DE TOMMASO «Cor­ro sen­za al­le­nar­mi mi pre­pa­ro con la men­te»

«Gi­ra­re co­sta trop­po: non me lo pos­so per­met­te­re»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Rally -

Il ta­len­to se­gue a vol­te stra­ni per­cor­si, un po’ co­me quel­li del­la vi­ta. Ma se ce l’hai, il ta­len­to, non te lo può to­glie­re nes­su­no. Nean­che le mi­ni­me pos­si­bi­li­tà per­so­na­li di po­ter­lo ali­men­ta­re. E al­lo­ra fai e dai il mas­si­mo con quel­lo che ti vie­ne mes­so a di­spo­si­zio­ne e quan­do ne hai fa­col­tà.

Ec­co, quel­lo che stu­pi­sce del­la sto­ria di Da­mia­no De Tommaso, va­re­si­no, clas­se 1996, 20 an­ni il 5 feb­bra­io, l’al­tro pi­lo­ta sul qua­le l’ACI Team Ita­lia ha de­ci­so di in­ve­sti­re, è pro­prio que­sta im­mer­sio­ne to­ta­le nell’uni­ver­so ral­ly. Do­ve il to­ta­le non sta in una vi­ta de­di­ca­ta ani­ma e cor­po al­le co­rse, al­la mac­chi­na, in­som­ma al ri­sul­ta­to. Ma ap­pun­to al­la vi­ta, quel­la che con­du­ce in fa­mi­glia - è fi­glio uni­co - che vie­ne pri­ma di qual­sia­si co­sa. An­che se il ral­ly, co­me am­met­te lo stes­so Da­mia­no ... «è l’uni­ca pas­sio­ne del­la mia esi­sten­za».

Fac­cia­mo or­di­ne: co­me An­dol­fi, De Tommaso ha di­cia­mo una par­ten­za na­tu­ra­le. Nel sen­so che an­che suo pa­dre, Co­si­mo, ha cor­so a lun­go nei ral­ly du­ran­te gli an­ni ‘90. Per cui an­che in que­sto ca­so, il DNA e l’esem­pio han­no la lo­ro in­ci­den­za nel­le scel­te di Da­mia­no. Ma que­sto è l’uni­co pun­to di con­tat­to rea­le con il col­le­ga-ri­va­le. «Ho co­min­cia­to su qual­co­sa a mo­to­re a 8 an­ni, sui kart - rac­con- ta - ma già pen­sa­vo ai ral­ly e ci so­no ar­ri­va­to die­ci an­ni do­po do­po un pas­sag­gio im­por­tan­te con le Co­rse in mon­ta­gna. Ma aspet­ta­vo­lo so­lo i ral­ly: a di­re la ve­ri­tà mi so­no iscrit­to al pri­mo dav­ve­ro im­por­tan­te an­co­ra pri­ma di ave­re la pa­ten­te. Il ve­ner­dì fe­ci l’esa­me di pra­ti­ca e poi an­dai su­bi­to a cor­re­re».

Da qui ini­zia­no le dif­fe­ren­ze con An­dol­fi, per­ché De Tommaso non si può al­le­na­re per le ga­re! «Sia chia­ro, non è che non vo­glio al­le­nar­mi. La real­tà è che su­bi­to do­po il di­plo­ma di pe­ri­to mec­ca­ni­co ho ini­zia­to a la­vo­ra­re nell’of­fi­ci­na di mio pa­dre e da lu­ne­dì al ve­ner­dì la­vo­ro con lui. Al­tro spa­zio e tem­po non ne ho. Sen­za di­men­ti­ca­re che al­le­nar­si ha un co­sto mol­to mol­to al­to che non ci pos­sia­mo per­met­te­re di so­ste­ne­re. Un mo­ti­vo in più per rin­gra­zia­re l’ACI Team Ita­lia per aver­mi vo­lu­to nel suo grup­po con­sen­ten­do­mi di par­te­ci­pa­re al Mon­dia­le».

Va be­ne, ma co­me si pre­pa­ra per le co­rse? «Sfrut­tan­do ogni pos­si­bi­li­tà che si pre­sen­ta: du­ran­te le ri­co­gni­zio­ni, di­ret­ta­men­te in ga­ra. Al­la fi­ne l’al­le­na­men­to rea­le è quel­lo men­ta­le di pre­pa­ra­zio­ne al­la ga­ra. Cer­to, co­sì è mol­to più dif­fi­ci­le ma or­mai mi so­no abi­tua­to e il team mi aiu­ta in ogni mo­do per cer­ca­re di col­ma­re que­sto gap di par­ten­za».

Il suo ido­lo nei ral­ly, pa­dre a par­te?

ACI

Da­mia­no De Tommaso in azio­ne al Mon­te­car­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.