Quel­la te­le­fo­na­ta con Ber­lu­sco­ni tra pas­sa­to, pre­sen­te e fu­tu­ro

Corriere dello Sport (Roma) - - Primo Piano - ANSA fur.fed. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

MI­LA­NO - sen­ti­rà so­lo e iso­la­to mer­co­le­dì dal­le ore 15 in poi a Mi­la­no. Gran par­te del pub­bli­co ros­so­ne­ro gli fa­rà ve­ni­re la pel­le d’oca co­me a tem­pi del Gran­de Milan. Ma Do­na­do­ni ha tro­va­to a Bo­lo­gna, fi­nal­men­te, chi cre­de in lui: una so­cie­tà ro­bu­sta, am­bi­zio­sa, di enor­mi pro­spet­ti­ve. Il pub­bli­co del «Dall’Ara» è sta­to con­qui­sta­to dai ri­sul­ta­ti (13 pun­ti in so­le 7 par­ti­te, ruo­li­no di mar­cia da zo­na Cham­pions Lea­gue) e dal­la si­gno­ri­li­tà di un gen­ti­luo­mo che a Par­ma ha ti­mo­na­to a te­sta al­ta l’ine­vi­ta­bi­le nau­fra­gio del club gial­lo­blù. For­se, per gli este­ti ef­fi­me­ri e mo­da­io­li, Do­na­do­ni non avrà il sor­ri­so che con­qui­sta. Ma ha co­rag­gio, di­gni­tà e buon sen­so. I cal­cia­to­ri fan­no a ga­ra per far­si al­le­na­re da lui. Uno su tut­ti: De­stro. «Quan­do un al­le­na­to­re ar­ri­va a sta­gio­ne in cor­so vuol di­re che l’am­bien­te è in difficoltà. Ho sem­pli­ce­men­te tra­smes­so a tut­ti l’en­tu­sia­smo e la vo­glia di quel­lo che so fa­re e che mi pia­ce fa­re. L’en­tu­sia­smo, se lo sai tra­smet­te­re, può di­ven­ta­re con­ta­gio­so».

L’an­ti­e­roe «Par­ma è sta­ta un do­lo­re ma io non mi sen­to un pa­la­di­no, so­lo uno che può da­re»

Cer­ti sor­ri­si «Chi di­ce che non so­no da Milan per­ché non sor­ri­do in tv de­ve far­si del­le do­man­de...»

La pan­chi­na del Milan: un so­gno che po­treb­be di­ven­ta­re real­tà?

«Chia­ra­men­te an­ch’io ho l’am­bi­zio­ne, un gior­no, di po­ter al­le­na­re una gran­de squa­dra. Non è det­to che non pos­sa es­se­re an­che il Bo­lo­gna... Si­cu­ra­men­te mi fa sem­pre un ef­fet­to par­ti­co­la­re en­tra­re an­co­ra og­gi a San Si­ro e ri­ce­ve­re il tri­bu­to dei ti­fo­si ros­so­ne­ri. Mi vie­ne la pel­le d’oca... È una gra­ti­fi­ca­zio­ne che mi ri­pa­ga di tan­te ama­rez­ze».

Per­so­na­li­tà «La rot­tu­ra tra me e Cas­sa­no? Tut­ti han­no di­rit­to di sce­glie­re co­sa es­se­re nel­la vi­ta»

C’è chi di­ce che Do­na­do­ni non può al­le­na­re il Milan per­ché non sor­ri­de da­van­ti al­le te­le­ca­me­re...

«Se que­sto è un dub­bio o un que­si­to do­vreb­be ri­spon­de­re chi pen­sa che que­sta sia una mo­ti­va­zio­ne se­ria e con­cre­ta. Un cer­to at­teg­gia­men­to fa par­te del mio mo­do di es­se­re. So­no io il pri­mo a es­ser fe­li­ce di sor­ri­de­re quan­do c’è un mo­ti­vo

Una te­le­fo­na­ta, si nar­ra­va una vol­ta in uno «spot» pub­bli­ci­ta­rio, può al­lun­ga­re la vi­ta... Si­cu­ra­men­te può ali­men­ta­re, an­che di que­sti tem­pi, una spe­ran­za, ve­ra e con­cre­ta. Il con­tat­to te­le­fo­ni­co di qual­che me­se fa, in tem­pi non so­spet­ti in pro­spet­ti­va...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.