E In­si­gne si fa per­do­na­re con le piz­zet­te

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - NAPOLI - Di Fa­bio Man­da­ri­ni NA­PO­LI fa.ma.

Lui, il tri­den­te e il tre­quar­ti­sta: ov­ve­ro, sto­rie di un cam­bio tat­ti­co. «All'ini­zio non ho det­to nul­la, ma poi chie­si di con­vin­ce­re Sar­ri a pas­sa­re al 4-3-3». Au­re­lio De Lau­ren­tiis è in ve­na di retroscena: tat­ti­ci e non so­lo. «Non vor­rei pu­nir­li, ma cre­do che In­si­gne e Mer­tens sa­ran­no mul­ta­ti».

LE RE­GO­LE. E al­lo­ra, ser­vi­zio com­ple­to: dal pas­sa­to al fu­tu­ro, at­tra­ver­so un pre­sen­te fat­to di so­gni, vit­to­rie e pic­co­li ca­si. Ti­po le rea­zio­ni po­le­mi­che dei due at­tac­can­ti con il Pa­ler­mo, in oc­ca­sio­ne del­la so­sti­tu­zio­ne e del gol: il pre­si­den­te non ri­spar­mia nul­la, ai mi­cro­fo­ni di Ra­dio 24. «Mi fa pia­ce­re che In­si­gne e Mer­tens si sia­no scal­da­ti, di­mo­stra­no at­tac­ca­men­to al­la ma­glia e gran­de vo­glia di gio­ca­re sem­pre». Per­do­na­ti? «Ho chie­sto di non pu­nir­li, ma per re­go­la­men­to in­ter­no cre­do che sa­ran­no mul­ta­ti». CAM­BIO MO­DU­LO. De­ci­sa­men­te in­te­res­san­te è an­che il di­scor­so del­la me­ta­mor­fo­si del Na­po­li. Un ci­clo­ne da quan­do è co­min­cia­ta l'era del tri­den­te: «So­no mol­to ri­spet­to­so dei ruo­li». La pre­mes­sa è que­sta: «Sar­ri vo­le­va un tre­quar­ti­sta per gio­ca­re con il 4-3-2-1, un mo­du­lo che mi pre­oc­cu­pa­va mol­to vi­sto che ave­va­mo sei at­tac­can­ti for­ti, e in­fat­ti m'in­ci­ta­va a pren­de­re Sa­po­na­ra. All'ini­zio non ho det­to nul­la, ma do­po due pa­reg­gi ho chia­ma­to Giun­to­li spie­gan­do­gli di non vo­ler in­ter­ve­ni­re per­so­nal­men­te ma di far ca­pi­re a Sar­ri di pro­va­re con il 4-3-3. Lui mi ri­spo­se che glie­lo sta­va già di­cen­do e io ag­giun­si: “De­vi con­vin­cer­lo”. Al­la pri­ma par­ti­ta con il nuo­vo mo­du­lo ab­bia­mo vin­to 5-0».

IL SO­GNO. Ine­vi­ta­bi­le, con­si­de­ran­do la mar­cia az­zur­ra, è una cer­ta do­man­da: «Na­po­li fa­vo­ri­to per lo scu­det­to? Beh, po­te­te im­ma­gi­na­re co­sa stia fa­cen­do ora?». Sca­ra­man­zie, sì. Cam­bio in cor­sa: è lot­ta a due con la Ro­ma?«Se Sar­ri con­ti­nue­rà a pre­pa­ra­re la squa­dra in ma­nie­ra co­sì me­ti­co­lo­sa, com'è nel­le sue ca­pa­ci­tà, cre­do che avre­mo mol­te op­por­tu­ni­tà di lot­ta­re ga­ra do­po ga­ra fi­no in fon­do. Io pe­rò non pro­nun­cio pa­ro­li­ne ma­gi­che: i ra­gaz­zi de­vo­no es­se­re ca­ri­ca­ti a pal­let­to­ni, non pos­sia­mo già far­gli ve­de­re l'obiet­ti­vo all'oriz­zon­te».

MAU­RI­ZIO E RA­FA. E' a fuo­co, in­ve­ce, il pa­ral­le­li­smo con Be­ni­tez: «Sar­ri è più tec­ni­co di Ra­fa da un pun­to di vi­sta del­la pra­ti­ca: sa ave­re un rap­por­to con i cal­cia­to­ri e sa spie­ga­re co­sa vuo­le. Be­ni­tez in­ve­ce è più un teo­ri­co: cer­ca di non di­stur­ba­re mai l'am­bien­te del­lo spogliatoio». E an­co­ra: «Sar­ri mi ha con­qui­sta­to per­ché mo­ri­va dal­la vo­glia di ve­ni­re a Na­po­li. E' un esem­pio di la­vo­ro e de­di­zio­ne: co­min­ciai a stu­diar­lo do­po il 4-0 di Em­po­li, ma se­gui­vo già la squa­dra: m'in­te­res­sa­va­no Hy­saj e Val­di­fio­ri». A pro­po­si­to di mer­ca­to. «Por­ta­re il Pi­pi­ta a Na­po­li è sta­ta una no­stra in­tui­zio­ne: Be­ni­tez vo­le­va Lean­dro Da­miao, ma do­po aver in­con­tra­to il suo agen­te fui pre­so dai dub­bi e vo­lai a Ma­drid per ca­pi­re le pos­si­bi­li­tà di pren­de­re il Pi­pi­ta. L'ac­cor­do con la fa­mi­glia Hi­guain, im­pec­ca­bi­le e straor­di­na­ria, fu ra­pi­do: lui è lea­le e tra­spa­ren­te. E a Na­po­li è fe­li­ce». Come Rei­na: «Con il suo pro­cu­ra­to­re, un an­no fa, non ci sia­mo ca­pi­ti: ab­bia­mo ri­me­dia­to que­st'an­no». NA­PO­LI - Il pre­si­den­te an­nun­cia prov­ve­di­men­ti, per que­stio­ni di co­di­ce da spogliatoio, ma In­si­gne rad­dop­pia: pri­ma del­la mul­ta, pa­ga piz­zet­te per tut­ti. Ge­sto mol­to di­sten­si­vo, quel­lo di cui si è re­so pro­ta­go­ni­sta ie­ri Lo­ren­zi­no: al­la ri­pre­sa de­gli al­le­na­men­ti, do­po la gior­na­ta di ri­po­so con­ces­sa da Sar­ri, il gio­iel­lo az­zur­ro ha of­fer­to le piz­zet­te al­la squa­dra. Mer­co­le­dì il tec­ni­co lo ave­va bac­chet­ta­to per la rea­zio­ne po­le­mi­ca al­la so­sti­tu­zio­ne - «Ha man­ca­to di ri­spet­to ai com­pa­gni» - e lui ha ri­spo­sto fa­cen­do grup­po. Sia In­si­gne sia Mer­tens, co­mun­que, re­sta­no in at­te­sa: ie­ri han­no par­la­to con Sar­ri e poi con Giun­to­li, ma la mul­ta non è an­co­ra sta­ta com­mi­na­ta.

«In­si­gne e Mer­tens ten­go­no al­la ma­glia e si so­no scal­da­ti ma cre­do che sa­ran­no mul­ta­ti»

«Sar­ri più tec­ni­co di Be­ni­tez. Hi­guain l’ho pre­so io: Ra­fa mi ave­va chie­sto Lean­dro Da­miao»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.