Si­vi­glia, si scal­da Llo­ren­te

Eme­ry lan­ce­rà l’ex bian­co­ne­ro, a ri­po­so con il Rayo

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - Di An­drea De Pau­li

L'in­fer­me­ria è an­co­ra af­fol­la­tis­si­ma e la squa­dra ha tutt'al­tro che ri­sol­to i pro­ble­mi le­ga­ti agli squi­li­bri tat­ti­ci e al­le ri­cor­ren­ti am­ne­sie che si ri­pre­sen­ta­no con scon­cer­tan­te pun­tua­li­tà, ma per lo me­no è ar­ri­va­ta fi­nal­men­te la pri­ma vit­to­ria in cam­pio­na­to con­tro il Rayo Val­le­ca­no. Un ot­ti­mo pun­to di par­ten­za per Unai Eme­ry, che co­sì può ri­fia­ta­re e pre­pa­ra­re con un mi­ni­mo di se­re­ni­tà in più la tra­sfer­ta Cham­pions del Ju­ven­tus Sta­dium, do­ve il Si­vi­glia, il 14 mag­gio del 2014, ha vin­to la pri­ma del­le due Eu­ro­pa Lea­gue con­se­cu­ti­ve con­qui­sta­te nell'ultimo bien­nio.

VO­GLIA D'EU­RO­PA. «Sia­mo de­ter­mi­na­ti a far be­ne in Cham­pions esat­ta­men­te co­me lo era­va­mo ne­gli an­ni pas­sa­ti, quan­do di­spu­ta­va­mo l'Eu­ro­pa Lea­gue», la di­chia­ra­zio­ne d'in­ten­ti del tec­ni­co ba­sco. «Ce la gio­chia­mo con l'in­ten­zio­ne di go­der­ci l'espe­rien­za e di con­fer­ma­re i mi­glio­ra­men­ti de­gli ul­ti­mi gior­ni». Due set­ti­ma­ne fa, l'esor­dio con un Bo­rus­sia Mon­chen­glad­ba­ch in pie­na cri­si ha re­ga­la­to la se­ra­ta più en­tu­sia­sman­te di que­sto com­pli­ca­to ini­zio gra­zie a un 3-0 sen­za sto­ria. Fa­vo­ri­to an­che dal­la cu­rio­sa cir­co­stan­za dei tre ri­go­ri a fa­vo­re, due dei qua­li tra­sfor­ma­ti, con­ces­si dal fi­schiet­to ce­co Pa­vel Krá­lo­vec. Ora è tem­po di con­fer­me, in un con­te­sto de­ci­sa­men­te più com­pli­ca­to. «La Ju­ven­tus l'an­no scor­so è ar­ri­va­ta se­con­da. È uno squa­dro­ne. An­che se sta sof­fren­do un po' in cam­pio­na­to, so­no si­cu­ro che in Cham­pions of­fri­rà un gran li­vel­lo».

IN AT­TE­SA DI LLO­REN­TE. In oc­ca­sio­ne dell'ul­ti­ma usci­ta, Eme­ry non ha po­tu­to con­ta­re sui va­ri Be­to, Car­riço, Ra­mi, Pa­re­ja, Ba­ne­ga e Ka­ku­ta. «Con­tro il Rayo sia­mo pas­sa­ti dal 2-0 al 2-2. Per for­tu­na sia­mo sta­ti bra­vi a rea­gi­re e a crea­re un buon nu­me­ro di oc­ca­sio­ni, fi­no al gol del­la vit­to­ria di Ko­no­plyan­ka, un ra­gaz­zo di enor­mi qua­li­tà». De­ci­sa­men­te più sem­pli­ce, al mo­men­to, l'am­bien­ta­men­to di Mar­co An­dreol­li, che com­pli­ce la mo­ria di cen­tra­li, ha già di­spu­ta­to quat­tro par­ti­te di Li­ga e una di Cham­pions tut­te da ap­plau­si. Qual­che pro­ble­ma in più, in­ve­ce, per Ci­ro Im­mo­bi­le e Fer­nan­do Llo­ren­te, in que­sto mo­men­to die­tro a Ga­mei­ro, a se­gno an­che sa­ba­to do­po il gol nell'ou­ver­tu­re di Cham­pions, net­ta­men­te in van­tag­gio per il ruo­lo di uni­co ter­mi­na­le of­fen­si­vo nel col­lau­da­to 4-2-3-1 dell'al­le­na­to­re ba­sco. «Fer­nan­do è re­du­ce da qual­che fa­sti­dio mu­sco­la­re e ho pre­fe­ri­to far­lo ri­fia­ta­re, an­che se lui si era det­to di­spo­ni­bi­le ad en­tra­re in cam­po in ca­so di im­pel­len­te ne­ces­si­tà».

DA STA­SE­RA DI CA­NIO GUI­DA “HOU­SE OF FOOT­BALL”

Da sta­se­ra - ap­pun­ta­men­to al­le ore 20 - Pao­lo Di Ca­nio pre­sen­ta “Hou­se of Foot­ball” su Fox Sports, pro­gram­ma di in­trat­te­ni­men­to sull’uni­ver­so del cal­cio in­gle­se.

Fer­nan­do Llo­ren­te, 30 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.