Az­zur­ri, nien­te Fran­cia il pe­ri­co­lo è la Gre­cia

Sor­teg­gi: al preo­lim­pi­co di To­ri­no tro­ve­ran­no an­che la Croa­zia

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Basket - Di An­drea Ba­roc­ci ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal­le ge­li­de “ma­ni­ne” di due ex pro­ta­go­ni­sti del no­stro cam­pio­na­to, Ne­ste­ro­vic e Gar­ba­jo­sa, è ar­ri­va­to il re­ga­lo più gran­de che la Na­zio­na­le po­tes­se spe­ra­re dai sor­teg­gi per il preo­lim­pi­co di To­ri­no (4-9 lu­glio): la te­mu­tis­si­ma Fran­cia di Par­ker è sta­ta spe­di­ta a Manila, in un torneo che pro­met­te gior­ni di fuo­co per chiun­que.

Tut­to è be­ne quel che fi­ni­sce be­ne dun­que? Cer­to, o me­glio spe­ria­mo. Per­ché la Moi­ra ha sì evi­ta­to agli az­zur­ri il ri­va­le più in­si­dio­so per ot­te­ne­re il pass olim­pi­co, ma fa­rà lo­ro tro­va­re al Pa­laI­so­za­ki un pa­io di squa­dre di as­so­lu­to ri­spet­to. Ogni preo­lim­pi­co è di­vi­so in due mi­ni­gi­ro­ni, le pri­me due di ognu­no an­dran­no al­le se­mi­fi­na­li (1ª A con­tro 2ª B e vi­ce­ver­sa), con la fi­na­le che as­se­gne­rà il po­sto per Rio. Eb­be­ne, nel gi­ro­ne B l’Ita­lia tro­va la ta­len­tuo­sa Croa­zia ol­tre al­la Tu­ni­sia. In quel­lo A, in­sie­me con Iran e Mes­si­co, c’è la Gre­cia. Che di si­cu­ro non è più quel­la di un tem­po, ed è mol­to me­no pe­ri­co­lo­sa dei fran­ce­si, pe­rò...

GRE­CIA. L’ad­dio al­la ma­glia na­zio­na­le di pi­la­stri co­me Bou­rou­sis, Zi­sis e so­prat­tut­to Spa­nou­lis, ge­nio del basket eu­ro­peo, po­treb­be trar­re in in­gan­no: il re­sto del­la squa­dra è com­po­sta da gen­te esper­ta, con ta­len­to e fi­si­co di pri­mo li­vel­lo: ba­sta pen­sa­re a Kou­fos, Prin­te­zis, Pa­pa­ni­ko­laou, Prin­te­zis. Ag­giun­ge­te­ci Gian­nis An­te­to­kounm­po, ala di 2,11 di Mil­wau­kee, un au­ten­ti­co fe­no­me­no del­la na­tu­ra (223 cen­ti­me­tri di aper­tu­ra brac­cia!) e avre­te un’idea del­la Gre­cia che ha chiu­so gli ul­ti­mi Eu­ro­pei al 5° po­sto, bat­tu­ta so­lo dal­la Spa­gna.

CROA­ZIA. I croa­ti agli Eu­ro­pei del 2015 han­no de­lu­so tut­ti. Que­sto non do­vreb­be trar­re in in­gan­no. Sto­ri­ca­men­te è una ri­va­le che ci ha sem­pre mes­so in dif­fi­col­tà. E po­trà con­ta­re non so­lo su To­mic (Bar­cel­lo­na, 2,17), Bog­da­no­vic, sul­la stel­li­na Sa­ric e il ti­ra­to­re dell’Ar­ma­ni Si­mon, ma sta­vol­ta an­che su La­fayet­te, il play di Mi­la­no che sal­tò l’ul­ti­ma ras­se­gna con­ti­nen­ta­le per in­for­tu­nio.

REA­ZIO­NI. « I sor­teg­gi - ha det­to il pre­si­den­te Fip Pe­truc­ci - non mi su­sci­ta­no mai stu­po­re o emo­zio­ne. Te­mia­mo tut­te ma tut­te de­vo­no te­me­re l’Ita­lia. Con i no­stri gio­ca­to­ri e il ct Mes­si­na pos­sia­mo so­gna­re».

E Mes­si­na? «Il sor­teg­gio col­pi­sce l’im­ma­gi­na­zio­ne per­ché i ti­fo­si te­me­va­no la Fran­cia co­me squa­dra spau­rac­chio. E’ ve­nu­to fuo­ri un gi­ro­ne equi­li­bra­to e con squa­dre for­ti. Se sa­re­mo pre­pa­ra­ti e de­ter­mi­na­ti po­tre­mo bat­ter­le e co­ro­na­re il so­gno di an­da­re al­le Olim­pia­di».

Cre­dia­mo nel ct: al di là dei tre NBA, Gal­li­na­ri, Be­li­nel­li e Bar­gna­ni, tan­ti al­tri az­zur­ri stan­no vi­ven­do una sta­gio­ne bel­lis­si­ma: Da­to­me al Fe­ner­ba­h­ce è di­ven­ta­to un uo­mo chia­ve per coach Obra­do­vic, Hac­kett è ri­na­to all’Olym­pia­cos, la cop­pia Vi­ta­li-Cu­sin sta fa­cen­do me­ra­vi­glie a Cremona. Una nuo­va spe­ran­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.