ZA­RA­TE «Un po’ di for­tu­na e sa­rà scu­det­to»

«So­no ve­nu­to al­la Fio­ren­ti­na per tor­na­re pro­ta­go­ni­sta Noi tra le pri­me 3. La mia te­sta cal­da? Si è raf­fred­da­ta»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Fiorentina - Di Ales­san­dro Rial­ti

E’ tor­na­to, pri­ma che fos­se tar­di, in tem­po per pro­va­re a ri­pren­der­si quel­lo che ave­va fat­to in­tra­ve­de­re: un at­tac­can­te scal­tro, un ar­gen­ti­no ca­pa­ce di tocchi di clas­se e gol, uno al­la Da­niel Ber­to­ni che fe­ce la pro­pria e la for­tu­na del­la Fio­ren­ti­na non ap­pe­na ria­pri­ro­no le fron­tie­re del cal­cio. E’ tor­na­to Za­ra­te, con un pie­no di ot­ti­mi­smo e fur­bi­zia, sul­le spal­le ha de­ci­so di met­ter­si il nu­me­ro set­te, pu­re quel­lo ma­gi­co. Sì, quel­lo che fu pro­prio di Ber­to­ni. So­lo lon­ta­ne si­mi­li­tu­di­ni? Sì. Fa­sce di­ver­se? Za­ra­te su quel­la man­ci­na e Ber­to­ni a de­stra? Non so­lo quel­la. Da­niel era tat­ti­ca­men­te più di­sci­pli­na­to, Za­ra­te e il drib­bing so­no im­pre­scin­di­bi­li. E poi lui...vor­reb­be gio­ca­re «at­tac­can­te li­be­ro». For­se non lo sa ma con Sou­sa non sa­rà af­fat­to fa­ci­le. Pe­rò è ar­ri­va­to in vio­la per po­co più di due mi­lio­ni, me­no era im­pos­si­bi­le per una se­du­zio­ne.

SI RAC­CON­TA. Ie­ri al Fran­chi si è rac­con­ta­to, con quel sor­ri­so am­mic­can­te sul­la fac­cia: «Ho scel­to la Fio­ren­ti­na per­ché è una squa­dra che lot­ta per lo scu­det­to, per en­tra­re in Cham­pions Lea­gue ed è pro­ta­go­ni­sta in Eu­ro­pa Lea­gue. Vo­glia­mo vin­ce­re qual­co­sa. L’obiet­ti­vo è quel­lo di lot­ta­re per i pri­mi tre po­sti del­la clas­si­fi­ca, se pos­si­bi­le an­che per lo scu­det­to an­che se ser­vi­rà un bel piz­zi­co di for­tu­na. Na­po­li e Ju­ven­tus stan­no fa­cen­do mol­to be­ne: noi do­vre­mo sta­re al lo­ro li­vel­lo e spe­ra­re di ave­re la sor­te dal­la no­stra par­te». So­gna­re sì, ma spe­ran­do nell’aiu­to del­la for­tu­na. «So­no fe­li­ce di es­se­re tor­na­to in Ita­lia, di ave­re una nuo­va op­por­tu­ni­tà per di­mo­stra­re chi so­no dav­ve­ro. Ho scel­to di di­re sì al­la Fio­ren­ti­na per ri­met­ter­mi in gio­co e tor­na­re ad es­se­re an­co­ra pro­ta­go­ni­sta. L’espe­rien­za in­gle­se al We­st Ham è sta­ta bel­lis­si­ma, ma non mi tro­va­vo be­ne nel ruo­lo che era sta­to di­se­gna­to per me: so­no qui per fa­re l’at­tac­can­te. Che co­sa in­ten­do? Mi pia­ce es­se­re… li­be­ro da ogni sche­ma, non ave­re e non da­re ri­fe­ri­men­ti agli av­ver­sa­ri. Se ho par­la­to con Sou­sa? Sì, ov­vio (ri­de, ndr)». Sul suo ca­rat­te­re: «La mia pre­sun­ta “te­sta cal­da” si è… raf­fred­da­ta. Ha con­tri­bui­to sì l’espe­rien­za in In­ghil­ter­ra, ma so­prat­tut­to l’es­se­re di­ven­ta­to pa­dre, ol­tre all’es­se­re cre­sciu­to co­me uo­mo. Tut­te que­ste co­se mes­se in­sie­me con­tri­bui­sco­no a far­ti sta­re più tran­quil­lo. L’ul­ti­mo pe­rio­do vis­su­to al­la La­zio mi ha toc­ca­to tan­tis­si­mo, ave­vo per­so fi­du­cia, poi ho ri­co­min­cia­to a fa­re be­ne in Ar­gen­ti­na e in In­ghil­ter­ra e mi so­no ri­mes­so in car­reg­gia­ta.

I MIEI ER­RO­RI. Un rac­con­to a cuo­re aper­to: « Er­ro­ri di cui mi so­no pen­ti­to? Tan­ti, a co­min­cia­re dal­la scel­ta di an­da­re in Qa­tar quan­do ave­vo ap­pe­na 19/20 an­ni. Non ho per­so tan­tis­si­mo tem­po, ma è sta­ta una scel­ta sba­glia­ta. Agli scet­ti­ci co­mun­que di­co di aspet­ta­re per ca­pi­re se dav­ve­ro han­no ra­gio­ne lo­ro o no. An­che quan­do so­no ar­ri­va­to al­la La­zio nes­su­no mi co­no­sce­va, ep­pu­re di re­ti ne ho fat­te tan­te (24 in 126 par­ti­te, ndr). L’im­pres­sio­ne che ho avu­to do­me­ni­ca scor­sa, nel gior­no del mio esor­dio, è sta­ta straor­di­na­ria: i ti­fo­si so­no cal- dis­si­mi, lo sta­dio re­ga­la bri­vi­di ed emo­zio­ni im­por­tan­ti ed il cen­tro spor­ti­vo è di quel­li da gran­di club». Un al­tro ar­gen­ti­no in un cam­pio­na­to esal­ta­to pro­prio dai suoi con­naz­zio­na­li: «Da ar­gen­ti­no so­no fe­li­ce che Dy­ba­la e Hi­guain, stia­no fa­cen­do mol­to be­ne. Dy­ba­la è ap­pro­da­to que­st’an­no in un club im­por­tan­tis­si­mo co­me la Ju­ven­tus ed ha su­bi­to sa­pu­to far­si ap­prez­za­re. Hi­guain, se­con­do me, è la pun­ta cen­tra­le mi­glio­re del mon­do. Que­sta è la squa­dra in cui Ba­ti­stu­ta è di­ven­ta­to gran­de e per noi ar­gen­ti­no

Ba­ti­stu­ta è il top».

AN­CHE LA COP­PA. Il cam­pio­na­to per tor­na­re a so­gna­re e a se­gna­re, ma an­che la Cop­pa. «Il Tot­te­n­ham è una squa­dra fi­si­ca­men­te for­te, gui­da­ta da un al­le­na­to­re ar­gen­ti­no (Po­chet­ti­no, ndr) che fa gio­ca­re be­ne il grup­po. Ci aspet­ta una par­ti­ta in cui non do­vre­mo com­met­te­re nem­me­no un er­ro­re, ap­pro­fit­tan­do, pu­nen­do­li, del­le lo­ro svi­ste». Una co­sa è cer­ta: Za­ra­te è tor­na­to e scom­met­te su se stes­so.

Avrà la 7 di Ber­to­ni «Vo­glio fi­nal­men­te vin­ce­re qual­co­sa Vor­rei gio­ca­re at­tac­can­te.. li­be­ro»

«Er­ro­ri nel­la mia car­rie­ra? Tan­ti. Agli scet­ti­ci di­co: an­che al­la La­zio ar­ri­vai da... sco­no­sciu­to»

SE­STI­NI

Mau­ro Za­ra­te, 29 an­ni a mar­zo: mo­stra la sua ma­glia nu­me­ro 7, quel­la di Da­niel Ber­to­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.