«Scu­sa pa­pà te le suo­no»

«Mi ha in­se­gna­to i se­gre­ti, ma ha an­che... pro­va­to a di­strar­mi. Con chi­tar­ra e pia­no­la»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Rally - Di Pa­squa­le Di San­til­lo ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel se­gno del pa­dre e del­la ma­dre. Per­chè una pas­sio­ne si può tra­smet­te­re in tan­te ma­nie­re, so­prat­tu­to se na­sce in fa­mi­glia.

Fa­bio An­dol­fi, sa­vo­ne­se, 23 an­ni da com­pie­re (a mag­gio) era una pre­de­sti­na­to del ral­ly. Nel sen­so che avreb­be po­tu­to fa­re tut­to. Ma se hai un pa­dre, Fa­bri­zio, pro­prie­ta­rio di un’of­fi­ci­na che ha cor­so per 12 an­ni lun­go stra­de e stra­di­ne di tut­ta Ita­lia e una mam­ma, Ma­ria Pa­tri­zia Ro­ma­no, che gli fa­ce­va da na­vi­ga­tri­ce, di­cia­mo­lo, le al­ter­na­ti­ve si as­sot­ti­glia­no (il fra­tel­lo mag­gio­re, Fa­bri­zio jr, cor­re an­che lui: ov­vio). Se poi se­gui le or­me dei ge­ni­to­ri e nei gior­ni in cui non di­spo­ni del tuo na­vi­ga­to­re c’è sem­pre mam­ma Pa­tri­zia di­spo­sta a fa­re i ri­lie­vi nei te­st, beh il ral­ly non è più un im­pe­gno, ma un affare di fa­mi­glia, ap­pun­to.

«De­vo di­re la ve­ri­tà - spie­ga spi­glia­to - pa­pà ha fat­to di tut­to per di­strar­mi. Ha pro­va­to con la chi­tar­ra, con la pia­no­la, per fi­ni­re al ten­nis e al cal­cio. Sen­za di­men­ti­ca­re il di­plo­ma di geo­me­tra. Ma io so­no na­to in... of­fi­ci­na. Le sue fo­to, la vit­to­ria al Tro­feo A112, i mo­del­li­ni spar­si per ca­sa, ovun­que: ogni oc­ca­sio­ne era buo­na per ri­cor­dar­mi da do­ve ven­go. E la vo­glia di sa­li­re su una mac­chi­na è ar­ri­va­ta pre­sto, ine­vi­ta­bil­men­te. A 8 an­ni ho gui­da­to la mia pri­ma mac­chi­na, una vec­chia A112 di pa­pà, qui nei din­tor­ni di ca­sa no­stra; a 14 ho ini­zia­to a cor­re­re con una mo­to da cross. Quat­tro an­ni di di­ver­ti­men­to, pe­rò un fuo­co di pa­glia. La pas­sio­ne ve­ra è sem­pre sta­ta so­lo per i ral­ly fi­no al de­but­to a 19 an­ni, nel 2012. Tre ga­re, una im­pres­sa nel­la me­mo­ria al Ral­ly di San­re­mo, a ca­sa mia, chiu­so col se­con­do po­sto as­so­lu­to nel Tro­feo 500 Abar­th».

Il pre­lu­dio all’in­gres­so in un’al­tra fa­mi­glia, quel­la dell’ACI Team Ita­lia.

«Do­po aver fre­quen­ta­to il Cor­so Fe­de­ra­le CSAI a Val­le­lun­ga, nel 2013 ho cor­so al­tri set­te ral­ly del cam­pio­na­to ita­lia­no, con ot­ti­mi piaz­za­men­ti. Co­sì mi so­no con­qui­sta­to la se­le­zio­ne del­la stes­sa CSAI per l’Aca­de­my FIA di Vien­na riservata ai gio­va­ni dri­ver. Il pri­mo pas­so del per­cor­so. L’an­no do­po in­fat­ti mi han­no vo­lu­to al­la Tar­ga Flo­rio per la se­le­zio­ne dell’ACI Team Ita­lia e so­no riu­sci­to ad an­da­re avan­ti in mez­zo a tan­ti bra­vi ra­gaz­zi e pi­lo­ti. So­no ar­ri­va­te le sei espe­rien­ze nei ral­ly del Mon­dia­le 2015 e ora quel­la del Ral­ly di Mon­te­car­lo 2016, pre­lu­dio per un’al­tra sta­gio­ne di espe­rien­za, chiu­so con un 23° as­so­lu­to e ter­zo di ca­te­go­ria».

Se­gue mo­del­li par­ti­co­la­ri, ha ido­li di gui­da ral­li­sti­ca?

«In­tan­to pa­pà, che per me re­sta il mi­glio­re. Mi ha in­se­gna­to tut­to, com­pre­si i suoi se­gre­ti, por­tan­do­mi a gui­da­re su ogni ter­re­no, ster­ra­to, ne­ve, ba­gna­to del­la no­stra Li­gu­ria, ter­ra di ral­ly. Ma non di­men­ti­co i mi­ti­ci cam­pio­ni del­la Lan­cia cam­pio­ne di tut­to, Mi­ki Bia­sion e Ti­zia­no Si­vie­ro. E poi ci so­no i no­stri tu­tor, Pao­lo Andreucci e tut­ti gli al­tri, Pie­ro Lon­ghi, Ales­san­dro Bet­te­ga. Han­no sem­pre il con­si­glio giu­sto, da lo­ro si as­sor­be tan­to. In­fi­ne non mi stan­co mai di guar­da­re i vi­deo su Youtu­be di Ogier e Loeb, due fe­no­me­ni. Ma il bri­vi­do ve­ro l’ho avu­to a Mon­te­car­lo quan­do ho co­no­sciu­to Ra­gnot­ti, un gran­de».

Co­sa ha im­pa­ra­to da tut­ti que­sti mae­stri?

«Che bi­so­gna cer­ca­re di an­da­re for­te in ogni con­di­zio­ne, sen­za sba­glia­re: que­sto non si­gni­fi­ca an­da­re sem­pre al mas­si­mo ma am­mi­ni­stra­re, ge­sti­re quan­do si de­ve ri­schia­re di me­no e poi in­ve­ce riu­sci­re a fa­re la dif­fe­ren­za quan­do si può spin­ge­re a tut­ta».

A che pun­to pen­sa di es­se­re ar­ri­va­to ri­spet­to al­la sua cre­sci­ta, al­le sue po­ten­zia­li­tà?

«L’obiet­ti­vo è sem­pre quel­lo di mi­glio­ra­re co­stan­te­men­te, in ogni si­tua­zio­ne. E que­sto va­le per me co­me per tut­ti gli al­tri ra­gaz­zi. Non sta a me di­re a che li­vel­lo so­no, non mi so­no mai giu­di­ca­to, lo la­scio fa­re agli al­tri. Di cer­to bi­so­gna pro­va­re, cre­der­ci, ave­re pos­si­bi­li­tà e in que­sto sen­so l’ACI Team Ita­lia è una gran­de oc­ca­sio­ne da sfrut­ta­re»

Un giu­di­zio sul suo pri­mo Ral­ly di Mon­te­car­lo, ce lo può da­re?

«So­no fe­li­ce per il piaz­za­men­to, me­no per i 5 mi­nu­ti per­si per un mio er­ro­re e per un piz­zi­co di sfor­tu­na. Co­mun­que è sta­to bel­lis­si­mo e dif­fi­ci­lis­si­mo con le con­di­zio­ni che ab- bia­mo tro­va­to, cam­bia­va­no ad ogni cur­va tra ghiac­cio, ac­qua, asfal­to ro­vi­na­to. Ma con la Peu­geot 208 R2B pre­pa­ra­ta dal no­stro team Ro­meo Fer­ra­ris sia­mo riu­sci­ti ad es­se­re com­pe­ti­ti­vi gra­zie al­la gran­de ci­cli­sti­ca e all’equi­li­brio com­ples­si­vo del­la vet­tu­ra»

Il sa­vo­ne­se è na­to in una fa­mi­glia di ral­li­sti: «Quan­do non ho il na­vi­ga­tor mi aiu­ta mam­ma»

«Il mi­ti­co Bia­sion, i tu­tor del Team Ita­lia: im­pa­ro da tut­ti. E su Youtu­be stu­dio Loeb e Ogier»

A ca­sa che di­co­no?

« Pa­pà nul­la, mi so­stie­ne, mi dà consigli. In Ita­lia mi se­gue, nel Mon­dia­le un po’ me­no per­ché qual­cu­no de­ve pur la­vo­ra­re. Ora ha scel­to di smet­te­re: pre­fe­ri­sce in­ve­sti­re su me e mio fra­tel­lo, di­ce che quel­lo che do­ve­va fa­re l’ha fat­to e poi cor­re­re co­sta tan­to. Mam­ma mi aiu­ta nei te­st e de­vo di­re che si fi­da, do­po una vi­ta ac­can­to a pa­pà... ».

Ha de­but­ta­to da po­co al Mon­te­car­lo «Bel­lo e du­ris­si­mo la stra­da cam­bia­va ad ogni cur­va»

C’è dell’al­tro ol­tre il ral­ly nel­la vi­ta di Fa­bio An­dol­fi?

«Il ten­nis con gli ami­ci quan­do ca­pi­ta, un po’ di cal­cio che ho la­scia­to da ado­le­scen­te a cau­sa dell’am­bien­te. Ma il tem­po per me è po­co tra gli al­le­na­men­ti di cor­sa, bi­ci, pi­sci­na e ca­me­ra car. E poi c’è la sfe­ra pri­va­ta, ma quel­la è top se­cret».

La Peu­geot 208 R2B di An­dol­fi-Fe­no­li in azio­ne al Mon­te­car­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.