Vet­tel al­la squa­dra: Scu­sa­te­mi

«So­no ter­zo ma avrei vo­lu­to re­si­ste­re da­van­ti a Ro­sberg»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Formula 1 - Di Ful­vio Solms di Mar­co Bel­li

Sin­ga­po­re qua­le, Sin­ga­po­re quan­do? Sin­ga­po­re una set­ti­ma­na fa, cer­to, an­che se il piat­tu­me di Su­zu­ka ha al­lon­ta­na­to quel suc­ces­so not­tur­no di Vet­tel nei ri­cor­di, ri­sta­bi­len­do lo sta­tus quo. E di­re che il ve­ner­dì di Su­zu­ka era sta­to pro­met­ten­te, con l’ac­quaz­zo­ne che ave­va co­stret­to le squa­dre a una cor­sa con­tro il tem­po per az­zar­da­re scel­te e as­set­ti in vi­sta di una ga­ra asciut­ta, qual è sta­ta quel­la di ie­ri.

E in­ve­ce: Ha­mil­ton si è pre­so la sua vit­to­ria, la Mer­ce­des la sua dop­piet­ta, Vet­tel il suo po­diet­to, Raik­ko­nen il suo piaz­za­men­to di so­ste­gno al team (quar­to). I pri­mi cin­que del­la clas­si­fi­ca in fla in­dia­na all’ar­ri­vo. Non sia­mo al de­si­de­rio di lan­cia­re una man­cia­ta di pun­ti­ne da di­se­gno in pi­sta, ma in­som­ma. Co­se bel­le o an­che in­te­res­san­ti, pe­rò, se ne so­no vi­ste.

LEWIS AYR­TON. Schu­ma­cher a Mon­za nel 2000 ave­va pian­to, rea­liz­zan­do di aver toc­ca­to il nu­me­ro di vit­to­rie del mi­ti­co Sen­na, qua­ran­tu­no. Ha­mil­ton è sta­to più fred­do nel­la rea­zio­ne, ma è riu­sci­to me­glio di Schu­mi a im­per­so­na­re il mi­ti­co bra­si­lia­no. Ie­ri lo ha ri­cor­da­to per la vo­ra­ci­tà con cui si è pre­so la pri­ma po­si­zio­ne strap­pan­do­la im­me­dia­ta­men­te do­po il via al com­pa­gno Ro­sberg, che era scat­ta­to dal­la po­le po­si­tion.

Ni­co non ha chiu­so del tut­to la por­ta: er­ro­re o fair play? Er­ro­re im­per­do­na­bi­le: non si con­se­gna l’ac­cen­di­no al can­ni­ba­le che te lo chie­de in pre­sti­to, so­prat­tut­to se sei nel pen­to­lo­ne. Sen­na - scu­sa­te, Ha­mil­ton - ha af­fian­ca­to Ro­sberg e lo ha ac­com­pa­gna­to con de­ci­sio­ne ver­so l’er­ba, pren­den­do­si la cur­va con atto d’im­pe­rio. «La tra­iet­to­ria in­ter­na era quel­la, quin­di era la mia cur­va», ha det­to co­sì. Era an­che la sua ga­ra, se è per que­sto è an­che il suo Mon­dia­le.

MI­STE­RO. E i due se­con­di smar­ri­ti dal­la Mer­ce­des a Sin­ga­po­re? Ri­tro­va­ti. E le Pi­rel­li che se­con­do Ha­mil­ton lì non an­da­va­no? «Fan­ta­sti­che», di­ce ora il pa­dro­ne del Mon­dia­le. «E’ che ab­bia­mo ca­pi­to co­sa lì non ave­va fun­zio­na­to», ha det­to To­to Wol­ff. Co­me ha al­lu­so un ti­po acu­to: se lo spie­gas­se sa­reb­be bel­lo... Ov­via­men­te nes­su­no chia­ri­rà nul­la e Sin­ga­po­re 2015 re­ste­rà tra i mi­ste­ri glo­rio­si del­la For­mu­la 1.

In­tan­to prendiamoci que­sto mi­glio­ra­men­to del­la Fer­ra­ri, ie­ri sem­pre più ve­lo­ce del­la Wil­liams e su un al­tro pia­no ri­spet­to a Red Bull, ine­si­sten­te su una pi­sta che chie­de mo­to­re. Pec­ca­to che Seb ab­bia per­so il se­con­do po­sto al se­con­do pit stop su­ben­do l’un­der­cut (fer­ma­ta an­ti­ci­pa­ta e suc­ces­si­vo gi­ro ve­lo­ce) di Ro­sberg. La SF15-T co­mun­que mi­glio­ra e ci so­no an­co­ra quat­tro get­to­ni di svi­lup­po da spen­de­re, men­tre la Mer­ce­des li ha esau­ri­ti. Mol­to in­te­res­san­te in vi­sta de­gli ul­ti­mi gran pre­mi, e del­le ba­si che si stan­no get­tan­do per la po­wer unit 2016.

L’OF­FE­SA. A pro­po­si­to di mo­to­ri, Alon­so an­co­ra una vol­ta ha usa­to la co­mu­ni­ca­zio­ne co­me una ka­ta­na, fa­cen­do­si sen­ti­re in mon­do­vi­sio­ne men­tre col to­no di “No Al­pi­tour? Ahi ahi ahi” di­ce­va via ra­dio: «Gp2, que­sto è un mo­to­re da Gp2». L’usci­ta, a Su­zu­ka e da­van­ti al­la li­nea di co­man­do del­la Hon­da, ha ri­cor­da­to il can­zo­na­to­rio «ge­ni» (o «sce­mi», cam­bia po­co) det­to al­la Fer­ra­ri nel cor­so del­le qua­li­fi­ca­zio­ni di Mon­za 2003, con i ver­ti­ci FCA e di Ma­ra­nel­lo ospi­ti nel box, e pu­re do­ta­ti di cuf­fia per ascol­ta­re i pi­lo­ti.

Alon­so ha poi rin­cu­la­to su Twit­ter con qual­che po­st, o al­me­no ci ha pro­va­to. Ron Den­nis, ca­po del­la McLa­ren con un pas­sa­to di amo­re e odio nei con­fron­ti di Fer­nan­do, ha scan­di­to: «Non c’era bi­so­gno di quel com­men­to. Ma­ga­ri l’ha fat­to per­ché ve­nis­se sen­ti­to da tut­ti. Non ci pas­se­rò so­pra ma non cri­ti­co in que­sta se­de il pi­lo­ta: ne par­le­re­mo a por­te chiu­se».

MA­NO­VRA SU­PER. C’è al­tro da se­gna­la­re e da sal­va­re. Il dop­pio sor­pas­so di Na­sr (Sau­ber) e Ver­stap­pen (To­ro Ros­so) al gi­ro 5 su But­ton, con l’obiet­ti­vo del­la 12ª po­si­zio­ne: il mi­no­ren­ne (an­co­ra per un gior­no, poi mer­co­le­dì fa­rà i di­ciott’an­ni) im­po­sta il sor­pas­so sul­la de­stra, Na­sr si but­ta sul­la si­ni­stra e con il van­tag­gio del­la tra­iet­to­ria lo tie­ne die­tro. Per in­qua­dra­re la ma­no­vra se non l’ave­te vi­sta: una mez­za rie­di­zio­ne po­ve­ra del sor­pas­so di Hak­ki­nen a Schu­mi sul dop­pia­to Zon­ta a Spa nel 2000.

Ora So­chi, tra due do­me­ni­che. Quel­li del­la Mer­ce­des con­ti­nua­no a di­re che tut­to pos­sa cam­bia­re ra­pi­da­men­te. Pec­ca­to che tal­vol­ta gli scap­pi da ri­de­re. Un po­dio die­tro al­le Mer­ce­des vo­lan­ti non è da but­ta­re via. Se­ba­stian Vet­tel lo sa e, an­che se spe­ra­va di met­te­re la sua mo­no­po­sto un po' più avan­ti, ha sor­ri­so: «Ci so­no mil­le ra­gio­ni per es­se­re fe­li­ci per il ter­zo po­sto - ha det­to il fer­ra­ri­sta - Al se­con­do pit sia­mo ri­ma­sti sor­pre­si dal gi­ro di usci­ta di Ro­sberg, pen­sa­va­mo di ave­re un mar­gi­ne suf­fi­cien­te e al­la fi­ne un po' ti di­spia­ce, per­ché se aves­si­mo po­tu­to re­si­ste­re al se­con­do po­sto per lui sa­reb­be sta­to dif­fi­ci­le sor­pas­sa­re, ma la Mer­ce­des era più ve­lo­ce e me­ri­ta­va di sta­re da­van­ti. Tut­ta­via ter­zo e quar­to è un gran­de ri­sul­ta­to per la squa­dra».

Il fer­ra­ri­sta, ta­glia­to il tra­guar­do, si è scu­sa­to via ra­dio con la squa­dra: «So­no an­da­to al li­mi­te, non ho po­tu­to fa­re di più e mi scu­so per non es­se­re ar­ri­va­to su un gra­di­no più al­to», ma una vol­ta lì in al­to ha det­to che «è sta­to gran­dio­so tor­na­re qui, a Su­zu­ka, sul po­dio: que­sta è la mia ga­ra pre­fe­ri­ta. Nel com­ples­so è sta­ta una ga­ra com­bat­tu­ta. Sia­mo sul­la stra­da giu­sta, è an­da­ta me­glio di quan­to ci aspet­tas­si­mo. E per il re­sto del Mon­dia­le la tat­ti­ca è so­lo una: at­tac­ca­re al mas­si­mo».

Ki­mi Raik­ko­nen ha sot­to­li­nea­to che «è sta­to fat­to il mas­si­mo, te­nen­do con­to del­la

Mer­ce­des tor­na a gui­da­re i gio­chi La Ros­sa mi­glio­ra e Vet­tel è an­co­ra sul po­dio, poi Ki­mi

Alon­so umi­lia la Hon­da: «Mo­to­re da Gp2». Den­nis: «Ha sba­glia­to, non ci pas­se­rò so­pra»

HA­MIL­TON

Ba­na­le la ga­ra e pre­ve­di­bi­le il mi­glio­re, in as­sen­za di sin­go­li epi­so­di par­ti­co­lar­men­te de­gni di lo­de. Lewis, du­ro co­me il tung­ste­no, si man­gia Ro­sberg (par­ti­to dal­la po­le) al pri­mo cur­vo­ne, chiu­den­do su­bi­to la pra­ti­ca. Per vo­ra­ci­tà ri­cor­da Sen­na, dav­ve­ro.

ALON­SO

Non si mortifica in mon­do­vi­sio­ne chi ti dà il pa­ne, e non se ne com­pra po­co con 30 mi­lio­ni an­nui. Quel «mo­to­re da Gp2» det­to a Su­zu­ka in fac­cia ai ver­ti­ci Hon­da, è pro­fon­da­men­te umi­lian­te. As­sur­do, co­me se il pi­lo­ta vo­les­se far­si cac­cia­re… ops. po­si­zio­ne di par­ten­za (se­sto, ndr). La mac­chi­na an­da­va be­ne ed era­va­mo ve­lo­ci ma su un cir­cui­to co­me que­sto, quan­do sei bloc­ca­to die­tro ad al­tre vet­tu­re, è sem­pre dif­fi­ci­le su­pe­ra­re - ha spie­ga­to il fin­lan­de­se - Al pit stop ab­bia­mo fat­to un buon la­vo­ro per­ché sia­mo riu­sci­ti a usci­re da­van­ti a Bot­tas. Non cre­do che avrem­mo po­tu­to fa­re mol­to di più. C'è an­co­ra del la­vo­ro da fa­re, ma stia­mo an­dan­do nel­la di­re­zio­ne giu­sta. Ov­via­men­te vor­rem­mo sem­pre es­se­re da­van­ti, ma è sta­to fat­to un buon la­vo­ro. Ora con­ti­nue­re­mo a cer­ca­re di fa­re pro­gres­si e mi­glio­ra­re».

«Quan­do non si vin­ce non si può mai es­se­re del tut­to con­ten­ti - ha os­ser­va­to il team prin­ci­pal del­la Fer­ra­ri, Mau­ri­zio Ar­ri­va­be­ne - Pe­rò pen­so che il ri­sul­ta­to non deb­ba es­se­re mes­so a con­fron­to con quel­lo di Sin­ga­po­re, ma piut­to­sto con Sil­ver­sto­ne, pi­sta che ha ca­rat­te­ri­sti­che si­mi­li a quel­le di Su­zu­ka. Se ri­pen­sia­mo al Gp di Gran Bre­ta­gna, ve­dia­mo che il di­va­rio che ave­va­mo al­lo­ra dai no­stri prin­ci­pa­li av­ver­sa­ri si è ri­dot­to. E ciò si­gni­fi­ca che c'è sta­to un gran­de svi­lup­po in tut­ti i set­to­ri, a ini­zia­re dal­la mo­to­riz­za­zio­ne». Con­clu­so a Mi­sa­no il fre­ne­ti­co set­tem­bre de­gli Aci Ra­cing Wee­kend, in pi­sta per quat­tro fi­ne set­ti­ma­na con­se­cu­ti­vi, in più con l'ob­bli­go di re­cu­pe­ra­re le ga­re sop­pres­se per piog­gia a Val­le­lun­ga. Ben 16 quin­di le cor­se. La più im­por­tan­te ie­ri è sta­ta ga­ra2 GT, do­ve nel­la GT3 han­no fat­to cen­tro Ma­pel­li-Ami­ci (Au­di R8 LMS) da­van­ti al­le Fer­ra­ri di Schi­ròBer­ton e Mu­gel­li-Di Ama­to. Pri­ma dell'ultimo ap­pun­ta­men­to del Mu­gel­lo quat­tro equi­pag­gi rac­chiu­si in 9 pun­ti, con Gat­tu­so in te­sta. Nel­la GT Cup vit­to­ria per Mai­no-Sel­va (Por­sche) da­van­ti a Va­lo­ri e ai fra­tel­li Pa­sto­rel­li. Tu­ri­smo En­du­ran­ce nel se­gno di Va­len­ti­na Al­ba­ne­se (Seat), ora in te­sta al­la clas­si­fi­ca as­so­lu­ta, che ha do­mi­na­to in ga­ra2 e ga­ra3, re­cu­pe­ro del­la "non cor­sa" di Val­le­lun­ga. Con due ter­zi po­sti,

AN­SA

Doc­cia di cham­pa­gne sul po­dio per Vet­tel

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.