Un in­ve­sti­ga­to­re e un at­to­re fal­li­ti si tro­va­no den­tro una com­me­dia noir E da una va­li­get­ta...

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Speciale «l’abbiamo Fatta Grossa» Svela La Sintoni - Di Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re RO­MA

L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa... Chi? Di si­cu­ro Car­lo Ver­do­ne e An­to­nio Al­ba­ne­se nei pan­ni di Ar­tu­ro Mer­li­no e Yu­ri Pe­la­gat­ti nel film che da do­ma­ni sa­rà in tut­te le sa­le (cir­ca 850) e ie­ri è sta­to pre­sen­ta­to al Sa­voy di Ro­ma. Ma l’han­no fat­ta gros­sa e be­ne an­che la Fil­mau­ro con Au­re­lio e Lui­gi De Lau­ren­tiis, che pro­du­co­no per la pri­ma vol­ta una cop­pia ca­pa­ce di... apri­re un ci­clo co­me si di­reb­be mu­tuan­do il lin­guag­gio del cal­cio, ca­ro al pre­si­den­te del Na­po­li. Con Car­lo Ver­do­ne il le­ga­me è sto­ri­co, co­sì co­me con lo sce­neg­gia­to­re Pa­squa­le Pla­sti­no, af­fian­ca­to in que­sta av­ven­tu­ra da Mas­si­mo Gau­dio­so. Ma per­ché l’han­no fat­ta gros­sa? La sto­ria - un noir in chia­ve co­mi­ca, de­fi­ni­zio­ne pro­po­sta al re­gi­sta e at­to­re del film, Car­lo Ver­do­ne, che l’ha spo­sa­ta in to­to nel­la con­fe­ren­za stam­pa po­st proiezione - fa in­con­tra­re Ar­tu­ro e Yu­ri che, at­to­re di­soc­cu­pa­to, an­gu­stia­to da scel­te sba­glia­te, se­pa­ra­to dal­la mo­glie del­la qua­le non ac­cet­ta la nuo­va re­la­zio­ne, è con­vin­to di aver tro­va­to un in­ve­sti­ga­to­re con i con­tro­fioc­chi per far­la pe­di­na­re. Ma Ar­tu­ro è un in­ve­sti­ga­to­re squat­tri­na­to che vi­ve e la­vo­ra in ca­sa di una zia ve­do­va la qua­le è con­vin­ta che il ma­ri­to sia an­co­ra vi­vo: Mer­li­no-Ver­do­ne leg­ge li­bri sull’au­to­sti­ma, e scri­ve im­pro­ba­bi­li racconti su uno 007 in­ter­na­zio­na­le al­le pre­se con ca­si scot­tan­ti, im­ma­gi­nan­do for­se quel che avreb­be vo­lu­to es­se­re. Co­min­cia co­sì una se­rie di av­ven­tu­re ro­cam­bo­le­sche e di­ver­ten­ti, in cui Ver­do­ne a Al­ba­ne­se met­to­no la lo­ro ci­fra. Il pri­mo pe­di­na­men­to con in­ter­cet­ta­zio­ne pro­du­ce il gran­de ma­lin­te­so che por­te­rà la stra­na cop­pia ad im­pos­ses­sar­si di una va­li­get­ta sba­glia­ta e scot­tan­te da 1 mi­lio­ni di eu­ro. Quei sol­di di­ven­ta­no la gran­de ten-

De Lau­ren­tiis: «L’obiet­ti­vo re­sta pia­ce­re al pub­bli­co In­sie­me a Car­lo ci rie­sce dal 2004»

ta­zio­ne dei due “di­spe­ra­ti” e an­che il lo­ro più gran­de gua­io. La com­me­dia si tin­ge di noir e di un ve­lo di su­spen­ce. Quel mi­lio­ne, che fi­ni­rà in mi­ni­ma par­te spe­so dai due e per il re­sto nel­la fo­de­ra del cap­pot­to del­lo zio di Ar­tu­ro - con­ser­va­to da zia Eli­de co­me una re­li­quia - ap­par­tie­ne a lo­schi gi­ri di un fac­cen­die­re, che li fa­rà cer­ca­re dai suoi... sca­gnoz­zi. Pas­se­rà i guai an­che Le­na - l’ul­ti- ma in­ven­zio­ne al fem­mi­ni­le di Ver­do­ne, can­tan­te li­ri­ca ar­me­na di chia­ra fa­ma lan­cia­ta per la pri­ma vol­ta nel ci­ne­ma - che è la com­pa­gna di Ar­tu­ro, mi­nac­cia­ta per po­ter ar­ri­va­re a quei sol­di. La com­me­dia si con­su­ma nei duet­ti esi­la­ran­ti del­la cop­pia Ver­do­ne-Al­ba­ne­se, che “stran­go­la­ta” dal­la de­ter­mi­na­zio­ne del fac­cen­die­re, do­vrà re­sti­tui­re quel­la som­ma. Ma il cap­pot­to del­lo zio è fi­ni- to in be­ne­fi­cen­za al­la chie­sa e da lì par­ti­rà un in­se­gui­men­to per re­cu­pe­rar­lo. La ve­ri­tà co­ste­rà ca­ra a Ar­tu­ro e Yu­ri e dal car­ce­re ri­tro­ve­ran­no il fac­cen­die­re in nuo­vi pan­ni...

AMI­CI. L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa? L’ab­bia­mo fat­to, in­tan­to, bel­lo. Per­ché la cop­pia Ver­do­neAl­ba­ne­se fun­zio­na ed è ro­da­ta co­me se an­das­se avan­ti da una vi­ta. Tan­to che... «Se il pub- La lo­can­di­na del film

bli­co ri­spon­de­rà be­ne io e An­to­nio ab­bia­mo già una idea su co­sa fa­re tra due an­ni. E’ tra i mi­glio­ri, an­zi il mi­glio­re con cui ho la­vo­ra­to. E tra noi è na­ta una ami­ci­zia ve­ra, che è pas­sa­ta at­tra­ver­so le pas­sio­ni co­mu­ni per la mu­si­ca e l’ar­te» di­ce un tra­spor­ta­tis­si­mo Ver­do­ne. «Con Car­lo ci era­va­mo tro­va­ti in un ca­meo che fe­ce den­tro il film Que­stio­ni di cuo­re del­la Ar­chi­bu­gi. Ho ap­prez­za­to tut­to il grup­po di la­vo­ro - tra gli al­tri Mas­si­mo Po­po­li­zio, il fac­cen­die­re che nel ca­st è cu­rio­sa­men­te eti­chet­ta­to co­me “Uo­mo Ele­gan­te”, e Clo­til­de Sa­ba­ti­no nel ruo­lo di Carla, la mo­glie se­pa­ra­ta da Yu­ri - e mol­to la fi­du­cia re­ci­pro­ca tra noi due. Mi pia­ce­reb­be tor­na­re a la­vo­ra­re in­sie­me». Al­ba­ne­se ri­spon­de all’in­vi­to di Ver­do­ne co­sì. E Car­lo tor­na sul film: «Ci ve­de­te una at­mo­sfe­ra cro­ma­ti­ca al­la Brod­way Denny Ro­se? In ef­fe­ti quan­do ho chie­sto dei co­lo­ri che non fos­se­ro chiaz­ze, ma des­se­ro una amal­ga­ma te­nue, ho pen­sa­to ai suoi film di 15-20 an­ni fa. Ma Al­len è un ge­nio, io so­no un co­mi­co». La lo­gi­ca del­la cop­pia pia­ce ad en­tram­bi: «La cop­pia era un clas­si­co del ci­ne­ma che si è un po’ per­so ed è giu­sto re­cu­pe­rar­lo» os­ser­va Ver­do­ne. «Bian­co Ros­so e Ver­so­ne lo vi­di a 18 an­ni e mi esal­tò. Può es­se­re che nel­la mia ge­stua­li­tà ci sia qual­co­sa di Car­lo», di­ce Al­ba­ne­se. De Lau­ren­tiis rac­con­ta la sua nuo­va crea­tu­ra sve­lan­do uno spar­ti­to crea­ti­vo col­lau­da­to... «Con Car­lo si la­vo­ra sem­pre nel­lo stes­so mo­do. Spal­la a spal­la. Poi scom­pa­re e quan­do tor­na se per­ce­pi­sci l’im­ba­raz­zo tra lui e Pla­sti­no sai an­che che non han­no an­co­ra tro­va­to la... sto­ria. Lo­ro so­no co­me due in­na­mo­ra­ti scaz­za­ti, cer­te vol­te. Quan­do la sto­ria c’è Car­lo en­tra co­me una fu­ria e ti rac­con­ta il film re­ci­tan­do an­che le al­tre par­ti. E lui è uno che nei suoi per­so­nag­gi cer­ca sem­pre la sin­te­si tra le va­rie uma­ni­tà che lo col­pi­sco­no nel­la sua vi­ta quo­ti­dia­na. Poi mi ci met­to an­che io. E de­vo di­re che per sop­por­tar­mi ci vuo­le una gran­de umiltà. Di que­sto rin­gra­zio Car­lo, dal 2004 ab­bia­mo la­vo­ra­to a film che han­no sem­pre avu­to il ri­scon­tro del pub­bli­co. Poi se pro­prio vo­ler­lo sa­per­lo di­bat­te­re per ar­ri­va­re a un film si­gni­fi­ca cer­ca­re quel­lo che il pub­bli­co vuo­le. E il pub­bli­co è il com­mit­ten­te prin­ci­pa­le». Ora toc­ca a L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa pas­sa­re al giu­di­zio del­le sa­le. La sen­sa­zio­ne è che il ci­clo Ver­do­neAl­ba­ne­se sia ap­pe­na aper­to... «No, la re­gia a quat­tro ma­ni no eh... Mi vo­le­te fa­re im­paz­zi­re». De Lau­ren­tiis scac­cia via con ele­gan­za quel­lo che evi­den­te­men­te rap­pre­sen­ta per lui qual­co­sa di si­mi­le a un in­cu­bo. Ma la do­man­da in sa­la ten­de­va a chie­de­re ad Al­ba­ne­se co­me si è tro­va­to con Ver­do­ne re­gi­sta e se lo avreb­be mai di­ret­to. Il pa­tron del­la Fil­mau­ro spie­ga: «Scu­sa An­to­nio non è cer­to per te, pen­sa­vo si par­las­se di una re­gia in­sie­me». E An­to­nio-Yu­ri di­ce. «La­vo­ra­re con Car­lo re­gi­sta in una com­me­dia è una for­tu­na per­ché è il suo ter­re­no e lui co­no­sce i tem­pi. Cer­to che lo di­ri­ge­rei. Fi­no a sfi­nir­lo, per­ché quan­do è stan­co fa ri­de­re an­co­ra di più». f.m.s.

Il mo­men­to, par­ti­co­lar­men­te ani­ma­to, in cui Yu­ri chie­de aiu­to ad Ar­tu­ro

Ar­tu­ro con­vin­ce Yu­ri a por­ta­re la va­li­get­ta ai Ca­ra­bi­nie­ri, ma...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.