Pa­sto­rel­lo: Pe­pi­to Ros­si fa­reb­be be­ne a cam­bia­re

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Da Prima Pagina - Di Fran­ce­sco Gen­si­ni

C’è un gio­ca­to­re che tut­ti i gior­ni è sul mer­ca­to ma che in real­tà sul mer­ca­to non c’è mai sta­to e, se di­pen­des­se so­lo dal­la Fio­ren­ti­na, non ci an­dreb­be per al­me­no due o tre an­ni. Quel gio­ca­to­re è Ma­tias Ve­ci­no, 24 an­ni, uru­gua­ya­no, cen­tro­cam­pi­sta cen­tra­le del­la squa­dra di Pau­lo Sou­sa. Lo vuo­le il Na­po­li, o me­glio, lo vuo­le Sar­ri che a Em­po­li l’ha fat­to di­ven­ta­re gio­ca­to­re nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la. Lo vuo­le l’Atle­ti­co Madrid per­ché il suo ti­po di cal­cio si ad­di­ce al pen­sie­ro di Si­meo­ne. Lo vo­glio­no in In­ghil­ter­ra per una ra­gio­ne si­mi­le: uni­sce qua­li­tà e for­za atle­ti­ca nel­la mi­su­ra adat­ta al­la Pre­mier. La sua sta­gio­ne, per chi lo ha vi­sto nell’Em­po­li, non è sor­pren­den­te. Che fos­se un cen­tro­cam­pi­sta com­ple­to si ve­de­va be­ne nel­la squa­dra di Sar­ri. Sem­mai han­no sor­pre­so la ca­pa­ci­tà e la ra­pi­di­tà con cui Ve­ci­no ha cam­bia­to gio­co. L’Em­po­li si muo­ve­va col rom­bo, con Val­di­fio­ri re­gi­sta ar­re­tra­to, con Ve­ci­no e Cro­ce in­ter­ni sem­pre pron­ti a spin­ger­si al­me­no fi­no al li­mi­te dell’area av­ver­sa­ria, e con Sa­po­na­ra tre­quar­ti­sta. L’uru­gua­ya­no gio­ca­va in ver­ti­ca­le ed era­no co­sì per­fet­ti i mec­ca­ni­smi di quel­la squa­dra che sa­pe­vi sem­pre do­ve si sa­reb­be mes­so. La Fio­ren­ti­na gio­ca in mo­do di­ver­so, e so­prat­tut­to è Ve­ci­no a gio­ca­re in una po­si­zio­ne e con com­pi­ti di­ver­si. Ora va in oriz­zon­ta­le, di­fen­de, co­pre e ri­lan­cia, men­tre pri­ma era lui il... lan­cia­to da Val­di­fio­ri.

IL RI­FE­RI­MEN­TO. E’ un cam­bia­men­to so­stan­zia­le a cui l’ex em­po­le­se si è ade­gua­to sen­za per­de­re tem­po. Sou­sa ha im­pie­ga­to un pa­io di par­ti­te pri­ma di af­fi­dar­gli il cen­tro­cam­po insieme a Ba­de­lj. Ve­ci­no è ri­ma­sto in pan­chi­na al­la pri­ma con­tro il Milan e al­la se­con­da a Esi­ste un caso-Ros­si. Soft, sfu­ma­to. E nes­su­no vuo­le ar­ri­va­re al pun­to che di­ven­ti caso ve­ro per mil­le mo­ti­vi. Uno su tut­ti: per quel­lo che il ta­len­to ita­lo-ame­ri­ca­no è sta­to e i ti­fo­si spe­ra­no tor­ne­rà ad es­se­re per la Fio­ren­ti­na. In at­te­sa che a fa­re chia­rez­za sia Pe­pi­to, ci pro­va An­drea Pa­sto­rel­lo che di Ros­si è il pro­cu­ra­to­re. «Giu­sep­pe - af­fer­ma - non vor­reb­be la­scia­re la Fio­ren­ti­na, ma vor­reb­be gio­ca­re con con­ti­nui­tà; la Fio­ren­ti­na non vor­reb­be pri­var­si di Giu­sep­pe, ma non gli ga­ran­ti­sce di gio­ca­re con con­ti­nui­tà: i ter­mi­ni so­no que­sti, nien­te di più e nien­te di me­no, per cui stia­mo cer­can­do un pun­to co­mu­ne d'ac­cor­do in pie­na sin­to­nia, sen­za la mi­ni­ma ten­sio­ne co­me in­ve­ce ho let­to e sen­ti­to ci sa-

reb­be. Con la so­cie­tà c'è un ot­ti­mo rap­por­to».

AMI­CI CO­ME PRI­MA. Po­chi dub­bi, pe­rò, che le stra­de sia­no de­sti­na­te a se­pa­rar­si al­me­no fi­no a giu­gno se i ter­mi­ni non cam­bia­no al­la vo­ce "gio­ca­re". «Co­me agen­te di Ros­si non pos­so che dar­gli un con­si­glio: vai a gio­ca­re al­tro­ve, al­tri­men­ti la ge­stio­ne può di­ven­ta­re pro­ble­ma­ti­ca. Qui si sta par­lan­do di un fat­to og­get­ti­vo, per­ché i da­ti so­no chia­ri: Ros­si è sta­to im­pie­ga­to po­co e sal­tua­ria­men­te, quin­di si tor­na al pun­to di par­ten­za. Per gio­ca­re di più ser­ve un club che gli dia fi­du­cia». Mar­gi­ni per­ché ciò av­ven­ga an­co­ra a Fi­ren­ze? «Mio fra­tel­lo può di­re tut­te le vol­te che vuo­le che Ros­si se ne va al 99 per cen­to, ma al mo­men­to Ros­si è un cal­cia­to­re del­la Fio­ren­ti­na a tut­ti gli ef­fet­ti. Det­to que­sto, di "aper­tu­re" non ne ho vi­ste da un me­se a que­sta par­te. In­ten­dia­mo­ci: non mi per­met­to di di­scu­te­re le scel­te del­la Fio­ren­ti­na, né tan­to me­no quel­le dell'al­le­na­to­re. Pau­lo Sou­sa tra l'al­tro sta fa­cen­do mol­to be­ne al­la gui­da del­la squa­dra vio­la, ma di­rei le stes­se co­se an­che se i ri­sul­ta­ti fos­se­ro di­ver­si: so­lo che lui fa le pro­prie le va­lu­ta­zio­ni, Ros­si le sue». Pre­sti­to sec­co, pre­sti­to con di­rit­to di ri­scat­to, osta­co­lo-in­gag­gio, ces­sio­ne de­fi­ni­ti­va: so­no mil­le le sfac­cet­ta­tu­re da af­fron­ta­re. «Il mer­ca­to non è nep­pu­re ini­zia­to e per ora so­no sta­te so­lo chiac­chie­re. Se e quan­do ci sa­rà qual­co­sa di con­cre­to, tro­ve­re­mo la so­lu­zio­ne ido­nea. Spa­gna, In­ghil­ter­ra, Ita­lia, an­co­ra Fio­ren­ti­na per­ché no? Va tut­to be­ne. Ba­sta che Giu­sep­pe ven­ga mes­so nel­le con­di­zio­ni di espri­me­re le qua­li­tà che ha».

AT­TE­SA LI­SAN­DRO. Se Ros­si se ne an­drà, sa­rà in­se­ri­to un nuo­vo at­tac­can­te nel grup­po di Pau­lo Sou­sa e quel­lo che pia­ce più di tut­ti da og­gi è Go­mez dell’Ata­lan­ta: pia­ce ma co­sta tan­to e co­sì la Fio­ren­ti­na sta cer­can­do va­rie for­mu­le per ab­bas­sa­re il prez­zo del car­tel­li­no, com­pre­sa quel­la di in­se­ri­re Re­bic su­bi­to e un pa­io di gio­va­ni l’esta­te pros­si­ma. Ma l’at­tac­can­te non è una prio­ri­tà an­che se dai me­dia sviz­ze­ri ar­ri­va l’in­te­res­se del­la Fio­ren­ti­na per Sh­kel­zen Ga­shi, 27 an­ni, al­ba­ne­se che Pau­lo Sou­sa ha già avu­to nel Ba­si­lea, men­tre lo so­no il di­fen­so­re cen­tra­le e, a se­gui­re, il cen­tro­cam­pi­sta: in en­tram­bi i ca­si si se­gui­ran­no le in­di­ca­zio­ni del tec­ni­co lu­si­ta­no. Li­san­dro Lo­pez era e re­sta l’obiet­ti­vo prin­ci­pa­le per il re­par­to ar­re­tra­to con l’ar­gen­ti­no stes­so pre­zio­so al­lea­to, ma la trat­ta­ti­va at­tual­men­te è in fa­se di (vo­lu­to) stal­lo: 8 mi­lio­ni chie­de il Ben­fi­ca, 5 ne of­fro­no i Del­la Val­le.

A cu­ra di Ame­deo Pa­io­li

SESTINI

Giu­sep­pe Ros­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.