Fer­ra­ri-Bo­lo­gna: si trat­ta il rin­no­vo

Chie­de di ave­re lo stes­so trat­ta­men­to eco­no­mi­co del coe­ta­neo Ma­si­na

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Bologna - Di Gior­gio Bur­red­du ©RIPRODUZIONE RISERVATA

BO­LO­GNA. Ave­va­no già fat­to un ten­ta­ti­vo l'esta­te scor­sa, poi la trattativa si era are­na­ta e la co­sa era fi­ni­ta lì. Tut­to fi­ni­to? Mac­ché. Alex Fer­ra­ri vor­reb­be un ade­gua­men­to del con­trat­to. L'en­tou­ra­ge del gio­ca­to­re non avreb­be in agenda nul­la, al mo­men­to. Nes­sun in­con­tro. Ma qual­co­sa si muo­ve­rà nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne. Si va ver­so il rin­no­vo, la scel­ta è sta­ta fat­ta. Le ri­chie­ste di Fer­ra­ri toc- ca­no le stes­se ci­fre pro­po­ste (e ot­te­nu­te) da Adam Ma­si­na: pro­lun­ga­men­to fi­no al 2019 a 250mi­la eu­ro. Blin­da­to, pa­tri­mo­nio del Bo­lo­gna. Lui ha giu­ra­to amo­re eter­no al club ros­so­blù. Lo stes­so vor­reb­be fa­re Fer­ra­ri, 21 an­ni, vor­reb­be rag­giun­ge­re le stes­se con­di­zio­ni del com­pa­gno di squa­dra. Un ade­gua­men­to ov­via­men­te in li­nea con la ca­te­go­ria, la A, e per le pro­spet­ti­ve che ha il gio­ca­to­re al mo­men­to. An­che la con­vo­ca­zio­ne in Un­der21, a ini­zio sta­gio­ne (8 set­tem­bre 2015), ha avu­to il suo pe­so. E al­lo­ra? Per ora la so­cie­tà ha pre­so tem­po. Sta va­lu­tan­do co­sa fa­re. An­che per­ché la stra­te­gia è pre­ci­sa: evi­ta­re, il più pos­si­bi­le, con­trat­ti lun­ghis­si­mi. Ov­via­men­te Fer­ra­ri è con­si­de­ra­to un pa­tri­mo­nio del Bo­lo­gna. Dun­que le in­ten­zio­ni so­no quel­le di con­clu­de­re po­si­ti­va­men­te le co­se.

FU­TU­RO. Il suo fu­tu­ro Fer­ra­ri lo ve­de qui. Ma è chia­ro che se nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne non do­ves­se ar­ri­va­re una con­fer­ma dal­le stan­ze dei bot­to­ni ros­so­blù, il di­fen­so­re po­treb­be an­che pen­sa­re di guar­dar­si at­tor­no e va­lu­ta­re una del­le tan­te pro­po­ste che gli so­no ar­ri­va­te da club di me­dio li­vel­lo. Al mo­men­to Fer­ra­ri ha un con­trat­to fi­no al 2017 a 80mi­la eu­ro. All'ini­zio del mer­ca­to (que­sto qui di gen­na­io) ve­ni­va da­to per par­ten­te, si par­la­va di un pas­sag­gio all'Udi­ne­se, o in qual­che squa­dra per gio­ca­re con con­ti­nui­tà. La sta­gio­ne con De­lio Ros­si era ini­zia­ta al­la gran­de: ti­to­la­re, pra­ti­ca­men­te fis­so. Poi le co­se so­no cam­bia­te. Con l'ar­ri­vo di Ro­ber­to Do­na­do­ni Fer­ra­ri ha tro­va­to me­no spa­zio. Ti­to­la­re no, ma jol­ly sì. E' il gio­ca­to­re che l'al­le­na­to­re ros­so­blù uti­liz­za nei mi­nu­ti fi­na­li, quan­do ser­ve, quan­do c'è da co­pri­re o da far ri­fia­ta­re qual­cu­no. Ha la sua con­si­de­ra­zio­ne. Do­na­do­ni lo sti­ma. E' il pri­mo pas­so per un rin­no­vo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.