Car­men Lon­go, la me­mo­ria sta sem­pre a gal­la

Cin­quant’an­ni fa un ae­reo del­la Luf­than­sa pre­ci­pi­tò a Bre­ma. A bor­do c’era la me­glio gio­ven­tù del no­stro nuoto

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - CRONACHE DI BOLOGNA - Di Lo­ren­zo Lon­ghi BO­LO­GNA

Sul­la pe­da­na, un maz­zo di fio­ri; nel­le cor­sie, dram­ma­ti­ca­men­te vuo­te, un drap­po ne­ro. Fo­to­gram­mi la­ce­ran­ti, ico­ne di do­lo­re: non le brac­cia­te e l'ener­gia de­gli atle­ti, ma so­lo il ri­fles­so dell'ac­qua, l'as­sen­za pre­sen­te. Sa­reb­be ap­par­te­nu­ta a Car­men Lon­go, una di quel­le cor­sie al mee­ting in­ter­na­zio­na­le di Bre­ma, in­ver­no 1966, uno dei più pre­sti­gio­si ap­pun­ta­men­ti del­la sta­gio­ne in­door. L'ave­va me­ri­ta­ta ai cam­pio­na­ti emi­lia­ni, ot­te­nen­do il tem­po li­mi­te per la con­vo­ca­zio­ne, no­no­stan­te si stes­se al­le­nan­do so­la­men­te da po­che set­ti­ma­ne: quan­do c'è il ta­len­to, pe­rò, i ri­sul­ta­ti pos­so­no ar­ri­va­re an­che se ma­ga­ri non so­no pre­vi­sti, e in fondo da lei, che già era vo­la­ta con la Na­zio­na­le in Bra­si­le po­chi me­si pri­ma, ci si po­te- va at­ten­de­re di tut­to. Per­ché a Car­men Lon­go il ta­len­to non man­ca­va e, an­zi, l'ave­va por­ta­ta al pri­ma­to ita­lia­no sui 200 rana (il suo 2'54"7, a Ca­ta­nia, fe­ce im­paz­zi­re il pub­bli­co), a tre suc­ces­si nei cam­pio­na­ti pri­ma­ve­ri­li e al ti­to­lo as­so­lu­to sui 200 nel 1965, il pri­mo ti­to­lo del nuoto bo­lo­gne­se nel se­con­do do­po­guer­ra. Ave­va 19 an­ni, Car­men, non era nem­me­no mag­gio­ren­ne per le leg­gi dell'epo­ca. Ma per lei il de­sti­no de­ci­se che non ci sa­reb­be sta­to un do­ma­ni. CIN­QUAN­TA. Cin­quant'an­ni og­gi da quel ve­ner­dì in cui lo sport ita­lia­no vis­se la più gran­de tra­ge­dia del nuoto; non ci fu scam­po per Car­men, per i suoi sei com­pa­gne e com­pa­gni di Na­zio­na­le, per il tec­ni­co Pao­lo Co­sto­li e il gior­na­li­sta Ni­co Sa­pio. Coin­ci­den­ze fa­ta­li, can­cel­la­zio­ni e ri­tar­di, qual­che con-

Car­men Lon­go ave­va 19 an­ni, era una pro­mes­sa del nuoto ita­lia­no trol­lo di trop­po: ca­sua­li­tà, 12 mi­nu­ti tra un ae­reo per­so che ar­ri­ve­rà a de­sti­na­zio­ne e uno pre­so che di­strug­ge­rà vi­te e so­gni. L'Ita­lia, quel­la se­ra, era da­van­ti al­la tv; c'era il Fe­sti­val di San­re­mo, e pro­ba­bil­men­te an­che a ca­sa Lon­go, in via An­drea Co­sta, l'at­mo­sfe­ra era se­re­na. La no­ti­zia ar­ri­vò so­lo nel­la tar­dis­si­ma se­ra­ta, dal­la tv, e di lì co­min­ciò lo stra­zio del­la fa­mi­glia. Una fa­mi­glia, tan­te fa­mi­glie, quel­le di Car­men. Quel­la na­tu­ra­le, ge­ni­to­ri ori­gi­na­ri di Gua­gna­no, nel Sa­len­to, e bo­lo­gne­si d'ado­zio­ne, con il non­no che fu il pri­mo a por­ta­re in pi­sci­na lei e le so­rel­le Ni­co­let­ta e Ma­ria Ade­le; quel­la del­la Ra­ri Nan­tes Bo­lo­gna, la sua squa­dra, con i com­pa­gni ami­ci e gli al­le­na­to­ri Al­ber­to Piaz­zo­li e Lu­cia­no Zer­bi­ni; quel­la in­fi­ne del­la scuo­la, il Min­ghet­ti, do­ve Car­men era al pe­nul­ti­mo an­no, in 2ª li­ceo. POE­SIA. «Tu gia­ce­rai mor­ta, né più al­cu­na me­mo­ria ri­mar­rà di te»: è un ver­so di Saf­fo che suo­na pro­fe­ti­co e atro­ce, ven­ne tro­va­to ap­pun­ta­to su un qua­der­no di Car­men. Lo ri­cor­da un li­bro, "Tra le on­de, nel cie­lo", che ri­per­cor­re le sto- rie del­la Su­per­ga del nuoto, una sciagura non me­no dram­ma­ti­ca ma non cer­to ri­ma­sta nell'im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo quan­to quel­la del Gran­de To­ri­no. Pier Pao­lo Pa­so­li­ni vi­de nei vol­ti di Car­men e di quel­li dei suoi com­pa­gni, sui gior­na­li, «un to­ta­le amo­re per la vi­ta, la vi­ta co­me for­za, co­me gio- ven­tù, ma an­che un amo­re più umi­le, l'amo­re per la vi­ta quo­ti­dia­na, per un fu­tu­ro di citt­ta­di­ni one­sti (?) gra­ti per quel­lo che la vi­ta gli avreb­be ri­ser­va­to»: lo dis­se al­la tv di Sta­to, nel cor­so del pro­gram­ma Sprint, dan­do vo­ce al­lo sgo­men­to per quei de­sti­ni. ME­MO­RIA. La me­mo­ria in­ve­ce re­sta. Nei ri­cor­di, nel­le pa­ro­le, nel­le intitolazioni. In cit­tà è de­di­ca­ta a Car­men la pi­sci­na del­lo sta­dio a po­che cen­ti­na­ia di me­tri da do­ve vi­ve­va, por­ta­no il suo no­me la pi­sci­na di Se­sto San Gio­van­ni e il cam­po spor­ti­vo di Gua­gna­no. Sem­bra­no det­ta­gli, cer­to lo so­no, ma con­ta­no: se qual­cu­no si do­man­de­rà, og­gi e in fu­tu­ro, chi è la ra­gaz­za a cui que­sti im­pian­ti so­no de­di­ca­ti, sa­rà un mo­do per far­ne ri­vi­ve­re la sto­ria. An­che se trop­po bre­ve.

AZ­ZUR­RI DE­CE­DU­TI

Bruno Bian­chi (22), Ame­deo Chi­mis­so, Ser­gio De Gre­go­rio e Car­men Lon­go (tut­ti 19), Lu­cia­na Mas­sen­zi eDi­no Ro­ra (20), Da­nie­la Sa­mue­le (17). L’al­le­na­to­re Pao­lo Co­sto­li e il gior­na­li­sta Ni­co Sa­pio.

Ave­va cen­tra­to il pri­ma­to ita­lia­no sui 200 rana. Suo il 1° ti­to­lo bo­lo­gne­se nel do­po­guer­ra

LE VIT­TI­ME

42 pas­seg­ge­ri e 4 mem­bri dell’equi­pag­gio: le per­so­ne a bor­do del Con­vair Me­tro­po­li­tan del­la Luf­than­sa par­ti­to da Fran­co­for­te e pre­ci­pi­ta­to a Bre­ma, il 28 gen­na­io 1966.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.