­ci gior­ni con tre vit­to­rie ed un pa­reg­gio, do­di­ci re­ti se­gna­te e una su­bi­ta; una set­ti­ma­na e mez­za da fe-no-me-ni.

IL PIU’ FOR­TE. Il pri­mo Na­po­li di Mau­ri­zio Sar­ri, tre me­si o giù di lì, è un blog da ri­leg­ge­re con gli oc­chi spa­lan­ca­ti, ma do­po aver­li stro­pic­cia­ti: sa di Ali­ce nel Pae­se del­le me­ra­vi­glie per­chè la Gran­de Bel­lez­za è ovun­que, è in quel Pi­pi­ta che «se im­pa­ra me­glio ad at­tac­ca­re l’area può fa­re sfra­cel­li» all’Hi­guain che «è l’epi­cen­tro del no­stro pro­get­to, un fuo­ri­clas­se che de­ve so­lo ren­der­si con­to di es­se­re l’at­tac­can­te cen­tra­le più for­te al mon­do».

CHE SCU­GNIZ­ZO. Ora che il suo Na­po­li è cam­bia­to, è usci­to dal rom­bo e s’è in­tru­fo­la­to nel tri­den­te, var­rà an­co­ra la pro­fe­zia sul «mo­nel­lo» del gol, quel ge­niet­to ch’è usci­to dal­la lam­pa­da pu­re con la Ju­ven­tus e s’è mes­so a fa­re ciò che gli ve­ni­va be­ne da fan­ciul­lo (più o me­no) con Ze­man, ma an­che da adul­to con Be­ni­tez, l’ester­no di si­ni­stra, nel­la sua am­pia ac­ce­zio­ne. In­si­gne, vi­sto da Sar­ri, è un pia­ni­sta: «Uno che pre­sto po­treb­be ri­tro­var­si al Psg». Dun­que, ad il­lu­mi­na­re i bou­le­vard; op­pu­re ad in­can­ta­re lun­go il Ta­mi­gi: «Lui è an­che da Chel­sea».

DRIB­BLING REAL. L’ha pen­sa­to, poi l’ha det­to, in quel lin­guag­gio dol­cis­si­mo che sem­bra pa­ra­dos­sa­le, che in­ve­ce pun­ta a stuz­zi­ca­re le cor­de d’un at­tac­co da fa­vo­la, che ha con­no­ta­ti va­ri, può de­li­zia­re con la po­ten­za del pi­pi­ta, l’ele­gan­za di «Lo­ren­zi­n­ho», o an­che l’im­pre­ve­di­bi­li­tà di Dries Mer­tens, in ar­te uno sla­lo­mi­sta, per il qua­le un bel gior­no Sar­ri po­se un fan­ta­sti­co in­ter­ro­ga­ti­vo: «Io a vol­te mi chie­do: per- ché non gio­chi nel Ci­ty o nel Real Ma­drid? Già, per­chè? Dev’es­ser­ci qual­co­sa che non qua­dra. Ha gran­di po­ten­zia­li­tà e le espri­me quan­do me­no te lo aspet­ti».

CA­SA BIAN­CA. Ma di Ma­drid, di Real, del bla­nço ce n’è: c’è quel­lo che ha por­ta­to in do­ta­zio­ne - in­sie­me ad Al­biol ed Hi­guain - Jo­sé Ma­ria Cal­le­jon, che nel 4-2-3-1 do­ve­va ri­ta­gliar­si uno spa­zio di­ver­so e che ades­so se la spas­sa, at­tac­ca e di­fen­de, va den­tro i ta­gli, fa le spon­de, co­strin­ge i flui­di­fi­can­ti a rin­cor­rer­lo e Sar­ri ad in­ven­tar­si qual­co­sa di me­dia­ti­ca­men­te ef­fi­ca­ce co­me le per­cus­sio­ni del suo ester­no. «So so­lo che più lo ve­di gio­ca­re e più te ne in­na­mo­ri, lo ap­prez­zi. E’ sem­pre vi­vo, tat­ti­ca­men­te in­tel­li­gen­te, or­mai de­ter­mi­nan­te per que­sta squa­dra».

«In­si­gne è uno da Psg o Chel­sea Kou­li­ba­ly da Ba­rça Mer­tens da Ci­ty o da Real Ma­drid»

IL K2. Ma è sta­to un cre­scen­do, e for­se an­che un mu­ta­men­to: per­ché ora è di­ve­nu­to il mo­men­to di Ka­li­dou Kou­li­ba­ly, un gi­gan­te di­fen­si­vo che ha avu­to dif­fi­col­tà ini­zia­le, che co­me Ghou­lam pa­re­va sfi­la­to ai mar­gi­ni, che con Ghou­lam s’è ri­pre­so il po­sto, ha si­ste­ma­to la li­nea di­fen­si­va, ha da­to so­li­di­tà (non so­lo fi­si­ci­tà) al re­par­to e che ha ascol­ta­to Sar­ri in con­fe­ren­za stam­pa, dun­que in pub­bli­co dir­gli che «se do­ves­se im­pa­ra­re due o tre mo­vi­men­ti di­fen­si­vi, fi­ni­reb­be per es­se­re un cal­cia­to­re de­sti­na­to al Barcellona». Ca­pi­to per­ché son fe-no-me-ni.

MO­SCA

Mau­ri­zio Sar­ri, 56 an­ni, è al­la pri­ma sta­gio­ne sul­la pan­chi­na del Na­po­li: fi­no­ra 9 pun­ti in cam­pio­na­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.