LE REA­ZIO­NI «Un’in­chie­sta pa­ri al nul­la»

De Lau­ren­tiis: Vec­chia, in­com­men­ta­bi­le. Per il Na­po­li è fuf­fa

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Il Fatto Del Giorno - Di Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re

Au­re­lio De Lau­ren­tiis non ci sta. Non cer­ca nem­me­no la die­tro­lo­gia spic­cio­la, che per la ve­ri­tà non gli ap­par­tie­ne pro­prio. Quan­do ter­mi­na al ci­ne­ma Sa­voy di Ro­ma, la con­fe­ren­za stam­pa suc­ces­si­va al­la proiezione del nuo­vo film “L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa”, con la re­gia di Car­lo Ver­do­ne che lo in­ter­pre­ta as­sie­me ad An­to­nio Al­ba­ne­se, vor­reb­be con­ti­nua­re a par­la­re di ci­ne­ma tan­to è che sce­glie di ri­spon­de­re con il sor­ri­so e ba­sta, sen­za commento, al­le do­man­de sul suo Na­po­li:per far ca­pi­re che non è aria. La fa­rà gros­sa an­che il Na­po­li il 15 mag­gio, ma­ga­ri re­ga­lan­do­si un nuo­vo so­gno 26 an­ni do­po? Ghi­gno. Ham­sik e Hi­guain fuo­ri­clas­se co­me Ver­do­ne e Al­ba­ne­se? Con­tro­ghi­gno. Ma qual­co­sa me­ri­ta una ec­ce­zio­ne. Per far sen­ti­re la sua, in po­che ma sen­ti­te pa­ro­le. L’in­chie­sta che è esplo­sa nel­la mat­ti­na­ta di ie­ri, quel­la che lo ve­de den­tro l’elen­co dei 64 coin­vol­ti in Fuo­ri­gio­co. Il pre­si­den­te del Na­po­li si ir­ri­gi­di­sce: «Una in­chie­sta vec­chia, di mol­ti an­ni fa. La de­fi- ni­rei in­com­men­ta­bi­le». Può es­se­re che se­gua il cla­mo­re del ca­so Sar­ri-Man­ci­ni per de­sta­bi­liz­za­re il Na­po­li pri­mo? Qui il ghi­gno di De Lau­ren­tiis è di­ver­so, è una smor­fia che vuo­le di­re “mac­ché...”. Nien­te stru­men­ta­liz­za­zio­ni. nean­che al con­tra­rio. «Que­sta in­chie­sta non ri­guar­da il Na­po­li, ma di­ver­se so­cie­tà. E’ una ca­vo­la­ta che i mez­zi di in­for­ma­zio­ne e la Pro­cu­ra di Na­po­li ali­men­ta­no».

L’AF­FON­DO. Le do­man­de in­cal­za­no, sul­la po­si­zio­ne del Na­po­li e sul­la sua. De Lau­ren­tiis in­ce­de len­to, ri­flet­te: « Ri­pe- to, stia­mo par­lan­do del nul­la, per il Na­po­li si trat­ta di ve­ra e pro­pria fuf­fa. Non ho vi­sto le car­te e quin­di non pos­so par­la­re per gli al­tri. Ma per il Na­po­li sì». E lui, il pre­si­den­te, si sen­te tran­quil­lo? L’oc­chio chia­ro di­ven­ta un la­ser ver­so i cro­ni­sti: « Io? Su­per­tran­quil­lo». Al­tro da di­re non c’è, De Lau­ren­tiis scen­de le sca­le del Sa­voy ed esce su via Ber­ga­mo ri­gua­da­gna­no la cit­tà e il so­le che la ac­cen­de. Nel buio di un al­tro scan­da­lo del cal­cio lui e il Na­po­li non vo­glio­no en­tra­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.