All Blacks, at­ten­ti al... la­dro

MON­DIA­LI Og­gi fi­na­le Nuo­va Ze­lan­da-Au­stra­lia: Po­cock, re del­le pal­le ru­ba­te, sfi­da i gran­di fa­vo­ri­ti

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Rugby - Di Ste­fa­no Se­me­ra­ro

Cen­to­die­ci an­ni fa an­ni fa, do­po un viag­gio lun­go un me­se fra Atlan­ti­co e Pa­ci­fi­co, at­trac­ca­ro­no in un gri­gio po­me­rig­gio di set­tem­bre a Ply­mou­th e da lì par­ti­ro­no per cam­bia­re fac­cia al rugby. Il no­me se lo gua­da­gna­ro­no pro­prio in quel mi­ti­co tour fat­to di 35 par­ti­te e 34 vit­to­rie: All Blacks. Era­no "the Ori­gi­nals", i Tut­ti Ne­ri doc, gui­da­ti dai baf­fo­ni a ma­nu­brio di ca­pi­tan Gal­la­her, an­te­na­ti già me­ra­vi­glio­si di quel­li che og­gi al­le 17, sul sa­cro pra­to di Twic­ke­n­ham, sfi­de­ran­no l'Au­stra­lia nel­la fi­na­le del­la ot­ta­va Cop­pa del Mon­do di rugby.

La fi­na­le dei so­gni, la par­ti­ta più spet­ta­co­la­re. Sia All Blacks sia Wal­la­bies, di Cop­pe ne han­no già vin­te due (più una fi­na­le), i neo­ze­lan­de­si so­no cam­pio­ni in ca­ri­ca e pos­so­no di­ven­ta­re i pri­mi del­la sto­ria a pren­der­se­ne due di fi­la. So­no i su­per­fa­vo­ri­ti, la squa­dra più sa­tu­ra di ta­len­to e velocità. In fi­na­le so­no arrivati scin­til­lan­do con­tro la Fran­cia e rin­ghian­do con­tro il Sud Afri­ca. L'ere­de di Gal­la­her è Ri­chie McCaw, l'uo­mo del­le 130 vit­to­rie in 147 pre­sen­ze in na­zio­na­le, il lea­der di un grup­po di "ve­ci" da leg­gen­da che com­pren­de an­che il pie­de in­fal­li­bi­le di Dan Car­ter, la fu­ria mao­ri di Ma'a No­nu, l'in­tel­li­gen­za di Con­rad Smi­th.

Pos­so­no con­ta­re su due ali fan­ta­scien­ti­fi­che come Ju­lian Sa­vea, il nuo­vo Jonah Lo­mu, e Ne­he Mil­ner-Skud­der, il "ma­go" che at­tra­ver­sa le di­fe­se, in ge­ne­ra­le su un re­par­to di tre-quar­ti di qua­li­tà alie­na. Non han­no qua­si di­fet­ti, for­se un la­to me­no for­te nel­la mi­schia. In quel­la che sa­rà la 155esi­ma re­pli­ca del mat­ch più gio­ca­to del­la sto­ria del rugby (105 suc­ces­si neo­ze­lan­de­si, 42 au­stra­lia­ni, 7 pa­reg­gi) i Wal­la­bies di coa­ch Mi­chael Chei­ka pro­ve­ran­no a in­cep­pa­re la fa­vo­lo­sa

MA­GO.

mac­chi­na da guer­ra de­gli "ABs" pun­tan­do so­prat­tut­to su una terza li­nea di corsari: Scott Far­dy, il gi­gan­te bar­bu­to che sa re­si­ste­re an­che agli tsu­na­mi, Mi­chael Hoo­per e so­prat­tut­to Da­vid Po­cock, per ora for­se il mi­glior gio­ca­to­re del mondiale, spe­cia­li­sta as­so­lu­to dei tur­no­ver: fi­no­ra ha ru­ba­to 14 pal­lo­ni, cinque più di chiun­que al­tro.

Un Arsenio Lu­pin dal­la fac­cia am­mac­ca­ta che fuo­ri dal cam­po è fa­mo­so per le sue at­ti­vi­tà nel­le cam­pa­gne am­bien­ta­li­ste e an­ti-omo­fo­bia. Gli aus­sies as­sie­me al Gal­les han­no con­tri­bui­to a but­ta­re fuo­ri già nel­la

ARSENIO.

fa­se a gi­ro­ni l'Inghilterra pa­dro­na di ca­sa, poi han­no ri­schia­to di brut­to con­tro la Sco­zia nei quar­ti e fa­ti­ca­to più del pre­vi­sto con­tro l'Ar­gen­ti­na in se­mi­fi­na­le. San­no col­pi­re come ma­ri­ne per­fet­ta­men­te or­ga­niz­za­ti, ma ogni tan­to fi­ni­sco­no in bar­ca men­tal­men­te, per la di­spe­ra­zio­ne di "Cheik", l'al­le­na­to­re 48 en­ne di ori­gi­ne li­ba­ne­se, vec­chia co­no­scen­za dell'Ita­lia (ha gio­ca­to a Li­vor­no e al­le­na­to a Pa­do­va, il pre­si­den­te del­la Fir Ga­vaz­zi lo vo­le­va per il do­po-Bru­nel) che ha fat­to i mi­lio­ni ven­den­do i jeans che piac­cio­no tan­to a Vic­to­ria Bec­kham, al­le­na­to il Lein­ster dei mi­ra­co­li e che nel gi­ro di un an­no ha tra­sfor­ma­to una squa­dra in cri­si in una ciur­ma di suc­ces­so.

Vin­cen­do og­gi, fra l'al­tro, l'Au­stra­lia sor­pas­se­reb­be gli stes­si All Black nel ran­king, is­san­do­si per la pri­ma vol­ta al n.1 ed en­tran­do in un club fre­quen­ta­to fi­no ad ora so­lo da Nuo­va Ze­lan­da, Inghilterra e Sud Afri­ca. Ad ar­bi­tra­re sa­rà Ni­gel Owens, il più fa­mo­so fi­schiet­to ova­le, e co­mun­que va­da sa­rà un suc­ces­so: in que­sto Mondiale do­mi­na­to dall'emi­sfe­ro sud la vec­chia Inghilterra ha ospi­ta­to più di 2,4 mi­lio­ni di spet­ta­to­ri, 52 mi­la a par­ti­ta. Nu­me­ri da mondiale di cal­cio.

Lon­dra ospi­ta la par­ti­ta dei so­gni e dei re­cord: per en­tram­bi in pa­lio c’é la 3ª Cop­pa

Da­vid Po­cock, 27 an­ni, re­cu­pe­ra l’ova­le an­ti­ci­pan­do Juan Mar­tin Fer­nan­dez Lob­be, 33 an­ni, nel­la se­mi­fi­na­le vin­ta con­tro l’Ar­gen­ti­na (g.mar.) Nuo­va Ze­lan­da con­tro Au­stra­lia non so­lo è l'epilogo del­la Cop­pa del Mon­do ma an­che lo spa­reg­gio per il pri­mo po­sto nel ran­king mondiale. Quat­tro ti­to­li mon­dia­li in cam­po a Twic­ke­n­ham, due per par­te. Chi vin­ce sa­le a tre mon­dia­li, come nes­su­no. Gli All Blacks so­no sa­li­ti sul tet­to del mon­do so­lo in oc­ca­sio­ne dei Mon­dia­li di ca­sa (1987 e 2011). In­ve­ce l'Au­stra­lia ha vin­to i suoi due ti­to­li sem­pre nel Re­gno Uni­to (1991 e 1999). Tre i pre­ce­den­ti tra le due su­per­po­ten­ze dell'emi­sfe­ro Sud nel­la fa­se fi­na­le del­la Cop­pa: 2-1 per i Come da pro­no­sti­co è il Su­da­fri­ca a chiu­de­re al ter­zo po­sto la Cop­pa del Mon­do, bat­ten­do al­lo Sta­dio Olim­pi­co di Lon­dra l’Ar­gen­ti­na 24-13. No­no­stan­te le parole del­la vi­gi­lia del commissario tec­ni­co Meyer, per il qua­le que­sta “fi­na­li­na” non con­ta­va nul­la, gli Spring­boks han­no net­ta­men­te pre­val­so, ap­pro­fit­tan­do del­la chia­ra su­pe­rio­ri­tà fi­si­ca (i Pu­mas era­no de­ci­ma­ti da­gli in­for­tu­ni), e si so­no im­po­sti gra­zie al­le me­te di Pie­ter­sen e Etze­be­th e ai pre­ci­si cal­ci di Pol­lard.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.