Vin­ce Rosberg Fer­ra­ri ter­za con Raik­ko­nen

Vet­tel: «Di più non po­te­va­mo. Ora il mio pri­mo pran­zo di Na­ta­le da fer­ra­ri­sta»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Da Prima Pagina -

«Più di que­sto non po­te­va­mo fa­re», spie­ga Vet­tel, com­pren­den­do nel­la con­si­de­ra­zio­ne l’er­ro­re del sa­ba­to, la svi­sta che l’ha re­le­ga­to a fon­do schie­ra­men­to (16º, ie­ri di­ve­nu­to 15º do­po l’ar­re­tra­men­to di Gro­sjean per so­sti­tu­zio­ne del cam­bio). « Par­ten­do die­tro ho avu­to un po’ di difficoltà, pe­rò ave­vo ve­lo­ci­tà e so­no riu­sci­to a ri­sa­li­re. Ter­zo e quar­to è il mas­si­mo a cui po­te­va­mo am­bi­re, quin­di so­no con­ten­to an­che se il di­stac­co è ab­ba­stan­za am­pio».

Se fos­se par­ti­to nel­le pri­me fi­le avreb­be po­tu­to pro­va­re a vin­ce­re? « Non cre­do, per­ché tra me e Ki­mi an­da­va­mo più o me­no al­lo stes­so rit­mo. Quan­do ero da­van­ti l’ho fat­to pas­sa­re per per­met­ter­gli di spin­ge­re un po’ di più, ma le Mercedes era­no co­mun­que più ve­lo­ci di noi».

At­ten­de il suo pri­mo Na­ta­le fer­ra­ri­sta: « Aspet­to il pran­zo di Na­ta­le a Ma­ra­nel- lo per­ché sa­rà la mia pri­ma vol­ta». Bi­lan­cio del­la sta­gio­ne: « E’ sta­ta bel­lis­si­ma per­ché ha ri­por­ta­to mol­ti sor­ri­si all’in­ter­no del team. So­no mol­to con­ten­to di fa­re par­te del­la Scu­de­ria, ma è chia­ro che dob­bia­mo an­co­ra mi- glio­ra­re tan­to, quin­di spe­ro che l’in­ver­no sia bre­ve per­ché sia­mo mol­to ca­ri­chi. Ci so­no pa­rec­chie le­zio­ni che ab­bia­mo im­pa­ra­to que­st’an­no. Do­vre­mo cer­ca­re di mi­glio­ra­re il mo­to­re, la mac­chi­ne, ma an­che io pos­so mi­glio­rar­mi. Quin­di spe­ria­mo di tor­na­re an­co­ra più for­ti l’an­no pros­si­mo».

Pro­iet­ta­to al fu­tu­ro an­che Raik­ko­nen: « Nel 2016 ci at­ten­de una nuo­va sfi­da con una nuo­va mac­chi­na. Tut­ti par­ti­re­mo da ze­ro, quin­di ciò che ab­bia­mo fat­to qui non con­te­rà nul­la. E’ sta­to co­mun­que un week end po­si­ti­vo, la mac­chi­na era mol­to gui­da­bi­le. Ab­bia­mo avu­to un pic­co­lo ri­tar­do nel pit stop che non ci ha aiu­ta­to, co­mun­que so­no sod­di­sfat­to».

Per Mau­ri­zio Ar­ri­va­be­ne «ades­so sia­mo una squa­dra, e que­sta squa­dra me­ri­ta 10 e lo­de - ha di­chia­ra­to ai mi­cro­fo­ni di Sky - Il me­ri­to è di tut­ti, di chi ha la­vo­ra­to in pi­sta e di chi lo ha fat­to a ca­sa. Ov­via­men­te non dob­bia­mo più por­ci l’obiet­ti­vo di es­se­re se­con­di, ma di sta­re da­van­ti al­le Mercedes. Sia­mo per­so­ne se­rie, dei pro­fes­sio­ni­sti, ed è quel­lo che dob­bia­mo fa­re. Non è det­to che ci riu­sci­re­mo, ma fa­re­mo di tut­to».

Raik­ko­nen: «Ri­co­min­cia­mo, ar­ri­va una nuo­va sfi­da con una nuo­va mac­chi­na»

Ki­mi Raik­ko­nen, 36 an­ni, ter­zo

LAP­RES­SE

La pro­ver­bia­le eu­fo­ria di Ki­mi Raik­ko­nen sul po­dio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.