HON­DA AFRI­CA TWIN Re­gi­na del de­ser­to a die­ta

La mi­ti­ca off-road si è fat­ta leg­ge­ra e snel­la per da­re il me­glio an­che su asfal­to

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Produzione - ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Do­di­ci an­ni. Tan­to è il tem­po che è pas­sa­to dall’ul­ti­ma ver­sio­ne del­la mi­ti­ca Afri­ca Twin. La “re­gi­na del de­ser­to”, mo­to che so­prat­tut­to nell’este­ti­ca e an­che in qual­che par­ti­co­la­re tec­ni­co ri­cor­da­va la NXR do­mi­na­tri­ce ne­gli an­ni 80 del raid più fa­mo­so del mon­do: la Pa­ri­gi-Da­kar. Ora è tor­na­ta, per la gio­ia de­gli ap­pas­sio­na­ti del ge­ne­re.

La nuo­va Afri­ca Twin è pron­ta per con­tra­sta­re sul mer­ca­to le al­tre mo­to con ruo­ta an­te­rio­re da 21” ma for­se è na­ta più per “apri­re” un seg­men­to tut­to suo: quel­lo del­le com­mu­ter con cer­chio da 21” e mo­to­re 1000 cc. La pro­po­sta man­ca­va e Hon­da, per dif­fe­ren­ziar­si com’è nel suo sti­le, ci è ar­ri­va­ta per pri­ma.

LEG­GE­RA E SNEL­LA. In fa­se di pro­get­ta­zio­ne la pa­ro­la da se­gui­re co­me un man­tra era “leg­ge­rez­za” e, a guar­dar­la be­ne, il ri­sul­ta­to è sta­to cen­tra­to. A dif­fe­ren­za di al­tre con­cor­ren­ti, non è mae­sto­sa nel­le li­nee. An­zi. Il fron­ta­le e i fian­chet­ti so­no par­ti­co­lar­men­te snel­li, co­sì co­me la zo­na mo­to­re, la sel­la stret­ta e lun­ga e il co­di­no ra­stre­ma­to ma do­ta­to di ma­ni­glie pas­seg­ge­ro e at­tac­chi per le bor­se pra­ti­ca­men­te in­vi­si­bi­li. Il grup­po ot­ti­co an­te­rio­re è a due ele­men­ti ben equi­li­bra­ti con il de­si­gn ge­ne­ra­le men­tre da no­ta­re ci so­no cer­chi a rag­gi e la pre­sen­za dei pa­ra­ma­ni “off-road” e di un cu­po­li­no al­to e drit­to. Sul­la for­cel­la ano­diz­za­ta e sul for­cel­lo­ne e bi­brac­cio so­no fis­sa­ti due di­schi a mar­ghe­ri­ta (gra­zie al di­se­gno, nel­la gui­da in fuo­ri­stra­da pa­sti­glie e pin­ze si “pu­li­sco­no” da ter- ra e fan­go). Bel­le le li­nee dei car­ter e dei col­let­to­ri (da no­ta­re l’as­sen­za di ca­vi e pas­sag­gi a vi­sta) che gi­ra­no la­te­ral­men­te per con­flui­re in un so­brio sca­ri­co al­to 2 in 1.

Il “cuo­re” è un bi­ci­lin­dri­co in li­nea da 998 cc to­tal­men­te nuo­vo, un Eu­ro3 che spri­gio­na 95 cv. Di se­rie la fri­zio­ne an­ti-sal­tel­la­men­to men­tre la te­sta più com­pat­ta e il mo­to­re po­si­zio­na­to più in al­to han­no per­mes­so di au­men­ta­re la lu­ce a ter­ra (250 mm) fon­da­men­ta­le per su­pe­ra­re osta­co­li in fuo­ri­stra­da. Ot­ti­miz­za­ti di­stri­bu­zio­ne dei pe­si e raf­fred­da­men­to (due ven­to­le se­pa­ra­te all’in­ter­no dei due ra­dia­to­ri).

GUI­DA: QUAT­TRO OP­ZIO­NI. Ol­tre al cam­bio ma­nua­le, l’Afri­ca Twin è di­spo­ni­bi­le con dop­pia fri­zio­ne DCT di ter­za ge­ne­ra­zio­ne: un “au­to­ma­ti­co” con quat­tro mo­da­li­tà di gui­da. Dal­la più tran­quil­la dri­ve al­le S (1, 2, 3) spor­ti­veg­gian­ti. C’è an­che l’op­zio­ne G per il fuo­ri­stra­da: tra­zio­ne mi­glio­re e ri­co­no­sci­men­to di sa­li­te e di­sce­se ri­pi­de per ge­sti­re al me­glio la cam­bia­ta.

Il con­trol­lo di tra­zio­ne è re­go­la­bi­le su tre li­vel­li (o di­sat­ti­va­bi­le) men­tre l’ABS è di­sat­ti­va­bi­le so­lo sul po­ste­rio­re: in fre­na­ta la ruo­ta può bloc­car­si e ren­de­re più di­ver­ten­te la gui­da ma l’an­te­rio­re ga­ran­ti­sce co­mun­que si­cu­rez­za e grip.

Sul te­la­io in tu­bi d’ac­cia­io so­no fis­sa­ti una for­cel­la Sho­wa e un for­cel­lo­ne in al­lu­mi­nio. Si­gni­fi­ca­ti­ve, per ca­pi­re l’ani­ma di que­sta mo­to, le scel­te del­le ruo­te: da­van­ti c’è una 21” (90/90) da fuo­ri­stra­da men­tre die­tro la­vo­ra un cer­chio da 18” (150/70).

La ver­sio­ne sen­za ABS e DCT pe­sa 228 kg con il pie­no, quel­la con ABS 232 e quel­la con DCT e ABS 242. Il ser­ba­to­io da 18,8 li­tri ga­ran­ti­sce un’au­to­no­mia qua­si da re­cord: 21,7 km/li­tro per qua­si 400 km to­ta­li.

Co­sa non ci pia­ce? Po­co. Man­ca il crui­se con­trol e la stru­men­ta­zio­ne in ver­ti­ca­le, non è ben leg­gi­bi­le con il so­le pie­no e la ter­ra che si ac­cu­mu­la sul ve­tro nei trat­ti off-road. Ma sia­mo al pe­lo nell’uo­vo.

La cam­bia­ta è an­che au­to­ma­ti­ca, a scel­ta tra quat­tro mo­da­li­tà: ce n’é una spe­cia­le per il fuo­ri­stra­da

Il mo­to­re è un 998 cc Eu­ro3 da 95 ca­val­li Sal­to di qua­li­tà per raf­fred­da­men­to e di­stri­bu­zio­ne pe­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.