«PIÙ DI CO­SÌ NON PO­TE­VO RI­SCHIA­RE»

Va­le: «Ho pro­va­to di tut­to. L’ultimo at­tac­co? Da... mat­to. Ma Pe­dro­sa è sta­to più bra­vo»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Moto Gp Di Aragon - Di Pao­lo Sca­le­ra

Lo ha ab­brac­cia­to, a sfi­da con­clu­sa, co­me si può fa­re con un vec­chio ami­co do­po un'ami­che­vo­le a tennis. Ed è sta­to un bel mo­men­to di sport ve­de­re Va­len­ti­no Ros­si e Da­ni Pe­dro­sa con­gra­tu­lar­si l'un l'al­tro do­po uno dei più bei duel­li de­gli ul­ti­mi an­ni. Era già suc­ces­so nel pas­sa­to che i due si fos­se­ro scon­tra­ti, ma era sta­to sem­pre Va­len­ti­no a pre­va­le­re. Più cat­ti­vo ago­ni­sti­ca­men­te, più de­ter­mi­na­to ed an­che più pre­stan­te fi­si­ca­men­te del pic­co­lo Da­ni. Il Gran Pre­mio di Ara­gon è sta­to la vit­to­ria di Da­vi­de con­tro Go­lia. Un even­to inat­te­so.

«Da­ni og­gi è sta­to il più bra­vo - ha am­mes­so Ros­si - ho un po' di ama­ro in boc­ca per que­sta scon­fit­ta, ma ho gio­ca­to tut­te le car­te che ave­vo in ta­sca, e an­che qual­cu­na in più. Ho ca­pi­to che sa­reb­be sta­ta du­ra ave­re ra­gio­ne di Da­ni da quan­do mi ha re­sti­tui­to il pri­mo sor­pas­so. Quei 4 pun­ti di dif­fe­ren­za fra il ter­zo e il se­con­do po­sto sa­reb­be­ro sta­ti fon­da­men­ta­li, ma Pe­dro­sa era par­ti­co­lar­men­te ispi­ra­to».

Con­tra­ria­men­te al so­li­to, ad Ara­gon Va­len­ti­no ha at­tac­ca­to l'av­ver­sa­rio quan­do man­ca­va­no an­co­ra cin­que gi­ri al­la con­clu­sio­ne. For­se sa­reb­be sta­to me­glio la so­li­ta tat­ti­ca, sfrut­ta­re l'ef­fet­to sor­pre­sa? «Ci ho pen­sa­to, ma non ero si­cu­ro di po­ter­lo su­pe­ra­re con un so­lo affondo, co­sì ho pre­fe­ri­to far­lo pri­ma. Con­ta­vo di al­lun­ga­re e pren­de­re un po' di van­tag­gio, ma Da­ni ha re­pli­ca­to su­bi­to. Spe­ra­vo che ral­len­tas­se, che aves­se un ca­lo di gom­me, ma non è sta­to co­sì. Ho pro­va­to di tut­to e ho sof­fer­to di quel­lo che è sta­to il mio pro­ble­ma prin­ci­pa­le del fi­ne set­ti­ma­na: non ave­vo ab­ba­stan­za ve­lo­ci­tà in ret­ti­li­neo, la Hon­da era su­pe­rio­re, e poi Da­ni e più pic­co­lo e leg­ge­ro di me».

Il duel­lo ha te­nu­to il pad­dock e i ti­fo­si con il fia­to so­spe­so. «Il ri­sul­ta­to era im­por­tan­te per il cam­pio­na­to, co­sì ho ri­schia­to. So che lui è un pi­lo­ta cor­ret­to, co­sì mi so­no fi­da­to di lui. L'op­por­tu­ni­tà c'era, do­ve­vo pro­var­ci». Lo­ren­zo, com'era pre­ve­di­bi­le, è an­da­to su­bi­to in fu­ga e la ga­ra già al se­con­do gi­ro ha per­so Marc Mar­quez. «Non so se è sta­ta una co­sa po­si­ti­va o ne­ga­ti­va. Avreb­be po­tu­to ar­ri­va­re da­van­ti a Lo­ren­zo, è ve­ro, ma an­che non riu­scir­ci e ar­ri­va­re an­che lui da­van­ti a me».

No­ve pun­ti per­si in una so­la ga­ra, con quat­tro al­la fi­ne del cam­pio­na­to. C'è da do­man­dar­si con qua­le stra­te­gia af­fron­ta­re il com­pa­gno di squa­dra. «La stes­sa che ho te­nu­to ne­gli ul­ti­mi ven­ti an­ni - se la ri­de Va­len­ti­no Ros­si - Lo­ren­zo va for­te, ma a Mo­te­gi, Se­pang e Phil­lip Island io an­drò più for­te che qui ad Ara­gon. In fon­do su que­sta pi­sta non ho mai vin­to. Jor­ge sta gui­dan­do mol­to be­ne, vi­ci­no al­la per­fe­zio­ne, ma io so­no lì, com­pe­ti­ti­vo. In que­sto fi­ne set­ti­ma­na ho sba­glia­to so­lo nel­la FP4, sba­glian­do un as­set­to. Ho per­so un po' di tem­po, ma nel warm-up ab­bia­mo si­ste­ma­to be­ne

la mo­to e ho fat­to la mia mi­glio­re ga­ra qui».

L'ultimo at­tac­co è sta­to... «...da mat­to. Ma mi è qua­si riu­sci­to, poi al­la fi­ne so­no an­da­to ol­tre il cor­do­lo e a quel pun­to non c'era­no più pos­si­bi­li­tà di re­pli­ca».

«Ho sof­fer­to del pro­ble­ma di ini­zio week end, mi man­ca­va ve­lo­ci­tà in ret­ti­li­neo»

«Lo­ren­zo per­fet­to, da Mo­te­gi an­drò più for­te. Il suo squa­lo? Se gli pia­ce, uti­liz­zi pu­re quel di­se­gno»

Lo­ren­zo in par­co chiu­so ha mes­so la ma­no de­stra sul ca­sco, a mo’ di pin­na di squa­lo. «Non in­ten­de­vo of­fen­der­lo con quel di­se­gno a Mi­sa­no, ma se quel ca­sco con lo squa­lo e il pe­scio­li­no ros­so che scap­pa per non es­se­re man­gia­to gli è pia­ciu­to, può uti­liz­zar­lo nel­le pros­si­me ga­re».

Ri­de di­ver­ti­to, Ros­si. Del re­sto se non gli pia­ces­se­ro que­ste co­se non sa­reb­be an­co­ra qui a cor­re­re. «Ri­sul­ta­to a par­te, mi so­no di­ver­ti­to ve­ra­men­te tan­to. Pas­san­do sul ret­ti­li­neo ve­de­vo il car­tel­lo esposto dal mu­ret­to di Da­ni con il qua­le lo spro­na­va­no a es­se­re cat­ti­vo».

Sa­rà un Mon­dia­le da ri­cor­da­re. «E' il più du­ro che io ab­bia mai cor­so. Lo­ren­zo gui­da da pau­ra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.