Puc­cia­rel­li e poi Eder Samp-Em­po­li fi­ni­sce pa­ri

Giam­pao­lo sfio­ra il col­po, l’az­zur­ro di Con­te fir­ma il pa­ri

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Da Prima Pagina - Di Clau­dio Baf­fi­co

Bel­lo, or­ga­niz­za­to e in­ge­nuo. I mil­le vol­ti dell'Em­po­li si ri­spec­chia­no an­che al “Ferraris” con­tro la Samp­do­ria, in una ga­ra che i to­sca­ni avreb­be­ro po­tu­to vincere, per poi ri­schia­re for­te­men­te di per­der­la. Nel com­ples­so il ri­sul­ta­to di 1-1 ap­pa­re fe­de­le, an­che se la Samp può re­cri­mi­na­re per un pa­io di oc­ca­sio­ni fal­li­te nel fi­na­le.

L'Em­po­li azio­na da su­bi­to il pi­lo­ta au­to­ma­ti­co, ir­re­ten­do la Samp in un'in­fi­ni­ta re­te di pas­sag­gi. Gli ospi­ti si fan­no pre­fe­ri­re sia

L’AV­VIO.

A di­spo­si­zio­ne: Pe­la­got­ti, Pugliesi, Zam­bel­li, Bar­ba, Cam­po­re­se, Bit­tan­te, Ronaldo, Piu, Li­va­ja. sot­to il pro­fi­lo del­la per­so­na­li­tà che del­la qua­li­tà del gio­co, ma dal­la tre­quar­ti in poi è not­te fon­da, com­pli­ce un pri­mo tem­po non in­di­men­ti­ca­bi­le di Sa­po­na­ra. Sul fron­te op­po­sto, la Samp va a fiam­ma­te, ma più che dai di­fen­so­ri to­sca­ni vie­ne si­ste­ma­ti­ca­men­te fer­ma­ta dall'im­pec­ca­bi­le trap­po­la del fuo­ri­gio­co te­sa da To­nel­li e com­pa­gni.

Nell'in­ter­val­lo Giam­pao­lo av­vi­cen­da Maiello con Dious­se, ma la gio­va­ne stel­la bian­coaz­zur­ra si se­gna­la più per una se­rie di in­ge­nui­tà che per la so­li­ta so­stan­za in mezzo al cam­po.

IN­GE­NUO.

E co­sì, se al set­ti­mo mi­nu­to ri­me­dia un car­tel­li­no gial­lo per fer­ma­re una ri­par­ten­za di So­ria­no, tren­ta mi­nu­ti più tar­di rischia ad­di­rit­tu­ra l'espul­sio­ne per un ri­schio­so in­ter­ven­to ai dan­ni di Fer­nan­do. Ma l'Em­po­li con­ti­nua a ma­ci­na­re gio­co come nul­la fos­se, e al pri­mo ve­ro ti­ro ver­so la porta di­fe­sa da Vi­via­no tro­va il gol del van­tag­gio: Sa­po­na­ra pen­nel­la un cross per Puc­cia­rel­li che, do­po aver elu­so l'in­ter­ven­to gof­fo di Zu­ka­no­vic, spe­di­sce la sfe­ra lad­do­ve il por­tie­re blu­cer­chia­to pro­prio non può ar­ri­va­re.

CAM­BI.

Mi­ster Zen­ga cer­ca di cor­re­re im­me­dia­ta­men­te ai ri­pa­ri in­se­ren­do Muriel per Cas­sa­no (elo­gia­to a fi­ne ga­ra da Zen­ga per la te­na­cia con cui sta rin­cor­ren­do la con­di­zio­ne mi­glio­re) e Cor­rea per So­ria­no, ma a fa­vo­ri­re il gol del pa­reg­gio con­tri­bui­sce an­co­ra il mal­ca­pi­ta­to Dious­se, che per­de un pal­lo­ne sulla pro­pria tre­quar­ti per­met­ten­do a Fer­nan­do di pe­ne­tra­re nel­la di­fe­sa av­ver­sa­ria e di ser­vi­re a Eder uno splen­di­do as­si­st: l'at­tac­can­te del­la Na­zio­na­le ita­lia­na con­fer­ma di at­tra­ver­sa­re un pe­rio­do d'oro con una con­clu­sio­ne an­go­la­ta che ren­de va­no il tuf­fo di Sko­rup­ski.

Da qui in avan­ti la Samp­do­ria ac­qui­sta co­rag­gio, men­tre l'Em­po­li sten­ta a ren­der­si vi­vo dal­le par­ti di Vi­via­no.

La ghiot­ta pal­la gol di mar­ca Samp ca­pi­ta all'in­ter­pre­te sba­glia­to: Cor­rea, in­fat­ti, non ha la fred­dez­za di Eder e Muriel e fal­li­sce una fa­ci­le oc­ca­sio­ne. Ad aiu­ta­re la Samp nel for­cing fi­na­le ci pro­va an­co­ra una vol­ta il di­sa­stro­so Dious­se, ri­me­dian­do quel car­tel­li­no ros­so evi­ta­to in pre­ce­den­za. Fa­ta­le l’en­ne­si­mo fal­lo su Fer­nan­do.L'oc­ca­sio­ne pro­pi­zia ar­ri­va, ma Muriel non la tra­sfor­ma in re­te, con­sen­ten­do co­sì all'Em­po­li di usci­re dal “Ferraris” con un pa­reg­gio me­ri­ta­to.

Un ri­sul­ta­to che cam­bia po­co la clas­si­fi­ca del­le due squa­dre, ma che raf­for­za le con­vin­zio­ni di Giam­pao­lo e spin­ge Zen­ga a pro­va­re a ri­pren­der­si già lu­ne­dì a Ve­ro­na i pun­ti la­scia­ti per stra­da.

OC­CA­SIO­NE.

Eder, 28 an­ni

Eder, 28 an­ni, 8 gol in 10 ga­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.