Sou­sa ci cre­de «Vo­glio vin­ce­re an­che a Fi­ren­ze»

«E ora oc­chio al Sas­suo­lo»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Da Prima Pagina - Di Ales­san­dro Rial­ti

Vin­ce­re, con la Fio­ren­ti­na da al­le­na­to­re quan­to è riu­sci­to a vin­ce­re da gio­ca­to­re nei club do­ve è sta­to. Un’enor­mi­tà di obiet­ti­vi. Splen­di­do tra­guar­do-spe­ran­za quel­lo che Pau­lo Sou­sa. Che giu­sta­men­te pro­po­ne a tut­ti, squa­dra, di­ri­gen­ti, ti­fo­si ed ad­det­ti ai la­vo­ro, di sa­li­re sul suo car­ro ver­so il so­le. E’ co­sì che si so­gna e si cre­sce.

PRI­MI A NA­TA­LE? «Ab­bia­mo co­min­cia­to a la­vo­ra­re con un’idea pre­ci­sa, tra­smet­te­re a tut­ti i gio­ca­to­ri e a chi la­vo­ra con noi la vo­glia e la ri­cer­ca di ar­ri­va­re a tra­guar­di im­por­tan­ti. Que­sto è il mio obiet­ti­vo da quan­do so­no ar­ri­va­to qui: vo­glio da al­le­na­to­re vin­ce­re co­me mi­ni­mo quan­to ho vin­to da gio­ca­to­re. Al­le­no per que­sto e spe­ro di riu­scir­ci. Per ta­le mo­ti­vo, per al­lar­ga­re sem­pre più la ‘pe­ri­fe­ria’ e gli oriz­zon­ti, ho bi­so­gno di tut­ti, gio­ca­to­ri, taff, am­bien­te...».

DO­PO BA­SI­LEA. «So­no tor­na­to con la con­sa­pe­vo­lez­za che la squa­dra sta cre­scen­do an­che sul pia­no ca­rat­te­ria­le, è sem­pre più con­vin­ta, ci cre­de sem­pre di più, ha le idee sem­pre più chia­re su quel­lo che de­ve fa­re. Co­sì si pren­do­no de­ci­sio­ni più ve­lo­ce­men­te e più orien­ta­te ver­so l’obiet­ti­vo. E’ una squa­dra sem­pre più ma­tu­ra e que­sto mi dà mol­ta fi­du­cia per af­fron­ta­re il fu­tu­ro. Io la­vo­ro sem­pre per mi­glio­ra­re i sin­go­li all’in­ter­no di un’iden­ti­tà co­mu­ne. Me­no tur­no­ver d’ora in avan­ti? Ci so­no al­cu­ni gio­ca­to­ri che han­no bi­so­gno di una spin­ta in più per ar­ri­va­re al li­vel­lo del­la squa­dra, ma que­sto è il mio com­pi­to». Pau­lo è con­vin­to, for­se man­che­rà un po’ di ben­zin a ma la Fio­ren­ti­na ha un gran mo­to­re. E lui è il suo mec­ca­ni­co.

KA­LI­NIC. Le fo­to di Ka­li­nic pic­chia­to a Ba­si­le. «Ni­ko­la è un gio­ca­to­re in­na­mo­ra­to del cal­cio, gli pia­ce gio­ca­re e si muo­ve tan­to. Pren­de an­che da sem­pre bot­te im­por­tan­ti. Le re­go­le ar­bi­tra­li mi pa­re che sia­no mol­to chia­re, per que­sto chie­dia­mo ri­spet­to per tut­ti i pro­ta­go­ni­sti che van­no in cam­po, lui com­pre­soi. La fo­to­gra­fia del­le gam­be di Ka­li­nic? An­che die­tro non è me­no sof­fe­ren­te…»

GRAN­DE SAS­SUO­LO. E lu­ne­dì sa­rà un’al­tra bat­ta­glia: «Gio­ve­dì la squa­dra ha spe­so mol­te ener­gie, l’al­le­na­men­to odier­no (ie­ri ndr) è sta­to di re­cu­pe­ro as­so­lu­to. Da do­ma­ni (og­gi ndr) ini­zie­re­mo a la­vo­ra­re in ma­nie­ra stra­te­gi­ca sul­la par­ti­ta col Sas­suo­lo e so­no cer­to che per que­sta ga­ra ar­ri­ve­re­mo tut­ti pron­ti e re­cu­pe­ra­ti per spen­de­re al­tre ne­ces­sa­rie ener­gie. E’ una par­ti­ta dif­fi­ci­le che col mio staff ho ini­zia­to a stu­dia­re da ve­ner­dì, af­fron­tia­mo un av­ver­sa­rio che può com­pe­te­re ad al­ti li­vel­li sia in ca­sa che fuo­ri co­me si è vi­sto fi­no­ra, che ha fat­to del­la sta­bi­li­tà tec­ni­ca e del­la pro­gram­ma­zio­ne un dei suoi pun­ti di for­za, insieme al va­lo­re del gio­co con ver­ti­ca­liz­za­zio­ni, ve­lo­ci­tà di ese­cu­zio­ne nel­le due fa­si, all’iden­ti­tà e al­la qua­li­tà dei gio­ca­to­ri, com­pre­si quel­li che già c’era­no e che so­no ma­tu­ra­ti. So­no mol­to con­ten­to quan­do ve­do so­cie­tà e squa­dre la­vo­ra­re co­sì. In­som­ma, que­sta sfi­da che ci ri­chie­de­rà un li­vel­lo al­tis­si­mo, fi­si­co e men­ta­le, per vin­cer­la».

RON­CA­GLIA E ROS­SI. La gra­ve espul­sio­ne: «Ron­ca­glia? Lo ve­do pron­to per aiu­ta­re la squa­dra a vin­ce­re, co­me del re­sto tut­ti gli al­tri. E’ un gio­ca­to­re che ha qua­li­tà e ca­rat­te­ri­sti­che im­por­tan­ti, de­ve la­vo­ra­re (e lo sta fa­cen­do) per ave­re sem­pre me­no rea­zio­ni co­me quel­le col Ba­si­lea. Da tut­ti i miei gio­ca­to­ri non so­lo Sua­rez vi­sto che mi chie­de­te an­co­ra del­la sua esclu­sio­ne, mi at­ten­do or­go­glio e vo­glia di gio­ca­re sen­za li­mi­ti. Ros­si era sta­to de­ci­si­vo due an­ni pro­prio in tra­sfer­ta col Sas­suo­lo? Non vor­rei ri­pe­ter­mi an­co­ra al ri­guar­do, lui me­ri­ta si­cu­ra­men­te tan­to per la sua sto­ria e su que­sto stia­mo la­vo­ran­do. Sul pia­no fi­si­co è pron­to per gio­ca­re, an­che dal pun­to di vi­sta men­ta­le ed emo­ti­vo. Ora pe­rò de­ve su­pe­ra­re un al­tro step, quel­lo che ri­guar­da l’aspet­to del­la com­pe­ti­zio­ne. E io de­vo aiu­tar­lo man­te­nen­do i suoi equi­li­bri e quel­li del­la squa­dra. Il suo umo­re è va­ria­bi­le? Ca­pi­ta quan­do non si gio­ca e si al­ter­na­no buo­ni al­le­na­men­ti ad al­tri me­no buo­ni. La va­ria­bi­li­tà co­mun­que ri­guar­da la vi­ta di tut­ti noi, non ci si sve­glia ogni gior­no sem­pre fe­li­ci e fie­ri».

Sou­sa, 45 an­ni, al­le­na­to­re del­la Fio­ren­ti­na

Sou­sa con l’au­reo­la: so­gna di ar­ri­va­re in te­sta a Na­ta­le e di ri­pe­te­re i suoi suc­ces­si al­la Fio­ren­ti­na

A cen­ti­na­ia a Ba­si­lea, in 2500 a Reg­gio Emi­lia per la sfi­da col Sas­suo­lo: che en­tu­sia­smo fra i ti­fo­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.